L’Italia emerge come il prossimo apripista nella Gig Economic Workers ‘War

L’anno scorso, Daniel, un autista di distribuzione di terze parti per Amazon in Italia, ha notato che centinaia di euro sono stati detratti dal suo stipendio di 6.600 mesi sui biglietti di trasporto. Ma invece di essere un guidatore sbadato, ha detto che i reati di eccesso di velocità e di parcheggio della società sono stati resi necessari dall’orario richiesto dalla società.

Durante uno sciopero a Castell San Giovanni la scorsa settimana per le condizioni di lavoro in Amazzonia, ha detto: “Siamo tenuti in ostaggio da un meccanismo che calcola la nostra routine quotidiana e richiede una media di 140 consegne durante il turno di otto ore”. Si trovava di fronte a un cartello che diceva: “Non abbiamo pacchi”.

Amazon Italia ha respinto il suggerimento che i fornitori di servizi di consegna fossero soggetti a pressioni indebite da parte dei mezzi dell’azienda, sostenendo che tutti i suoi lavoratori erano beneficiari del Contratto Collettivo Nazionale di Basilea.

Tuttavia, Daniel – che ha rifiutato di dare il suo cognome – ha detto che i lavoratori “dovrebbero consegnare un pacco ogni tre minuti. Ovviamente guidiamo il tachimetro, o fermiamo il furgone sul vialetto e poi facciamo pagare la multa alla compagnia. “

La protesta, che è stato il primo sciopero a livello nazionale dei 9.500 dipendenti italiani di Amazon, segna la questione davanti alle società di calcio in Italia. Il paese, con i suoi costi del lavoro insolitamente elevati e la posizione aggressiva del governo sui diritti dei lavoratori, sta rapidamente diventando il prossimo grande fronte delle aziende nella guerra globale al diritto del lavoro.

Grande successo

Il mese scorso, gli economisti italiani hanno ottenuto un’importante vittoria quando un tribunale di Milano ha multato i siti di consegna di cibo per 733 milioni di dollari per aver violato le leggi sulla sicurezza del lavoro, e ha detto che i motociclisti dovrebbero essere assunti per metà dipendenti. La sentenza arriva meno di un anno dopo che un tribunale di Milano ha iniziato a indagare sulle pratiche di reclutamento di Uber Eats e ha posto la filiale italiana della società in gestione esterna.

READ  Gli italiani galleggiano forgiando su Amazon | Reuters | Attività commerciale

Nel frattempo, il nuovo governo di coalizione del primo ministro Mario Tracy sta lavorando con la Spagna per stabilire nuove regole per i lavoratori sulle piattaforme digitali e per coordinare i diritti dei lavoratori a calci in tutta l’Unione europea.

“Sostengo la necessità di trovare un qualche tipo di protezione per queste nuove specie [business] Lo ha detto al Financial Times il ministro del lavoro Andrea Orlando. “Si tratta di aiutare a costruire un sistema efficiente e ordinato”.

Queste misure sono arrivate mentre i modelli di occupazione delle società di calcio in tutta Europa sono sempre più messi alla prova. All’inizio di questo mese, il governo di Madrid a guida socialista ha annunciato che avrebbe introdotto un ordine che concede lo status di personale per cacciare i lavoratori delle consegne a seguito di una sentenza del tribunale nazionale dello scorso anno.

Una sentenza simile a Londra il mese scorso ha costretto i conducenti di Uber a essere classificati come lavoratori, sollevando preoccupazioni tra gli investitori sulla fattibilità del modello kick. Diversi grandi gruppi hanno saltato l’elenco di questa settimana delle consegne catastrofiche a Londra, in cui quasi $ 2 miliardi ($ 2,3 miliardi) sono stati alla fine spazzati via dal valore dell’azienda il primo giorno di negoziazione, insieme a preoccupazioni per il controllo del lavoro e altri fattori.

Per ora, la Roma ha smesso di imporre lo status di dipendente ai lavoratori a calci. Ma poiché la disoccupazione aumenta costantemente in tutto il paese, i lavori di consegna a domicilio sono recentemente diventati l’unica fonte di reddito per molti italiani, innescando un acceso dibattito politico su un settore che fino a poco tempo fa era considerato importante.

READ  Corri in vacanza in auto, popolare in Francia e in Italia | Domestico

“Evitare lo sfruttamento dei lavoratori è una priorità”, ha detto Orlando, membro del Partito Democratico di Centro Sinistra.

Il settore dell’eCommerce italiano è cresciuto in modo esponenziale durante le epidemie, con acquisti online aumentati del 30% e ordini di cibo online aumentati del 70% nell’ultimo anno, secondo il Netcom eCommerce P2C lab, che offre alle gig companies in Europa una delle aziende più grandi e in rapida crescita mercati.

All’inizio del 2020, Delivery, la più grande piattaforma di distribuzione alimentare del paese, ha annunciato che avrebbe raddoppiato la sua presenza nel paese nella prima metà di quest’anno. Prima dell’epidemia, le attività di distribuzione alimentare in Italia erano valutate a $ 566 milioni, con solo il 18% del totale elaborato attraverso applicazioni di distribuzione alimentare. Secondo le stime pre-epidemiche di Just Eat, le entrate del sito supereranno il miliardo di dollari entro il 2023.

Tavolo delle contrattazioni

Un anno di lucchetti contagiosi ha dato maggiore impulso ai siti nel Paese digitalizzato, dove il denaro è ancora il metodo di pagamento preferito.

“Il pericolo è che la kick economy faccia sempre più profitti per le aziende e che i suoi lavoratori debbano essere tutelati”, ha detto Andrea Porgesi, membro del sindacato Cgil.

“I lavoratori di Amazon hanno contratti di lavoro, ma condividono un lavoro molto serio con i motociclisti”.

Alcuni dei principali siti stanno già adottando misure per garantire il futuro delle loro operazioni italiane. La scorsa settimana, Delivery, Uber Eats, Glovo e Socialfoods hanno accettato l’invito del ministero a unirsi al tavolo dei negoziati con i sindacati e hanno firmato un protocollo con Orlando per attuare politiche per combattere le pratiche di lavoro illegale come lo sfruttamento del lavoro.

READ  Ericsson in uscita dall'Inter per divieto defibrillatore in Italia

Matteo Sarcana, responsabile del sito italiano di distribuzione alimentare Azoteliveri, ha definito il protocollo “un altro passo per tutelare il lavoro dei motociclisti per combattere l’illegalità”.

Tuttavia, finora tutti i principali siti insistono sul fatto che i loro lavoratori sono appaltatori indipendenti. L’eccezione è Just Eat, che ha iniziato questo mese ad assumere circa 4.000 motociclisti per la prima volta a Monza, pochi chilometri a nord di Milano.

“Questa è una novità per l’Italia perché è un modello che renderà l’occupazione dei piloti una scelta sostenibile”, ha dichiarato Daniel Contini, manager di Just Eat Italia. Il contratto Just Eat non prevede una retribuzione oraria fissa indipendentemente dal numero di consegne e dall’ammontare di assicurazione, indennità di malattia, ferie, congedo di maternità e contributi pensionistici per i lavoratori.

“Just Eat è un caso isolato che funge da causa di ripercussioni”, ha detto Orlando.

“Il nostro scopo non è dire alle aziende come definire i propri lavoratori, ma facilitare il dialogo tra le diverse parti. L’importante è che tutti si rendano conto che c’è un problema”.

– Copyright The Financial Times Limited 2021

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24