TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Italian Lodi, un anno dopo

‘È un anno che non vorremmo mai vivere, ma dovrebbe farci riflettere sulle possibilità di gestire situazioni senza precedenti. Creando una rete comune: cittadini, autorità locali e mondo del volontariato ”, ha affermato il sindaco di Lodi Sarah Casanova.

Disabilitazione
La città, a 40 chilometri a sud-ovest di Milano, è stata l’epicentro del coronavirus lo scorso anno. È stata la prima città a vivere un’esperienza isolata senza precedenti; Da città abbandonate e infestate, a scuole inesorabilmente aperte, a vari gradi di serrature, centri commerciali abbandonati e autobus e treni vuoti.

Lodi ha ricevuto un prestito di oltre 7 milioni di euro dal governo italiano. ‘Con questi soldi abbiamo rimborsato quasi 2 milioni di perdite subite a seguito dell’abolizione della tassa sui rifiuti. Abbiamo finanziato rifugi notturni. Ma assistenza abitativa, affitto per persone in difficoltà, trasporti funebri, borse di lavoro, contributi help desk, alloggi per disabili e iscrizioni ai campi estivi. Abbiamo ridotto le tasse per gli impianti sportivi e le sedi comunali. Abbiamo pagato un premio per i trasporti pubblici e i contributi agli asili nido privati ​​’, spiega l’Assessore alle Finanze Angelo Chichel.

Assistenza alimentare
Nella prima settimana di aprile 450 famiglie sono tornate al Centro di Raccolta Solidale di Lodi per chiedere cibo. Le autorità hanno detto che erano persone che non erano state viste lì fino a circa un anno fa – quasi tutti sotto i 50 anni erano con le loro famiglie. Per contagio, hanno perso lavori secondari che li hanno aiutati a vivere una vita dignitosa. Adesso anche loro hanno bisogno di aiuto per mangiare almeno una volta al giorno.

Disoccupazione
In tal senso, può sembrare un po ‘strano che il tasso di disoccupazione a Lodi e provincia (229mila persone) sia sceso dal 7,2 per cento nel 2019 al 5,9 per cento nel 2020. “Questo è incredibile visti i danni economici causati dall’epidemia”, ha detto Paso Lodigiano, segretario generale di Lodi e rappresentante italiano della VNO / NCW Association of Entrepreneurs. In questi giorni, tutte le ferite delle epidemie si riflettono nel bilancio nazionale negativo dell’occupazione pubblicato dalla CBS italiana: da febbraio 2020 a febbraio 2021, il numero di lavoratori in Italia è sceso di 945.000, da 23.142.000 a 22.197. Almeno fino a 000. Un aumento di oltre 700.000 persone inattive, cioè disoccupati o persone che lo cercano. Secondo la nuova normativa europea applicabile a queste cifre, il numero dei disoccupati comprende i dipendenti che percepiscono il TFR e quelli che non svolgono il proprio lavoro da più di tre mesi. Quei dati sono pericolosi o no?

READ  Digitalizzazione, treni ad alta velocità e "rivoluzione verde" | L'Italia spende 248 miliardi (!) All'estero

“La verità è che siamo bloccati in una situazione di stallo a causa dell’intervento del governo per alleviare l’emergenza”, ha detto Kallusi. Tra le altre cose, menziona il finanziamento del licenziamento e il divieto di licenziamento, che è stato prorogato fino al 30 giugno dall’ultima ordinanza. Agisce come una coperta, che oscura la situazione di base.

Chiusure di negozi
I dati della Camera di Commercio della provincia di Lodi parlano diversamente. Cioè, c’erano pochissimi nuovi record aziendali, che sospendevano nuove iniziative. Nel 2019 sono state registrate 711 nuove società e nel 2020 erano solo 530. Nel 2019 sono state chiuse 975 aziende, rispetto alle 877 del 2020. Lasciami spiegare. Un rivenditore che da mesi vive calunnie e aperture, i cui ordini sono arrivati ​​e pagati, non vuole chiudere la sua attività. Vuole continuare la sua attività al fine di ottenere un flusso di cassa che gli consentirà di recuperare dai suoi debiti. Chiudere definitivamente un negozio, un bar o un ristorante costa denaro: contratti da disdire, merci da pagare e prestiti bancari da rimborsare. Diventando così l’ultima delle alternative di chiusura.

“I ristoranti e i rivenditori sono i tipi più colpiti. Le aperture provvisorie bloccate non ci consentono di compensare le perdite. Abbiamo lavorato con il freno a mano. La mancanza di tempo e la qualità del supporto mina la volontà dei più flessibili. Se queste aziende non hanno abbastanza supporto per affrontare questa tempesta, si chiuderanno per molto tempo. “spiega Kallusi.

Leggi l’articolo completo nell’Amministrazione olandese n. 8 di questa settimana.