J1120, un quasar maturo nell'universo primordiale: com'è possibile?

Un'immagine del buco nero supermassiccio in un quasar. Credito: T. Müller/MPIA

Le osservazioni del telescopio spaziale Webb mostrano che quasar maturi, galassie contenenti un buco nero supermassiccio attivo al centro, esistevano nell'universo primordiale. “Adulti” significa che sono già completamente cresciuti e si comportano proprio come i quasar più vicini alla Terra. L'esempio più noto di un quasar così maturo nell'universo primordiale è J1120+0641, da tempo noto come il quasar più distante. È stato esaminato utilizzando lo strumento MIRI nel medio infrarosso da un team di astronomi guidati da Sarah Bosman del Max Planck Institute for Astronomy (MPIA). J1120 esisteva effettivamente quando l’universo aveva solo 760 milioni di anni e il suo spostamento verso il rosso era z∼7. L’età dell’universo a quel tempo era solo il 5% della sua età attuale. Gli astronomi sono riusciti a creare uno spettro di quasar molto simile a quello trovato nei quasar dei periodi successivi dell'universo. Il buco nero nel cuore di J1120 ha in realtà una massa di 1,5 miliardi di masse solari – per fare un confronto: la massa del buco nero supermassiccio nel cuore della Via Lattea è di soli 4 milioni di masse solari. Si ritiene che il seme di questo buco nero veramente massiccio non sia stato creato come il resto della prima generazione di stelle, le stelle di Popolazione III, ma sia stato creato dal collasso diretto o dal collasso di massicce nubi di gas.

Maggiori informazioni sulla ricerca su J1120 possono essere trovate nell'articolo professionale di Sarah E. Bosman et al., Un quasar maturo all'alba cosmica rilevato dalla spettroscopia infrarossa del frame di riposo presso il James Webb Space Telescope (JWST)., Astronomia della natura (2024).

READ  Perché le città percepiranno il cambiamento climatico più velocemente e più duramente?

fonte: Phys.org.

Coinvolto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24