La Commissione d’inchiesta L’assalto al Campidoglio non è a mani vuote nonostante il silenzio dei testimoni

Sì, la commissione d’inchiesta sull’assalto al Campidoglio si sta occupando della smentita dei testimoni, ma no, non è perché le indagini siano inutili. Perché nonostante queste – significative – bocciature, la commissione dispone già di migliaia di documenti che forniscono un quadro sempre più chiaro di quanto accaduto dietro le quinte alla Casa Bianca il 6 gennaio.

Dopo che Steve Bannon, consigliere personale dell’ex presidente Trump, anche il capo dello staff Mark Meadows ha rifiutato di comparire davanti al comitato questa settimana. Il comitato ha citato in giudizio il Dipartimento di Giustizia per oltraggio al Congresso sui due uomini. Bannon è già stato accusato. Oggi l’Aula voterà se ciò accadrà anche a Meadows.

Il promotore ha collaborato in precedenza, ma ora chiama ‘Franchising esecutivoQuesta è l’eccezione che consente alle comunicazioni con il presidente di rimanere riservate se mettono in pericolo gli affari dello stato.

Prima di cambiare idea, Meadows ha consegnato migliaia di documenti al comitato. Tra questi ci sono i messaggi dei conduttori preoccupati di Fox News e del figlio dell’allora presidente Don Jr., che esortano il capo dello staff a Trump a calmare la folla. Per lettera o tweet. Ci sono volute ore perché il presidente lo facesse davvero.

La dichiarazione completa del vicepresidente della commissione d’inchiesta e della repubblicana Liz Cheney ieri sera leggendo i messaggi di testo:

READ  La CIA ha fatto piani segreti per rapire o addirittura uccidere Julian Assange

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24