La crisi dei migranti in Bielorussia non dovrebbe nascondere il vero problema

La leader dell’opposizione bielorussa Svetlana Tikhanovskaya guarda con orrore le immagini di migranti che vivono in condizioni squallide al confine tra Bielorussia e Polonia. Tuttavia, sostiene che altri problemi nel paese non dovrebbero essere trascurati. “Guarda le migliaia che sono in una prigione bielorussa? Stanno morendo di fame al freddo, umiliate e picchiate”.

Tikanovskaya spera che se la crisi dei migranti si placherà presto, l’Unione Europea e gli Stati Uniti non perderanno di vista i problemi in Bielorussia. “Se i paesi democratici si ritirano ora. Se consentono di nuovo il ricatto a cui abbiamo assistito dieci o quindici anni fa, significa che la dittatura trionfa sulla democrazia”.

lei chiama ora di notizie wNon puntare solo sulla crisi dei migranti e imporre più sanzioni. “So che ormai tutti parlano della crisi al confine con la Polonia. Ma bisogna ricordare dove sta il vero problema: qual è l’essenza? Il sistema”.

La leader dell’opposizione bielorussa è costretta a vivere in Lituania dopo essere fuggita dal suo Paese dopo le elezioni dello scorso anno. L’opposizione ha dichiarato che Tikhanovskaya ha vinto le elezioni e Alexander Lukashenko si è dichiarato vincitore. Seguirono proteste, ma furono brutalmente represse. Molti membri dell’opposizione sono fuggiti dal paese e altri sono stati arrestati. Almeno 1.000 prigionieri politici rimangono in detenzione, secondo i gruppi per i diritti umani.

La Bielorussia sta aspettando e sperando

Uno di questi prigionieri è il partner di Svetlana Tikhanovskaya. Ha ancora difficoltà ogni giorno: “Non sono mai abituato a chiedere ai bambini: quando torna papà?” Nonostante i grandi sacrifici, continua la sua opera politica. Contro la volontà e il ringraziamento. Perché a volte vuole nascondersi sotto le coperte, vuole tornare: “Perché la Bielorussia aspetta e spera”.

READ  Damien, 21 anni, cade dopo un raid di "festa spontanea": "l'incubo di ogni poliziotto" | all'estero

Per tornare, il regime di Lukashenko deve finire. Ha bisogno dell’aiuto degli altri per questo. L’Unione Europea e gli Stati Uniti si sono schierati con l’opposizione bielorussa e hanno imposto sanzioni al governo di Lukashenko. Tikanovskaya ritiene che l’UE dovrebbe mantenere questa posizione di linea dura: “L’Unione europea è composta da 27 democrazie. L’Europa e gli Stati Uniti non possono sconfiggere le più grandi democrazie in una dittatura? Una dittatura è più forte di tutte le norme e i valori? Penso di sì? È tempo di un linguaggio forte perché la democrazia dovrebbe essere in grado di fare il suo pugno. ” Anche le sanzioni dell’Unione europea sono state revocate in precedenza, in parte nella speranza che Lukashenko cambiasse la sua politica.

“E’ un dittatore”

Tuttavia, non sembra che Lukashenko abbia intenzione di cambiare il suo stile di lavoro. Ha rilasciato un’intervista alla BBC e alla CNN. Ha ammesso di essere stato picchiato nelle carceri, ma ha sottolineato che anche la polizia antisommossa è stata picchiata. Ma quelle immagini non appaiono nei media occidentali. Sono stato morso forte. Tikanovskaya considera inaccettabile essere chiamato “il presidente” in quelle interviste. Inoltre, crede che Lukashenko non dovrebbe ricevere il podio. “Tutto ciò che vuole è il riconoscimento. Non è un presidente, è un dittatore”.

Oltre alle grandi democrazie, spera di ricevere anche aiuti umanitari. Le è mancato durante le proteste per brogli elettorali. “Dov’erano quelle organizzazioni umanitarie allora? Chi dice ora: la Polonia non ammette i migranti e li tratta male. Dov’eri quando i bielorussi sono stati insultati e picchiati? Perché taci allora? C’è qualcosa di ironico in questo”.

READ  Frode del vaccino Corona: migliaia di indiani soffrono di acqua salata | all'estero

Newsur aveva precedentemente presentato un rapporto sulla tensione al confine bielorusso, su cui sono puntati tutti gli occhi della comunità internazionale:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24