La depressione grave è alleviata dalla stimolazione cerebrale personalizzata

Un’agonia senza fine Gli anni in cui Sarah, 36 anni, ha lottato ogni giorno per resistere ai suoi pensieri più oscuri, ora dopo ora. Antidepressivi, terapia comportamentale, terapia elettroconvulsivante: ha provato ogni possibile trattamento e nulla l’ha aiutata con la grave depressione che l’ha tormentata fin dall’infanzia. Ma nel giugno 2020, il neurochirurgo americano Edward Chang le ha posizionato un dispositivo piatto nel cranio e due elettrodi nel cervello. Questo dispositivo non solo stimola il suo cervello in modo specifico nel luogo che allevia la sua depressione, ma rileva anche quando è necessaria quella stimolazione elettrica. Ha detto durante una conferenza stampa in medicina della natura. È il primo soggetto di prova in Ricerca apparso lunedì su quella rivista scientifica.

La stimolazione cerebrale profonda è un trattamento promettente per l’epilessia grave e il morbo di Parkinson, tra gli altri. Avere un elettrodo nell’area interessata del cervello, insieme a un dispositivo impiantato sotto la clavicola per fornire impulsi di corrente in modo continuo, spesso porta a un miglioramento significativo dei sintomi.

disturbi compulsivi

La stimolazione cerebrale profonda viene utilizzata anche per disturbi mentali come depressione maggiore, ansia e disturbi compulsivi quando non tutte le altre opzioni di trattamento funzionano. Ma i risultati nella depressione grave sono misti. “Questo perché diversi circuiti cerebrali causano diversi sintomi di depressione in ogni paziente”, afferma la psichiatra Catherine Skangos dell’Università della California, a San Francisco. Quindi io e Zhang abbiamo cercato un modo per personalizzare personalmente il trattamento.

Skangos e Chang hanno identificato per primi quali circuiti cerebrali hanno avuto un ruolo nella depressione di Sarah. Hanno installato dieci elettrodi sottili su entrambi i lati del suo cervello in cinque regioni del cervello note per essere coinvolte nella vita emotiva. Si sono alternati stimolandoli e registrando l’effetto sui sintomi depressivi per dieci giorni. La stimolazione di un’area chiamata striato ventrale ha costantemente rimosso i sintomi in Sarah (che vuole essere annunciata solo con il suo nome per motivi di privacy).

READ  È necessario un risultato negativo del test PCR o TMA per entrare in Spagna su strada?

Dice che subito dopo la stimolazione elettrica per il primo test, ha iniziato a ridere a crepapelle. Non un sorriso finto, ma un sorriso vero e sincero per la prima volta in cinque anni.

I ricercatori hanno anche scoperto che questa regione del cervello è collegata a un’altra regione, l’amigdala, che svolge un ruolo nell’ansia, tra le altre cose. Una certa attività cerebrale lì prediceva quando i sentimenti di depressione di Sarah erano più forti.

epilessia grave

Un sensore nell’amigdala destra di Sarah ora registra continuamente se l’attività cerebrale è diventata anormale. Quando ciò accade, un dispositivo nell’osso del cranio, di dimensioni non superiori a 3 x 6 cm, fornisce impulsi elettrici allo striato ventrale. Il sistema utilizza molta meno energia rispetto alla stimolazione cerebrale profonda convenzionale con impulsi continui. La batteria può durare almeno dieci anni con le impostazioni di Sarah. Grazie ad un’attenta regolazione, non soffri di effetti collaterali. Il dispositivo con sensore ed elettrodo, il sistema RNS del produttore NeuroPace, è approvato negli Stati Uniti per il trattamento dell’epilessia grave. Gli americani l’hanno attivato per l’uso nel trattamento sperimentale della depressione e non è ancora sul mercato.

Grazie all’impianto fisso, Sarah è stata in grado di ricostruire una vita degna di essere vissuta passo dopo passo. Nel giro di poche settimane, i suoi pensieri suicidi scomparvero. “Dopo di che, la mia visione del mondo è cambiata lentamente. La depressione ha preso il sopravvento su tutta la mia vita e ho dovuto imparare di nuovo tutto: cosa mi piace fare, per avere la mia opinione. Posso finalmente applicare le cose che ho imparato in terapia. ”

READ  Laboratorio olandese addestra le api alla scoperta del virus Corona | Scienza

stigma

I risultati sono costosi. La ricerca insegna molto agli americani sui circuiti coinvolti nella depressione e su come le diverse regioni del cervello si connettono e lavorano insieme. Sono ancora necessarie molte ricerche per scoprire cosa è necessario per il trattamento e cosa no, come appaiono i cicli di depressione in altri pazienti e se potrebbe diventare un trattamento per un gruppo più ampio di pazienti. Ad esempio, non è ancora chiaro se l’attività cerebrale cambia nel tempo a causa della stimolazione: forse il cervello si adatta e la stimolazione non è più necessaria nel tempo. Zhang e i suoi colleghi hanno ora dotato di questo sistema altri due pazienti e stanno cercando di aggiungerne altri nove.

Sarah si sente potenziata dall’intera esperienza. Per tutta la vita, le persone intorno a lei hanno detto che dovrebbe riprendersi, che passerà. Oppure offrono consigli o trattamenti. Ben intenzionato, ma lo stigma della depressione è di gran lunga la parte più difficile. “Ho fatto tutto e niente ha funzionato. In realtà ha esacerbato la mia depressione e i miei sentimenti di inadeguatezza. Ti senti il ​​peggior paziente del mondo”. Questo trattamento mostra che la sua depressione maggiore è un disturbo del cervello che non andrà via se si impegna abbastanza. “Nessuno dice a qualcuno con il morbo di Parkinson: ‘Dai, abbassa le spalle, sarà finita.'”

sorpreso

Il suo ambiente ha notato che la stimolazione era in esecuzione davanti a lei. Chiunque l’abbia accompagnata a casa quando il dispositivo è stato acceso per la prima volta è rimasto scioccato da ciò che Sarah ha detto quando ha visto la baia di San Francisco e le paludi intorno. “Che bella, tutti quei colori diversi e che bella luce.”

READ  Diretto | Gli Stati Uniti forniscono consigli di viaggio negativi a 130 Paesi "La libertà di stampa è drammaticamente peggiorata" | Corona virus

Puoi parlare di suicidio alla National Suicide Prevention Helpline 113. Telefono 0800-0113 o www.113.nl

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24