La guerra a Gaza continua nonostante l'appello al cessate il fuoco lanciato dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

L'appello lanciato lunedì dal Consiglio di Sicurezza dell'ONU per un cessate il fuoco temporaneo a Gaza e il rilascio degli altri ostaggi tenuti da Hamas sembra aver fatto finora poca differenza. Sono giunte notizie di un bombardamento israeliano in cui sono stati martirizzati dozzine di palestinesi, dal nord e dal sud della Striscia di Gaza, oggi, martedì.

Israele, molto arrabbiato per il fatto che gli Stati Uniti non abbiano bloccato la risoluzione in seno al Consiglio di Sicurezza con il loro veto, Anche lui è stato inviato martedì La maggior parte dei membri della sua squadra negoziale sono tornati dalla capitale del Qatar, Doha. Lì si sono svolte trattative indirette con Hamas per un cessate il fuoco e il rilascio degli altri ostaggi nelle mani di Hamas.

Secondo Israele, Hamas continuava a chiedere un cessate il fuoco definitivo in cambio della liberazione degli ostaggi e gli israeliani non volevano arrendersi. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha riconosciuto questa posizione palestinese “Purtroppo prova del danno causato dalla risoluzione del Consiglio di Sicurezza”, ha affermato in una dichiarazione scritta. Il Primo Ministro aveva precedentemente chiarito che Israele voleva ancora attaccare Hamas a Rafah, l'ultima grande roccaforte del gruppo armato, nonostante la presenza di 1,3 milioni di sfollati a Gaza senza nessun posto dove andare.

Sebbene la risoluzione sia vincolante in linea di principio, il Consiglio di Sicurezza non ha mezzi immediati a sua disposizione per garantirne il rispetto. Se le parti in conflitto non si conformano, potrebbero seguire delle sanzioni, a condizione che nessuno dei membri le blocchi con un veto.

Leader di Hamas a Teheran

Nel frattempo, martedì il leader di Hamas Ismail Haniyeh si è recato a Teheran per consultazioni con i leader iraniani. Ha detto ai giornalisti che la decisione mostra l'isolamento internazionale di Israele. La risoluzione è stata adottata con 14 voti favorevoli e l'astensione degli Stati Uniti. Dopo sei mesi di guerra, “Israele ha completamente fallito nel raggiungere i suoi obiettivi militari o strategici”. Haniyeh ha detto.

READ  Argentijnse politie zoekt naar versneden coke die 22 levens eiste | Buytenland

Leggi anche
La carestia incombe a Gaza

Gli aiuti alla popolazione affamata di Gaza continuano ad essere lenti come sempre. Un portavoce del governo locale di Gaza, che è sotto il controllo di Hamas, ha detto che 18 persone sono state uccise nelle ultime 24 ore mentre cercavano di ottenere pacchi alimentari lanciati dagli aerei. Alcuni di quei pacchi finirono in mare al largo della costa e dodici persone annegarono nel tentativo di impossessarsene. Anche sei persone sono morte a terra, dove sono state calpestate mentre lottavano per il cibo. Per questo Hamas ha chiesto la fine delle consegne di cibo.

Israele continua inoltre a rifiutare l’ingresso nella Striscia di Gaza dell’UNRWA, la principale agenzia umanitaria per i rifugiati palestinesi. Nemmeno nel nord di Gaza, dove il bisogno è maggiore. I portavoce israeliani hanno fatto sapere nei giorni scorsi che lo faranno anche in futuro Non faccio più parte dell’UNRWA Vogliono collaborare perché si dice che l'organizzazione sia complice di Hamas.

Secondo Israele, 12 attuali ed ex dipendenti dell'UNRWA hanno partecipato al sanguinoso attacco lanciato da Hamas nel sud di Israele il 7 ottobre, che ha portato allo scoppio della guerra. Tuttavia, Israele non ha mai fornito alcuna prova pubblica di ciò. A causa di questa accusa, gli Stati Uniti, i Paesi Bassi e altri paesi hanno sospeso il loro sostegno all’UNRWA. Secondo il direttore Philippe Lazzarini, l'UNRWA rischia di rimanere senza fondi alla fine di maggio, anche se diversi altri paesi occidentali hanno ora ripreso gli aiuti all'UNRWA.

Battaglia negli ospedali

I combattimenti continuano anche in diversi ospedali, tra cui l’ospedale Al-Shifa di Gaza City. Israele afferma di aver ucciso o catturato lì centinaia di combattenti di Hamas. Da diversi giorni i combattimenti continuano anche in due ospedali della città meridionale di Khan Yunis.

READ  Centinaia di persone sono state uccise in un attentato contro un ospedale nella Striscia di Gaza

L'astensione americana al Consiglio di Sicurezza ha immediatamente accresciuto le tensioni nei rapporti tra Israele e gli Stati Uniti, il suo più importante alleato. Netanyahu ha deciso di non permettere ad una delegazione di alto livello di recarsi a Washington. Tuttavia, martedì il ministro della Difesa Yoav Galant, già a Washington, incontrerà il suo omologo americano Lloyd Austin e il direttore della CIA William Burns.

Leggi anche
Il Consiglio di Sicurezza chiede il cessate il fuoco a Gaza fino alla fine del Ramadan

    Linda Thomas-Greenfield, ambasciatrice e rappresentante degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, si è astenuta dal voto.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24