“La guerra in Ucraina potrebbe essere la soluzione per la Transnistria”

Checkpoint vicino alla Transnistria

NOVITÀ

  • Shem Bulldock

    editore straniero

  • Shem Bulldock

    editore straniero

“Guarda laggiù, oltre il fiume. Questa è la Transnistria. La vita è dura lì.” Vitaly Marinota si trova sulle rive del fiume Dniester. Quando era ancora ministro della difesa della Moldavia, il suo problema principale era la Transnistria. È stata una lotta latente per più di 30 anni. I soldati russi governano la regione filo-russa che è stata dichiarata indipendente.

La Moldavia e la vicina Ucraina stanno osservando da vicino le forze russe. Da uno “Piano decennale” russo trapelato. Questa settimana ha dimostrato che si sta facendo di tutto per mantenere la Transnistria sotto il controllo di Mosca. Si teme che Mosca possa innescare il conflitto in Transnistria per suscitare disordini sia in Moldavia che in Ucraina. Così l’esercito ucraino iniziò a scavare trincee lungo il confine con la Transnistria.

“La maggior parte dei soldati russi sono in realtà cittadini moldavi”, ha detto Marinotta, ministro della Difesa tra il 2009 e il 2014. “La Moldavia non consente la rotazione del personale dal 2015. Ecco perché l’esercito russo sta reclutando gente del posto per sostituirli”. La Forza di pace sembra molto piccola, ma ammonta da 6.000 a 7.000 “soldati transnistriani”. D’altra parte, c’è un piccolo esercito moldavo di circa 6.000 soldati.

Marionotta non prevede un nuovo conflitto armato. “La Russia vuole fondamentalmente che la situazione rimanga instabile. Bisogna vederlo alla luce della guerra mista della Russia contro la Moldavia”. I disordini nella regione devono essere alimentati da notizie false, ad esempio su presunti piani ucraini per attacchi in Transnistria. “Se accendi la radio qui e cerchi le stazioni, troverai due canali che raccontano la storia della ‘Moldavia’ e otto canali che hanno false notizie russe”, dice Marionotta.

“I nostri servizi segreti non dormono”, afferma. “Tutto è ben monitorato. Fortunatamente, molti transnistriani lavorano in Moldavia. Molte informazioni arrivano attraverso di loro. Vediamo anche che dopo la guerra in Ucraina, sempre più persone vogliono lasciare la Transnistria”. Molti residenti hanno un passaporto moldavo o ucraino, che dà l’opportunità di lasciare il “museo sovietico vivente”, come Marinota chiama la zona.

L’ex ministro della Difesa Marinotta guarda alla Transnistria

Nel municipio di Holercani, villaggio moldavo affacciato sulla Transnistria, si preferisce non parlare delle tensioni in atto. È prevista una festa primaverile e l’intero villaggio è invitato, compresi i transnistriani e gli ucraini che sono fuggiti. “La politica è politica. Non ne parliamo qui”, dice con fermezza il regolatore. Dopo ulteriori domande, ha detto che non aveva paura del conflitto. “Sono moldavi su entrambe le sponde del fiume, quindi perché sta succedendo qualcosa qui?”

READ  La polizia irlandese cerca uomini che portino i loro corpi all'ufficio postale nel tentativo di riscuotere una pensione | all'estero

Nel frattempo, il direttore conduce sul palco la banda del villaggio. Le sedie, sponsorizzate dall’Unione Europea, sono infatti disposte in file sotto il soffitto riccamente ornamentale. Su una chitarra è stato apposto un adesivo con la scritta “Questo prodotto è finanziato dall’Unione Europea”. “Ne abbiamo già passate tante qui”, dice un residente di Holrakani, “non ha senso pensare al conflitto. Dobbiamo andare avanti”. Vuole riunire gruppi di popolazione attraverso la danza e la musica.

Casa del villaggio di Holercani addobbata a festa

Sembra comprensivo e ottimista, ma l’ulteriore riavvicinamento tra Chişinău e Tiraspol è in ultima analisi nelle mani dei politici. “Dall’invasione russa dell’Ucraina, la Transnistria è diventata più dipendente da noi, perché il commercio con l’Ucraina si è interrotto”, ha dichiarato l’ex viceministro degli Esteri Julian Groza. “Ma non ci sono colloqui concreti sull’integrazione della Transnistria nella Moldavia”.

Ritiene che l’adesione all’UE della Moldavia possa offrire una soluzione. “La Transnistria è gestita da cleptocrati, che sono per lo più impegnati con i propri affari e fare soldi”. In altre parole, se il riavvicinamento con l’UE porterà loro maggiori benefici finanziari, sosterranno l’integrazione in Moldavia.

La soluzione è in Ucraina, dice l’ex ministro Marinota. Finché questo paese resiste alla Russia, la Transnistria non può unirsi alla Russia. “E una volta che l’Ucraina avrà vinto la guerra, la Transnistria dovrebbe far parte dei negoziati di pace. Allora finalmente lo risolveremo. Basta dopo 30 anni di stagnazione”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24