La legge europea sul ripristino della natura è in sospeso e il sostegno da parte degli Stati membri è molto scarso

Mucche al prato, foto d'archivio

Noos NotizieUna media

Il voto dei ministri europei dell'Ambiente sulla legge europea sul ripristino della natura è stato rinviato a lunedì prossimo. Pochissimi paesi dell’UE sostengono questa legge. Ecco perché il presidente dell’UE, il Belgio, ha sospeso questi piani.

Non è chiaro se la legge sarà messa ai voti in un secondo momento. “Si ritornerà sul tavolo al momento opportuno”, dice un diplomatico belga.

Attraverso la legge sul ripristino della natura, la Commissione europea – come suggerisce il nome della legge – vuole ripristinare le riserve naturali in Europa. La legge prevede che entro il 2030 siano adottate misure per ripristinare il 30% delle riserve naturali in cattive condizioni. Entro il 2050 dovrà esserci un piano di ripresa del 90%. Ciò riguarda le aree protette Natura 2000, ma anche le foreste “normali” o le torbiere.

La legge include anche proposte per aumentare la biodiversità sui (e sotto) i terreni agricoli e per riportare indietro gli uccelli selvatici. Comprende anche il miglioramento della qualità dell’acqua e la creazione e il mantenimento di spazi verdi nelle città. Tutti gli Stati membri devono sviluppare il proprio piano di ripresa basato sulla legge.

Ci è voluto molto tempo per elaborare la legge, su iniziativa dell'allora commissario europeo Frans Timmermans. Durante quel periodo, il progetto fu notevolmente ridotto. Soprattutto il settore agricolo non vedeva la necessità di norme più severe sulla natura.

“In grandi quantità”

Il Ministro ha quindi risposto “con grande riluttanza” al desiderio della Camera dei Rappresentanti. La maggior parte dei partiti, inclusa la fazione VVD di Van der Waals, ha sostenuto una proposta della BBB e dell'NSC. Ha invitato il Consiglio dei ministri a votare contro la legge in Europa.

L'opposizione alla legge è cresciuta la scorsa settimana, non solo nei Paesi Bassi, ma anche in Europa. Il voto dei ministri è solitamente una formalità. Gli Stati membri avevano precedentemente approvato la legge e anche il Parlamento europeo aveva approvato la legge.

Tuttavia, l’Ungheria ha annunciato questa settimana di voler votare contro la risoluzione, proprio come Polonia, Italia, Svezia e Paesi Bassi. Anche Austria e Belgio non sosterranno la legge astenendosi dal voto.

Le organizzazioni ambientaliste non sono contente di ritardare la legge della natura. “Continuiamo a fare pressione e a lottare per l’importanza della biodiversità”, afferma Jelle de Jong, direttrice del World Wildlife Fund, che parla a nome di una coalizione delle principali organizzazioni ambientaliste dei Paesi Bassi. “In nessun posto in Europa la natura è così cattiva come nei Paesi Bassi. Non abbiamo più tempo da perdere.”

READ  Colorado Springs piange la sparatoria in un nightclub LGBT: "Un altro incubo"

Anche la sezione europea di GroenLinks, il Partito Verde Europeo, risponde alla decisione del Belgio e afferma che la natura europea è ora in pericolo perché per il momento non verrà introdotta la legge sul ripristino della natura.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24