La mamma pazza Monique muore dopo settimane di isolamento

A sua madre non era permesso fare nulla: non camminare fuori, né nel corridoio, e soprattutto non contattare altri residenti. “Mia madre non era malata di corona e voleva uscire. Poiché stava impazzendo, continuava a dimenticare perché non le era permesso lasciare la sua stanza. Pensavo che avesse commesso un errore, ecco perché è stata messa in quarantena. E il più a lungo ha impiegato, più velocemente l’ho vista ritirarsi.”

Monique fa ancora fatica a pensare alla morte di sua madre. È così doloroso, avrebbe potuto essere diverso”, ha detto a RTL Nieuws.

test positivo

Sua madre era una donna attiva e socievole, anche quando è venuta alla casa di cura nel giugno dello scorso anno. Aiutava a pulire, preparare il cibo e apparecchiare la tavola. Ogni giorno camminava con Monique o suo figlio fuori per un’ora.

Anche i risultati del test di Monique sono tornati positivi a febbraio. Si è scoperto che aveva la corona. Poiché ha visitato sua madre quella settimana, è stata anche testata. È risultata positiva, così come sette dei suoi compagni ospiti della casa di cura.

in quarantena

La casa di cura è intervenuta: tutti dovevano essere messi in quarantena fino a quando non ci fosse stato un test negativo. “Nella casa di cura, non solo hanno esaminato se il test era positivo o negativo, ma hanno anche esaminato i valori della TC. Non andavano bene con mia madre ogni volta”.

Monique è tornata a trovare sua madre dopo dieci giorni di quarantena, ma ha dovuto rimanere più a lungo nella sua stanza, i suoi valori non erano ancora buoni.

ancora bloccato

Tre settimane dopo, era ancora trattenuta e i suoi valori non erano ancora buoni. Monique non lo capiva e voleva spiegare la politica e discutere le opzioni, ma il direttore dell’istituto di cura ha chiamato di nuovo solo una settimana dopo.

READ  Lo studente di astronomia di Leida riceve un raro 10 per la sua tesi | interni

“Stiamo lavorando a un accordo”, hanno detto. Ma ormai sono passate quattro settimane e nulla è stato organizzato. Dopo 4,5 settimane, alla madre di Monique è stato improvvisamente permesso di lasciare la sua stanza. “I suoi valori erano gli stessi, non so perché questo sia permesso ora”.

Finora sua madre era confusa. “Continuava a scappare, lanciando cose. Ecco perché è finita in un rifugio di emergenza. Dove le cose sono andate completamente storte. Hanno cercato di calmarla con i farmaci, ma ciò non ha avuto effetto”.

Nessuna qualità della vita

“A causa dei troppi farmaci, cadeva costantemente. Quando cadeva di nuovo così forte sulla testa, volevano un controllo in ospedale. Mi sono rifiutato, qual è il punto? Alla fine della settimana, aveva la polmonite. Le cose sono andate così molto peggio.” Abbiamo preso rapidamente la difficile decisione con il praticante di lasciarla andare. Mia madre non ha più prospettive”.

Non era rimasto nulla della donna rispettabile che era. Al suo funerale, hai detto che non è scivolata giù per un pendio, ma che è saltata da un trampolino di tre metri. Questa è la velocità con cui le cose sono andate. Ho molto rispetto per il personale che lavora nella casa di cura, ma davvero non capisco affatto la politica”.

La porta è chiusa, la medicina attraverso il porridge

La madre di Monique non è l’unica ad essere stata isolata per molto tempo. Sempre più persone con demenza limitano la propria libertà o affrontano cure involontarie senza cercare alternative. “È molto vivo ed è più comune di quanto pensassimo”, afferma Julie Muirfield, direttrice della difesa nazionale e degli aiuti all’Alzheimer Nederland.

READ  Solar Magazine - Re Guglielmo Alessandro nel discorso dal trono: 'Il cambiamento climatico è senza dubbio il problema più urgente'

È difficile dire esattamente quanto spesso, secondo Muirfield, ma il gruppo di interesse ascolta regolarmente storie di cure involontarie. Chiudere la porta, mescolare la medicina al porridge senza che nessuno se ne accorga, posizionare un vassoio per sedia a rotelle o una sponda del letto in modo che nessuno possa alzarsi e portare qualcuno a fare la doccia mentre si resiste: questi sono esempi ben noti, e non accadono da soli. Nella casa di cura, ma anche nel caso della casa, che non è ben noto, poiché le libertà delle persone con demenza sono spesso limitate.

Diritto di sponsorizzazione e coercizione

In particolare per contrastare questo, il Diritto di sponsorizzazione e coercizione Adottata il 1° gennaio 2020. Lo scopo di questa legge è garantire che la loro libertà sia limitata il meno possibile.

“Una legge importante, perché la restrizione della libertà, o ‘cura involontaria’, è ancora comune tra le persone con demenza. Se la legge non viene applicata, si dice spesso che a causa dell’aura, per la sicurezza, le persone con demenza sono in la loro cura. Sono chiusi nella stanza. “.

Questo non è consentito dalla legge. Gli operatori sanitari devono seguire un piano passo dopo passo; Devono prima trovare soluzioni alternative con la famiglia. L’incarcerazione è consentita solo se non c’è altra opzione.

resistenza

Ma c’è una grande resistenza alla legge, che essenzialmente creerebbe più burocrazia. Perché se non c’è alternativa alla reclusione, il piano step by step prevede che gli operatori sanitari valutino se l’incarcerazione è ancora necessaria dopo un certo periodo.

Quindi, una maggiore consultazione tra operatori sanitari, medici ed esperti comportamentali e familiari. Muirfield: “E questo costa denaro. Ma pensiamo che la legge sia molto importante. Contribuisce a una migliore protezione legale per le persone con demenza. Quindi è importante che la legge sia applicata correttamente, anche – o anche soprattutto – in tempi di Corona”.

READ  Già in India stanno emergendo migliaia di casi di funghi mortali ...

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24