La partenza di Draghi rappresenta una grave perdita per la stabilità in Italia e in Europa

Draghi ha ricevuto due volte una standing ovation quando ha annunciato la sua partenza

Noos Notizie

Mario Draghi è sopravvissuto al voto di fiducia richiesto al Senato. Ma ciò non bastò a impedire la caduta del suo governo. Ancora una volta Draghi ha presentato al presidente Mattarella le sue dimissioni, che sono state accettate questa mattina. La crisi politica italiana, che ha conseguenze per l’intera area euro.

Cominciamo dall'Italia: Mario Draghi, 74 anni, è definito anche il salvatore del Paese. Ha portato stabilità e ha attuato il piano di ripresa. “Draghi è lì per raccogliere fondi per l’Italia, da tutti i soldi stanziati per l’Europa”, dice Arnaud Bot, professore di mercati finanziari all’Università di Amsterdam. Ciò significa, tra l’altro, il Fondo europeo per la ripresa dal coronavirus, dal quale l’Italia può aspettarsi 205 miliardi di euro.

“Dà fiducia nella sua reputazione e posizione, il che spinge anche altri partiti di governo nazionali a voler aiutare l’Italia”, aggiunge Bout.

Ciò risulta evidente anche dai tassi di interesse sui prestiti pubblici italiani. Dopo la partenza di Draghi, gli interessi che il Paese ha dovuto pagare sui prestiti pubblici sono aumentati notevolmente. Il tasso di interesse italiano su un prestito a 10 anni è ora di circa il 3,6%. Ieri i tassi d'interesse si aggiravano ancora intorno al 3,2%.

Nessun supporto

L’Italia è la terza economia più grande dell’Eurozona ed è quindi importante per i pro e i contro dell’intera regione. “L'Italia è importante per la politica della BCE e per il raggiungimento dei suoi obiettivi – spiega l'economista Maartje – Con Draghi al timone, le riforme possono essere attuate a vantaggio dell'Italia, ma anche a vantaggio dell'Eurozona e quindi dei Paesi Bassi. ” Wijffelaars, che segue tra l'altro gli sviluppi in Italia per Rabobank.

READ  Bentley sta investendo miliardi in auto elettriche nel Regno Unito

Lei ritiene che l'utilizzo dell'euro da parte dell'Italia non sia in dubbio con l'uscita di Draghi. Ma il suo successore non è necessariamente positivo per la stabilità finanziaria dell’eurozona. Perché sono i partiti populisti a ottenere il punteggio più alto nei sondaggi d’opinione: “Una cosa è certa: nessuno sarà in grado di riportare la pace che esiste ultimamente, e lo vedrete riflesso nei mercati finanziari”.

“Se in Italia ci sono governanti che non fanno alcuno sforzo per appartenere all'Europa, l'incertezza aumenterà. La Bce deve tenere l'Italia fuori dal vento finanziariamente, ma non c'è supporto per questo in un momento come questo, e questo è in definitiva la fine della giornata”, dice Arnaud. Bot: “Significa la crisi dell’euro”.

Incertezza tra gli investitori

La questione se siamo sull’orlo di una crisi dell’euro sorge in parte perché l’Italia ha un debito nazionale alle stelle. Si tratta di una volta e mezza superiore al prodotto nazionale lordo. A causa dell’aumento dei tassi d’interesse è diventato sempre più difficile finanziare questo debito. Tuttavia, la Banca Centrale Europea ha recentemente deciso di fornire aiuti ai paesi con un debito elevato, come l’Italia.

Aiuta il fatto che Draghi sia l’ex amministratore delegato della Banca Centrale Europea. Gli investitori hanno fiducia nel fatto che lui e il suo gabinetto gestiranno saggiamente il debito in tempi di aumento dei tassi di interesse. Ma senza di essa, gli investitori diventano più incerti.

Tuttavia, Vivillars non si aspetta che una crisi dell’euro si verifichi immediatamente, anche se l’Italia fosse costretta a pagare di più a causa dei tassi di interesse più elevati sul suo debito o fosse costretta a scegliere di tagliare ulteriormente la spesa. “Questa non è certo una cosa piacevole, ma non significa che il debito pubblico italiano non sarà gestibile da un giorno all'altro. Ci vorrà sicuramente qualche anno, con i necessari interventi politici”.

READ  Terzo aggiornamento | Giovinazzi inizia le giornate di test alpini, mercoledì inizia de Vries

Il crollo dell’euro ha gravi conseguenze. L'Olanda e la Germania gli sopravvivranno, ma resterà con noi per molto tempo.

Arnaud Bout, professore di mercati finanziari

L'euro non sembra ancora in pericolo se si guarda ai mercati finanziari: reagiscono ancora con calma. “I mercati si sono abituati a qualcosa. Se guardiamo agli ultimi 10 anni, le persone hanno sempre più pensato che quando arriverà il momento dei problemi, il governo agirà. E a causa delle varie crisi recenti, le frange del mercato sono rimaste paralizzate”, dice il professor Bott. il movimento”.

Ma gli investitori potrebbero essere preoccupati dall’incertezza della politica italiana in vista delle nuove elezioni. Allora le cose potrebbero andare storte per i mercati. Bout: “Il crollo dell'euro ha gravi conseguenze. I Paesi Bassi e la Germania sopravvivranno, ma rimarranno con noi per molto tempo.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24