La porta è aperta solo al mondo esterno nello stato etiope del Tigray

Dopo più di sei mesi dalla presentazione delle richieste, il reporter africano Ellis Van Gelder e il fotografo Sven Turfen sono stati autorizzati a recarsi come giornalisti nel Tigray, lo stato settentrionale dell’Etiopia dove il conflitto infuria da novembre.

Ed eccoci qui, con la nostra ambita tessera giornalistica etiope, all’aeroporto di Mikkeli, la capitale regionale del Tigray, un rifugio sicuro nella regione. Sulla strada dall’aeroporto al centro ci sono molti soldati dell’esercito etiope. Ma la vita sembra normale nel centro della città. I caffè sono pieni e le persone sono al lavoro.

Non ho mai segnalato una controversia in corso a porte chiuse. Dall’inizio della guerra, Internet è stato interrotto e non c’è stato traffico telefonico. Il contatto con le persone nel Tigray era quasi impossibile.

Gamma mobile

Ma le telefonate possono essere fatte di nuovo nella capitale. E il nostro hotel aveva internet quattro giorni fa. I giovani stanno davanti alla porta con i loro telefoni cellulari. Stanno cercando di ospitare il Wi-Fi aperto nella hall. Mesi dopo, molti sperano in qualche segno di vita da una famiglia in campagna. Questo è ancora difficile perché non c’è copertura mobile al di fuori di Mikkeli.

Nonostante il fatto che le tensioni si fossero intensificate qualche tempo prima della guerra, non credevano che le cose sarebbero andate fuori controllo qui. Ci sono quattro fazioni in guerra nel Tigray: l’esercito etiope è sostenuto dalle truppe della vicina Eritrea e dalle milizie del vicino stato di Amhara. Dall’altro lato, ci sono i ribelli del Fronte di liberazione popolare del Tigray, un gruppo che ha detenuto il più grande potere in Etiopia per decenni e ha governato così potentemente che Abiy Ahmed è diventato primo ministro nel 2018.

READ  La Grecia si prepara a un'ondata di caldo fino a 43 gradi | all'estero

E con lui iniziò un vento nuovo e più libero. I membri dell’opposizione e i giornalisti detenuti sono stati rilasciati. Ma le tensioni etniche sono esplose in diverse parti del Paese e le relazioni tra il Primo Ministro e il TPLF sono state tese. Dopo che Abi Ahmed ha rinviato le elezioni nazionali a causa della pandemia di Corona, ha perso la sua legittimità, secondo il fronte. Poi hanno organizzato le elezioni nel Tigray contro la politica nazionale.

Ragazza di 15 anni

A novembre, unità del Fronte di liberazione popolare del Tigray hanno attaccato una base dell’esercito federale nel Tigray. Il primo ministro etiope Abe dice che non ha avuto altra scelta che reprimere il Tigray. Era in gioco l’unità dell’Etiopia. Ha promesso una breve operazione militare in cui si sarebbero affrontati i leader politici. Ma è andata diversamente. Secondo l’UNICEF, più di un milione di persone sono state sfollate internamente.

In un ospedale di Mikkeli abbiamo incontrato una ragazza di quindici anni gravemente ferita. Un proiettile le ha perforato la testa vicino alla cavità oculare. Secondo suo padre, è stata ferita quando è fuggita dalle forze eritree. “Pensavano che stesse scappando da loro. È una bambina, è innocente.” È un miracolo che sia sopravvissuta, ma non riesce più a vedere.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24