La prima grande delusione della COP26 è realtà

Più di 40 paesi hanno concordato al vertice sul clima COP26 di eliminare gradualmente l’uso dell’energia a carbone. L’accordo sembra una spinta, ma in realtà è la prima grande delusione a Glasgow. La scadenza per richiedere agli Stati di farlo è troppo lunga e alcune delle più grandi economie dipendenti dal carbone, tra cui Australia, Cina, India e Stati Uniti, mancano dall’accordo. E come rivela una nuova ricerca, il mondo ha solo 11 anni di combustione del carbonio al ritmo attuale per prevenire un riscaldamento catastrofico.

Perché questo è importante?

Le valutazioni degli esperti hanno dimostrato che per rimanere entro l’intervallo di riscaldamento di 1,5°C, le economie avanzate devono eliminare gradualmente il carbone entro il 2030, invece del 2030, come indicato nell’accordo annunciato mercoledì sera.

L’obiettivo di “riferire il carbone alla storia” è stato uno dei principali obiettivi del Regno Unito, che ospita il vertice COP26. L’uso del carbone è una delle maggiori cause di emissioni di gas serra. L’accordo del Regno Unito a Glasgow include l’impegno di dozzine di paesi in via di sviluppo e sviluppati a smettere di usare il carbone e più di 100 istituzioni finanziarie e altre organizzazioni hanno deciso di tagliare i fondi per lo sviluppo del carbone.

L’accordo è arrivato come parte del focus sull’energia per il quinto giorno del vertice COP26, a seguito di una raffica di annunci precedenti all’inizio di questa settimana., come l’impegno di decine di paesi per porre fine alla deforestazione. I principali paesi consumatori di carbone, tra cui Canada, Polonia, Ucraina e Vietnam, smetteranno gradualmente di utilizzare il carbone per generare elettricità. Le economie più grandi lo avrebbero fatto negli anni ’30 e le economie più piccole negli anni ’40.

Nessun cambiamento nel gioco

Tuttavia, mancano alcune delle più grandi economie mondiali dipendenti dal carbone, tra cui Australia, Cina, India e Stati Uniti. Inoltre: secondo gli esperti, le scadenze per la cancellazione graduale dei paesi che l’hanno firmata sono troppo tardi.

READ  La pediatra ed epidemiologa Patricia Brugging: "Lasciate che i bambini costruiscano l'immunità naturale"

L’accordo include anche l’impegno di più di 20 paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito e Danimarca, a smettere di finanziare lo sviluppo di combustibili fossili offshore entro la fine del 2022 e a sostenere invece gli 8 miliardi di euro stimati risparmiati ogni anno in investimenti in investimenti. . Sebbene il Sudafrica, l’Indonesia e le Filippine non si siano impegnati a eliminare gradualmente il carbone, hanno concordato accordi che porteranno al pensionamento anticipato di molte centrali a carbone esistenti.

Ma il punto principale di questo deludente annuncio è che il carbone verrà estratto principalmente per gli anni a venire. Le valutazioni degli esperti hanno dimostrato che per rimanere entro l’intervallo di riscaldamento di 1,5°C, le economie avanzate devono eliminare gradualmente il carbone entro il 2030, invece del 2030, come indicato nell’accordo annunciato mercoledì sera.

Quindi l’accordo non cambia le regole del gioco. La scadenza per l’eliminazione graduale del 2030 dovrebbe essere minima e questo accordo non la include. L’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) ha avvertito che ogni nuovo sviluppo di combustibili fossili deve fermarsi da quest’anno in poi se il mondo vuole rimanere entro il limite di 1,5°C.

11 anni in più

Inoltre, l’accordo ora annunciato arriva in un momento in cui le emissioni globali di gas serra sembrano essersi quasi completamente recuperate dopo il crollo durante la pandemia di coronavirus. Ciò significa che il mondo ha solo 11 anni di combustione del carbonio al ritmo attuale se l’umanità spera di evitare un riscaldamento catastrofico.

Questo è chiaro dall’ultimo Relazione con il bilancio globale del carbonioche è appena uscito. I risultati, basati su misurazioni atmosferiche, statistiche energetiche e modelli di deforestazione, tra le altre cose, sottolineano fino a che punto l’umanità deve spingersi per alterare il corso del riscaldamento globale.

READ  Corona è scoppiata in una casa di cura nonostante la vaccinazione dei residenti

Il rapporto annuale è un progetto congiunto di ricercatori provenienti da 70 istituzioni nei cinque continenti. Dal 2015, il progetto ha monitorato la riduzione della quantità di anidride carbonica che l’umanità potrebbe tollerare se sperasse di raggiungere l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali.

Nel 2015 la quota era di 903 gigatonnellate, circa 20 anni di emissioni. Ma la produzione annuale di gas serra ha continuato ad aumentare nonostante l’accordo globale di agire. In soli sei anni, l’umanità ha bruciato più della metà della restante quota di carbonio.

di più non di meno

Gli scienziati hanno scoperto che le emissioni della combustione di carbone e gas naturale hanno raggiunto livelli più elevati nel 2021 rispetto al 2019. Il principale motore dell’aumento è stata la crescita economica in Cina, il più grande emettitore del mondo, che ottiene la maggior parte della sua energia dal carbone. Anche l’India, un altro paese dipendente dal carbone, ha visto un forte aumento delle emissioni mentre l’economia si riavvia.

L’inquinamento dovuto al riscaldamento globale è cresciuto del 7,6% anche negli Stati Uniti e nell’Unione Europea, che sono il secondo e il terzo maggior produttore di gas serra. Entro la fine dell’anno, le emissioni totali di queste aree dovrebbero essere di alcuni punti percentuali inferiori ai livelli pre-pandemia.

Quindi, nonostante alcuni piccoli segni di progresso – le energie rinnovabili hanno continuato a crescere e la quantità di carbonio assorbita dalle foreste ripristinate e dai suoli rivitalizzati – le emissioni sono tutte tornate alla loro traiettoria a lungo termine.

READ  Ora è visibile anche il lato oscuro di Plutone

Gli impegni aziendali sporadici e i modesti investimenti in pacchetti di ripresa economica da COVID-19 non sono stati sufficienti per mettere il mondo su un percorso più sostenibile. Anche gli impegni volontari assunti dai paesi nell’ambito dell’accordo di Parigi sono molto limitati. Per avere il 50% di possibilità di raggiungere questo ambizioso obiettivo di riscaldamento di 1,5°C, il mondo deve iniziare immediatamente a ridurre le emissioni di CO2 di circa 1,4 gigatonnellate all’anno, l’equivalente di piantare circa 21 miliardi di alberi all’anno.

Non c’è svolta

Il rapporto sul bilancio dell’anidride carbonica mostra che le emissioni di carbone e gas sono ora rispettivamente dell’1 e del 2% superiori rispetto a prima dell’inizio della pandemia. Le emissioni legate al petrolio sono ancora leggermente inferiori rispetto a prima del COVID a causa della ripresa relativamente lenta del settore dei trasporti. Ma questo potrebbe aumentare di nuovo man mano che più persone prenotano voli, quindi la pandemia non è stata certamente un punto di svolta. Nella fretta di avviare le proprie economie, la maggior parte dei paesi è tornata ai combustibili più economici e facili disponibili, indipendentemente dalle perdite climatiche.

Quello Rapporto separato su Energy Policy Tracker, un consorzio di ricercatori accademici e senza scopo di lucro, ha scoperto che le 20 maggiori economie del mondo hanno speso almeno 300 miliardi di dollari nell’industria dei combustibili fossili come parte della loro risposta alla pandemia. Al contrario, quegli stessi paesi hanno speso circa 250 miliardi di dollari in sussidi per l’energia pulita. Gli Stati Uniti sono tra i peggiori colpevoli, secondo il rapporto: dal gennaio 2020, oltre il 70% dei finanziamenti governativi per l’industria energetica è andato ai combustibili fossili.

(EVB)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24