La quarta membrana meningea recentemente scoperta sembra svolgere un ruolo nella risposta immunitaria

Tra le tre meningi protettive che circondano il cervello c’è un quarto strato, precedentemente sconosciuto. Forma una barriera filtrante tra liquido cerebrospinale pulito e contaminato e ospita cellule immunitarie che pattugliano il cervello. Scienziati danesi e americani hanno scoperto la nuova membrana nei topi e l’hanno dimostrata anche negli esseri umani. Hanno pubblicato la loro scoperta venerdì sullo Scientific Journal scienza.

Anche il leader dello studio, Maiken Nedergaard dell’Università di Rochester negli Stati Uniti, ha scoperto una struttura nel cervello dieci anni fa: la rete glinfatica. Questa è una rete di vasi linfatici attorno ai vasi sanguigni nel cervello dove scorre il liquido cerebrospinale, un fluido incolore che trasporta prodotti di scarto nocivi nel sangue, specialmente durante il sonno. Lo strato appena scoperto ha qualcosa a che fare con questo.

Leggi anche: I cervelli pompano rifiuti mentre dormiamo

Ci sono tre membrane attorno al cervello e al midollo spinale: dall’esterno verso l’interno, queste sono la dura madre, la ragnatela (aracnoide, dalla parola greca per ragno, aracne) e la dura dura, che è vicina al cervello. Tra gli ultimi due c’è lo spazio subaracnoideo, che contiene il liquido cerebrospinale. Questo protegge il cervello e il midollo spinale dal conflitto. Il liquido cerebrospinale si trova anche in varie cavità del cervello.

Scatola dei colori molecolare

Nei topi vivi, i ricercatori hanno utilizzato i marcatori della scatola dei colori molecolari per dare a tutti i tipi di fibre del tessuto connettivo, vasi sanguigni, cellule di supporto nel cervello e membrane un colore diverso. Usando una tecnica microscopica, hanno visto uno strato extra in questo spazio subaracnoideo, che lo divideva in due parti e sembrava diverso dal tessuto circostante. Lo strato era anche intorno ai vasi sanguigni.

READ  Una rivoluzione in psichiatria

I ricercatori chiamano la struttura appena scoperta SLYM (Una membrana linfoide subaracnoidea). Sono attaccati alle membrane che ricoprono gli organi interni, come la pleura e il pericardio. SLYM è un film sottile spesso solo poche cellule, ma forma una solida barriera: solo molecole molto piccole possono attraversarsi. La membrana sembra separare il liquido cerebrospinale pulito dal liquido cerebrospinale “contaminato”, e quindi fa parte del sistema glinfatico scoperto in precedenza.

SLYM è una delle membrane del cervello.
foto di Università di Copenaghen

Un sistema linfatico ben funzionante nel cervello può svolgere un ruolo nell’eliminazione di molecole dannose come la proteina beta-amiloide che si coagula facilmente, che è stata collegata al morbo di Alzheimer.

Inoltre, la membrana forma una barriera tra le cellule immunitarie del cervello e le cellule immunitarie del resto del corpo.

Lo stesso SLYM sembra essere coinvolto anche nel sistema immunitario: ci sono molte cellule immunitarie nella membrana. In fette di tessuto cerebrale prelevate dai topi, hanno anche notato che molte diverse cellule immunitarie si accumulano nella membrana durante l’infiammazione acuta e con l’età. I ricercatori sospettano che queste cellule immunitarie monitorino il liquido cerebrospinale dalla membrana alla ricerca di segni di infezione.

Leggi anche: In che modo la privazione del sonno influisce sul tuo cervello

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24