La società tedesca OM sta indagando sull’uso improprio dell’app Corona per rintracciare i testimoni da parte della polizia

La polizia tedesca è accusata di aver utilizzato illegalmente un’app di monitoraggio del coronavirus in un procedimento penale per trovare testimoni. Il provvedimento è stato ampiamente criticato dalla polizia e la procura tedesca ha avviato un’indagine.

La polizia di Magonza avrebbe utilizzato l’app Luca in modo illegale alla fine di novembre in un caso di reato, fondere SWR. Un uomo è morto poco dopo aver lasciato il ristorante. Le autorità hanno ottenuto i dati non crittografati dal servizio sanitario e li hanno utilizzati per rintracciare chi si trovava nel ristorante al momento del crimine. Alla fine sono stati trovati 21 potenziali testimoni.

Da allora gli sviluppatori dell’app hanno rilasciato una dichiarazione in cui denunciano le attività della polizia. Sulla questione hanno parlato anche diversi politici tedeschi, inclusi membri dell’attuale coalizione. Alcuni chiedono di eliminare l’app, Scrive Handelsblatt.

L’app Luca tiene traccia di quanto tempo trascorrono gli utenti tedeschi in ristoranti o altri luoghi pubblici. In questi casi, il codice QR deve essere scansionato. Quando un utente è infetto, è più facile tenere traccia di dove si trova e per quanto tempo. Gli utenti devono fornire il loro nome completo, indirizzo e numero di telefono nell’applicazione. I dati personali sono crittografati e possono essere decifrati dal servizio sanitario locale solo se è necessario risalire alla fonte dell’infezione. Anche il sito pubblico pertinente deve dare l’autorizzazione per questo.

Luca è un’iniziativa speciale in alternativa alla registrazione cartacea dei visitatori, ad esempio la ristorazione. Con l’app Corona-Warn del governo tedesco, non è possibile controllare chi si trova in un determinato luogo in un determinato momento. Proprio come l’olandese CoronaMelder, funziona con i segnali bluetooth tramite l’API di Google e Apple e non salva alcuna posizione. Inoltre, Corona-Warn e CoronaMelder non contengono alcun dato personale degli utenti.

READ  Male USA vive nella stessa casa da 23 anni, ma ha pagato solo un mutuo | all'estero

“Il caso in esame è molto grave perché il divieto legale di utilizzare i dati di tracciamento dei contatti a fini di polizia è sancito in modo chiaro e inequivocabile dalla legge sulle malattie infettive”, ha detto a Handelsblatt Stefan Brink, responsabile della protezione dei dati nel Baden-Württemberg. “È difficile credere che le autorità di sicurezza abbiano revocato il divieto in questo caso”. Le forze di polizia si sono scusate e hanno detto che non utilizzeranno più i dati. I pubblici ministeri tedeschi hanno avviato un’indagine sulla violazione della privacy per la polizia.

Aggiornamento 16:20: L’articolo diceva che si trattava di potenziali autori, ma di potenziali testimoni. Inoltre è stata ampliata la spiegazione per l’app Luca e sono state aggiunte informazioni sul rapporto con Corona-Warn.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24