La solitudine ti mangia il cervello

Dato il crescente rischio di malattia e di morte, sono urgentemente necessari trattamenti efficaci contro la solitudine.

La solitudine a lungo termine viene trattata principalmente con la terapia. Ad esempio, la terapia cognitivo comportamentale può trasformare i modelli di pensiero negativi in ​​una prospettiva più positiva. La consapevolezza può ridurre lo stress e l’ansia, mentre la formazione sulle abilità sociali può sviluppare le competenze necessarie per costruire e mantenere relazioni con gli altri.

Nei casi più gravi, vengono somministrati farmaci anti-ansia o antidepressivi per alleviare alcuni dei sintomi della solitudine, ma questi farmaci non affrontano il meccanismo biologico sottostante dietro i danni della solitudine nel corpo. Ecco perché i ricercatori stanno ora lavorando su nuovi farmaci.

I topi mostrano la strada

I ricercatori sono interessati a un tipo specifico di sostanza di segnalazione cerebrale, chiamata tachichinina. Questi regolano i processi psicologici come il dolore, lo stress, l’ansia e forse anche il comportamento sociale.

Nel 2018 Dimostrato La neuroscienziata Muriel Zelikowski del California Institute of Technology ha scoperto che la tachichinina si accumula nel cervello dei topi esposti a un isolamento prolungato e che mostrano sintomi di solitudine. Quando ai topi è stata somministrata una sostanza che neutralizzava la tachichinina, improvvisamente si sono comportati normalmente, come se non fossero soli.

READ  Blu, blu e blu: perché il maligno Nettuno merita urgentemente più attenzione

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24