Uno sguardo filosofico sul brown bar: “Un luogo dove praticare l’arte di vivere insieme”

Il filosofo e scrittore Hans Schnitzler ha scritto il libro Filosofia del bar. Schnitzler vede il pub tradizionale come una sorta di asilo nido comunitario dove le persone possono praticare l'arte di vivere insieme. “A volte paragono un bar a un amante.”

È ancora presto quando Hans Schnitzler entra in uno dei suoi bar preferiti: il Café Chrome sulla Utrechtseestraat. “Non è l'orario più scontato per me, diciamo così. Il bar è dove preferisco venire a fine pomeriggio. All'ora dell'aperitivo.”

Perché un bar vuoto non è un buon bar? “No. Perché in fondo un bar è incontrare persone con background e storie diverse. Persone che conosci un po', a volte un po' meglio, a volte non conosci affatto. Insomma, è un posto dove la vita ti capita”. . Con tutte le sue piccole stranezze e bellezze speciali.”

Filosofo e scrittore Hans Schnitzler – AT5

Schnitzler scrive Filosofia del bar Che abbiamo dimenticato l'arte di vivere insieme. “Si potrebbe dire che viviamo in un'epoca in cui accade di tutto, in cui tutto è in gioco. La società è diventata calda e allo stesso tempo un po' calda. Ci siamo un po' persi. Sto cercando dei posti dove possiamo avvicinarci senza soffocarci a vicenda.” Alcuni. Penso che il pub tradizionale sia un luogo dove le persone possono comunicare tra loro a distanza ma anche a stretto contatto. Il pub non è l'unico luogo, ma anche come per quanto mi riguarda è uno dei luoghi più importanti dove conta l’idea di vicinanza senza soffocarsi a vicenda.

“Credo che il problema sia che, anche a causa dei social, siamo nella pelle dell'altro. Vogliamo sempre dirci la verità e in realtà abbiamo bisogno di spazi un po' più neutri. In effetti, state ignorando dove “vengo da qualche parte”, come se venissi da quel tipo di posto. Lì potrete praticare l’arte di vivere insieme”.

READ  Grande matrimonio per Carlo? "Io e Herald ci sposiamo in mezzo alla folla"

“Per me il bar è una specie di microcosmo.”

Hans Schnitzler – scrittore/filosofo

Il filo conduttore del libro di Schnitzler è la ricerca della dimensione umana. “Per me la dimensione umana riguarda quanto spazio ci concediamo a vicenda e quanto prestiamo attenzione ai ritmi distorti. Per me il bar è una sorta di microcosmo, una sorta di 'piccola comunità' in cui quell'aspetto di quella la dimensione umana può esistere. È un luogo in cui ci si concede un po' di spazio l'uno all'altro, non importa quanto siete vicini, e dove possono esserci ritmi diversi. Per me, questa è una piccola comunità che è un esempio di come mantenere una comunità vivibile. Sono luoghi – e questo è anche nel mio libro – dove bisogna giocare bene la partita tra distanza e prossimità. Non ci si avvicina troppo, si conoscono alcune persone ragionevolmente ma non troppo da vicino, ma sicuramente non si è nemmeno indifferenti. A volte paragono un bar a un amante. È sempre qualcuno che sa come sedurti, vuoi sempre tornare di nuovo, anche questa persona è interessata davvero, ma non ti fa alcuna richiesta. Ed è esattamente ciò che rappresenta per me questo pub tradizionale”.

ALLE 5

Per lo stesso Schnitzel il bar è un rifugio dove trovare “una porzione di conforto quotidiano nei pettegolezzi”. “Sono un osservatore a cui piace entrare quando ne ho voglia. Per me sono microcosmi sociali da cui posso ricavare molte conoscenze. Vedo molto, sento molto.” Hermann Kesten è un poeta non appena scrisse il libro: Poeta al caffè. lui sta scrivendo “Guardo dozzine di commedie ogni ora e sento echi di tragedie che nessuno conosce.”. Penso che queste frasi siano davvero belle. Questo la dice lunga sul microcosmo di ciò che può essere un bar”.

READ  Il più grande festival del vino italiano nei Paesi Bassi al Walkartpark Zeist

💬Contattaci tramite WhatsApp!
Hai qualche consiglio? O hai fornito una foto o un video interessante? Mandaci le tue notizie 0651190938!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24