La sonda giapponese si risveglia dopo la gelida notte lunare

Impressione del lander lunare giapponese

Noos Notizie

Anche il lander che ha fatto atterrare il Giappone sulla Luna alla fine di gennaio è sopravvissuto alla sua seconda notte lunare. Il programma spaziale giapponese ha annunciato che il lander SLIM ha inviato nuove immagini sulla Terra.

La notte lunare estremamente fredda, in cui le temperature scendono fino a circa 130 gradi sotto zero, dura due settimane. Durante quella lunga notte, la zona in cui si trovava Slim era avvolta nell'oscurità. Prima dell'atterraggio di gennaio non era chiaro se la navicella spaziale sarebbe stata in grado di sopravvivere alla lunga e fredda notte. Così è stato a febbraio. I giapponesi non hanno potuto verificare in anticipo se la seconda notte fosse stata completata con successo, perché il lander si spegne automaticamente quando cala l'oscurità.

Il Giappone è il quinto paese a far atterrare un lander sulla superficie lunare in modo controllato. SLIM conduce ricerche, tra le altre cose, sulla crosta lunare e sulla composizione delle rocce sulla superficie. Potrebbero essere in grado di dire qualcosa sull'origine della luna.

Dopo il delicato atterraggio del 19 gennaio, c'erano dubbi sul fatto che SLIM potesse funzionare, perché i pannelli solari non funzionavano correttamente. Il motivo divenne poi chiaro: il rover era caduto su un fianco, facendo sì che i pannelli ricevessero meno luce. Quando SLIM è riuscito nuovamente a catturare la luce solare, ha funzionato le immagini Da inviare sulla Terra.

READ  Un bambino turco trovato sotto le macerie si ricongiunge alla sua presunta madre

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24