La Stazione Spaziale Internazionale è quasi vuota. Quello che viene dopo?

La fine della Stazione Spaziale Internazionale è già stata annunciata. Inizialmente doveva essere il 2020, poi il 2024, poi il 2028, e ora la NASA lo fissa al 2030, anche se potrebbe essere più tardi. “Ci sono voluti sei anni”, afferma Philipp Schönjans, direttore della Stazione Spaziale Internazionale dell'ESA, responsabile del braccio robotico ERA.

Ma questa volta è diverso. Il laboratorio spaziale in orbita è a corto di forze, soprattutto dal punto di vista tecnico. Nel 2021 sono state scoperte crepe nella più vecchia unità Zarga, lanciata nel 1998, e altre unità mostrano segni di corrosione. I certificati e le garanzie scadono.

Ma anche la partnership spaziale con la Russia, un tempo forte e esente da sanzioni, sta cominciando a mostrare crepe. “La cooperazione con i russi resta eccellente a livello tecnico e operativo, ma diventa sempre più difficile a livello politico”, dice Schönjans. La Russia ha annunciato per la prima volta che avrebbe abbandonato il progetto nel 2024 e avrebbe staccato i propri moduli per avviare la propria stazione spaziale. Ciò si è rivelato tecnicamente impossibile e il 2024 è diventato il 2028.

La serietà delle cose questa volta è dimostrata anche dal fatto che il principale appaltatore della NASA ha invitato le società spaziali a presentare proposte di progettazione per la navicella spaziale americana Deorbit, con un budget di circa 1 miliardo di dollari. Questa è una sorta di stadio missilistico separato che deve agganciarsi alla Stazione Spaziale Internazionale e rallentare. In questo modo la stazione spaziale, che pesa 450 tonnellate e ha dimensioni di 109 x 73 metri, può ritrarsi in maniera controllata, bruciandosi in gran parte nell'atmosfera: il più grande meteorite artificiale mai esistito. I resti cadranno nell'Oceano Pacifico. Altre opzioni si sono rivelate irrealizzabili, come fermare la ISS in un’orbita più alta o consentirle di schiantarsi in modo controllato con i propri mezzi.

La Stazione Spaziale Internazionale sarà il più grande meteorite artificiale mai realizzato

Inoltre, esiste la possibilità di un successore. Non solo i residenti lasceranno la Stazione Spaziale Internazionale prima che muoia. Alcuni moduli verranno anche separati, come semi per una nuova stazione spaziale commerciale.

Più di 2600 esperienze

Perché la fine della Stazione Spaziale Internazionale deve essere anche un nuovo inizio. Dopo che le agenzie spaziali di Stati Uniti, Canada, Giappone, Europa e Russia iniziarono a costruire la ISS nel 1998, questa si è trasformata in una delle più grandi collaborazioni scientifiche mai realizzate, con centinaia di astronauti che conducono ricerche, ad esempio, sul comportamento dei cristalli e vita. La materia si forma o si scioglie in assenza di gravità, ma anche a causa delle radiazioni cosmiche o dell'effetto dell'assenza di gravità sul corpo umano. Ad oggi ha all'attivo quasi 7.000 pubblicazioni scientifiche, provenienti da più di 2.600 esperimenti. E inizialmente anche il riavvicinamento alla rivale Russia. È costato almeno 150 miliardi di euro, la stragrande maggioranza dei quali proveniva dai contribuenti.

READ  Secondo la ricerca, le case di cura difficilmente implementano alcun tipo di rilassamento proprio adesso

Il successore dovrà essere una stazione commerciale autosufficiente, costruita da una società privata. Ciò si adatta alla strategia della NASA negli ultimi anni di lasciare la maggior parte delle attività spaziali di routine a soggetti commerciali, un approccio adottato dall’Agenzia spaziale europea. Il lavoro pionieristico rimane nelle mani di agenzie, come il programma lunare Artemis o le missioni scientifiche interplanetarie.

Tra i candidati al successore, la società americana Axiom con sede a Houston, Texas, sembra avere le migliori qualifiche. L'azienda è stata fondata dall'ex direttore della Stazione Spaziale Internazionale Michael Suffredini e già organizza regolarmente il volo di astronauti e turisti spaziali verso la Stazione Spaziale Internazionale utilizzando il razzo Falcon 9 di SpaceX. Il primo modulo della stazione spaziale Axiom è ora in costruzione in Italia , presso la società europea di difesa e spazio Thales Alenia. Verrà lanciato e attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale nel 2026, ed è la prima di tre unità. Axiom vuole anche acquisire il braccio robotico canadese per la Stazione Spaziale Internazionale, Canadarm.

In termini di impressioni artistiche, i moduli Axiom sembrano molto diversi dagli attuali interni affollati e minimalisti della Stazione Spaziale Internazionale: pareti rivestite di giallo con grandi finestre e schermi video, disegnati dall'icona del design francese Philippe Starck. “La mia visione è quella di creare un uovo confortevole e accogliente, le cui pareti siano molto morbide, in armonia con i movimenti del corpo umano in assenza di gravità.” Ha detto di questo contro New York Times. Di conseguenza, il prezzo della residenza è: 55 milioni di dollari (soggetto a modifiche).

Axiom non è l’unico candidato al successore. Nel 2021, la NASA ha lanciato un invito alle aziende a presentare piani per stazioni spaziali. Tre aziende hanno ricevuto un totale di 400 milioni di dollari in sovvenzioni per sviluppare i piani. Una di queste società è stata la società statunitense BlueOrigin, del fondatore di Amazon Jeff Bezos, che sta lavorando con Sierra Space sulla stazione spaziale Orbital Reef.

READ  I produttori di pesticidi hanno negato gli studi sui danni cerebrali

Pagamento a scienziati, aziende, media e clientiOspitalità esotica“Benvenuti, rapporti Un sito web che sembra una brochure pubblicitaria Pieno di interni eleganti e bianchi come la neve. Con 840 metri cubi di spazio (rispetto ai 1.000 metri cubi della Stazione Spaziale Internazionale) e spazio per dieci astronauti, Orbital Reef è il più grande candidato successore di sempre. I lavori di costruzione sono già in corso: a gennaio Sierra Space ha pubblicato le immagini di un test di carico di pressione, in cui una versione di prova del modulo è stata gonfiata fino all'esplosione.

Unità gonfiabile

Terzo candidato Starlab, più austero e più piccolo, destinato esclusivamente alla ricerca scientifica: un unico modulo laboratorio gonfiabile di 8 metri di diametro, con spazio per quattro astronauti. Il tutto deve essere lanciato subito a bordo del gigantesco razzo Starship di SpaceX, che questo mese effettuerà il suo terzo volo di prova.

Inizialmente, Starlab era una joint venture tra il colosso statunitense dell'aerospaziale e della difesa Lockheed Martin e la società spaziale Voyager, ma Lockheed è stata sostituita dalla società europea della difesa e spaziale Airbus, forse con l'obiettivo di raggiungere i clienti europei. La data di lancio prevista è il 2028.

Altri concorrenti, come Vast, con la sua stazione spaziale Haven-1, e Thinkorbital con il suo futuristico pallone spaziale Orb2, entrambi americani, non hanno ricevuto una sovvenzione per la progettazione dalla NASA.

Se la ISS terminerà effettivamente nel 2030 dipende dal successo di uno di questi piani, afferma Frank de Ven, ex astronauta belga e capo del Centro astronautico europeo EAC di Colonia. “Abbiamo deciso insieme agli Stati membri dell'ESA di sfruttare appieno la Stazione Spaziale Internazionale fino al 2030. Dopodiché potremo prolungarla, e questo dipende, tra le altre cose, dalla presenza di un'alternativa”, dice.

UN spaccoQuesto è il periodo in cui non si raggiunge l’orbita terrestre bassa, che la NASA e l’Agenzia spaziale europea vogliono evitare. DeWine: “Abbiamo visto che non è positivo per il programma spaziale se non c'è la capacità di portare gli astronauti nell'orbita terrestre bassa per un periodo di tempo più lungo.”

READ  Lo strato di ozono si sta riprendendo secondo i piani, il che aiuta ad affrontare il riscaldamento globale | clima

Resta da vedere se i terminal commerciali riusciranno a tenere la testa fuori dall’acqua. “L'esperienza della ISS dimostra che è difficile renderla commercialmente fattibile”, afferma De Winne. Ma il suo collega dell’ESA Schönigans era un po’ più ottimista. “Penso che ci siano ragionevoli possibilità che almeno uno dei piani abbia successo”, afferma.

A bordo della Stazione Spaziale Internazionale, ad esempio, la ricerca è diventata più economica e semplice, spiega. “Ci volevano quattro anni prima di poter far volare un esperimento”, dice Schonjans. Si tratta di un periodo molto lungo per aziende e accademici. “Tale periodo è stato ridotto a pochi mesi a volte.”

Fattore incerto

Anche il turismo spaziale è un fattore incerto. I primi turisti spaziali hanno facilmente pagato decine di milioni di euro per il loro viaggio, ma la domanda sarà probabilmente limitata e la novità potrebbe svanire rapidamente.

De Winne prevede che l'ESA e la NASA rimarranno co-clienti per un certo periodo, il che costituirà anche un motivo per la partecipazione europea di alcune stazioni candidate. L'ESA non investirà in questi piani, dice De Winne, “ma puoi immaginare che pagheremo la ricerca o consegneremo un modulo in seguito”. Le discussioni sulla forma esatta sono ancora in corso tra gli stati membri dell'ESA. La decisione verrà presa nel 2025, durante la riunione dei ministri che si terrà ogni due anni.

A dire il vero, la Stazione Spaziale Internazionale ha già un successore: la stazione spaziale cinese Tiangong, che ora è stata ampliata a tre moduli, con un volume di 340 metri cubi e tre “astronauti” permanentemente a bordo. La Cina ha annunciato che anche i non cinesi sono i benvenuti. “La stazione spaziale cinese è una delle opzioni che prenderemo in considerazione se riceveremo un invito dalla Cina”, afferma l’economista De Winne.

Non è ancora sicuro se la fine della Stazione Spaziale Internazionale avverrà effettivamente nel 2030. Ritardi e rinvii sono normali nei viaggi spaziali. Ma questa volta non ci sarà alcun emendamento.



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24