TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

La tempesta contro la vecchia zia selvaggia

A causa dello sviluppo del destino, una mostra retrospettiva dell’artista olandese Jacqueline de Jong coincide con Fils con Regenerate, una mostra collettiva di artisti relativamente sconosciuti. Entrambi si completano a vicenda meravigliosamente.

All’inaugurazione della mostra, di solito, è così: i giornalisti presenti, di nascosto o meno, fotografano l’artista che accompagna il tour. Con “The Absolute Kiss”, la presentazione reazionaria dell’olandese Jacqueline de Jong (82), è successo il contrario. Le piaceva fotografare i giornalisti che fissavano il suo lavoro.

Vuoi anche spiegare qualcosa? De Young quasi rise. Lei ha risposto con fermezza: “Je n’explique rien”. Ma lei ama davvero lo spettacolo. “Penso che sia bellissima,” disse in un sussurro.

l’essenza

  • In The Ultimate Kiss, Fils presenta una retrospettiva dell’artista olandese Jacqueline de Young.
  • Negli anni ’60 è stata una delle figure di spicco dell’Internazionale Situazionista, un movimento artistico di ispirazione politica ad Amsterdam e Parigi.
  • Il suo lavoro è un misto di espressionismo, cobra e pop art.
  • Nell’altra mostra, “Regenerate”, il Wiels presenta una piattaforma per venti artisti relativamente sconosciuti.

Lei ha ragione. The Ultimate Kiss è una travolgente mostra d’arte che una volta era rumorosa e provocatoria. De Young divenne famosa negli anni ’60, quando entrò a far parte dell’International Standby Cart ad Amsterdam e Parigi. Questo movimento artistico, originario dell’Italia, era politicamente ispirato. A Parigi, il movimento ha svolto un ruolo importante nelle proteste studentesche del 1968.


The Ultimate Kiss è una travolgente mostra d’arte che una volta era rumorosa e provocatoria.

De Jong era in prima linea nella battaglia. Puoi vederlo nei suoi primi lavori, che è un misto di espressionismo, cobra e pop art. Luminoso e colorato. Troppo sesso, troppa violenza. Tutto ciò che ha colorato la vita negli anni ’60. Anche oggi è scioccata dalla ferocia che infuriava in quel momento. Le persone sembrano quasi dei mostri. La sua formazione si scontra con i confini dell’astrazione.

In seguito a volte si calmava. Puoi vederlo in una serie di tavole da biliardo iniziate nel 1976. Ciò non significa che siano tavole normali. La prospettiva non sembra mai accumularsi, il che rende i lavori interessanti. Le scene del biliardo sono associate all’immagine di Elvis Presley. Ci stavo pensando. Sembra che l’asta del microfono ei segnali escano dallo stesso pennello.

Questi sono i momenti di pace nella galleria. Durano solo un po ‘. Anche oggi c’è un’incredibile quantità di urgenza e urgenza nelle sue ricche opere. Il dipinto “Il bacio assoluto” è appeso nell’ultima stanza. Puoi giurare che è una reliquia degli anni ’60. ma no. È iniziato nel 2002. Il sangue scorre ancora molto velocemente a De Jong.

Coincidenza

Parallelamente alla mostra intorno a de Young, la mostra “Regenerate” si svolge al Wiels al secondo e terzo piano, con opere recenti di artisti relativamente sconosciuti che hanno intrapreso la loro carriera in Belgio. È una coincidenza. “ A causa dei cambiamenti avvenuti a causa dell’epidemia, è andata così ”, afferma Dirk Snawart, regista di Fels.

Ma è una combinazione interessante. De Jong è stato rivoluzionario negli anni ’60. Gli artisti contemporanei cercano a modo loro di fornire una risposta artistica a ciò che sta accadendo nel mondo oggi.

Un progetto simile, anche se più piccolo, è in corso al M. “C’è una grande differenza. M. ha acquistato opere d’arte. Fels non è un museo. Non possiamo ottenere opere d’arte. “ Possiamo semplicemente mostrarli ”, afferma la curatrice Zoe Gray. I venti artisti sono stati selezionati sulla base delle nostre ricerche e discussioni con altri artisti. “Spesso conoscono il meglio degli artisti più promettenti”.

Renewal presenta un ottimo mix di stili e mezzi. Non devi trovare tutto uguale, ma a nessun artista manca la creatività. Potete vedere la bellissima poesia cinematografica “I fiori sbocciano nelle nostre gole” di Bruxelles Eva Giulo. Vedi alcune persone che fanno piccoli gesti, battono le mani o giocano con i loro capelli. Sembra familiare, ma non lo è. Il mio film parla della violenza domestica. Nella vita reale, non sempre si distingue “, dice.

Airbag per Cecilia di Gartmar Hilta.

La violenza sta anche nel “calcolo dell’incoerenza” di Cecilia di Gartmar Hilta, ma in modo completamente diverso. Pensa a un incidente d’auto. 17 airbag compaiono quando vengono gonfiati. Trattato con resina in modo che possa essere visualizzato. Come fissazione, irradia essenzialmente calma piuttosto che la calamità che hanno sopportato.

L’artista francese Corentin Grossmann, che vive a Bruxelles, può relativamente ammirare la pittura classica. Nei suoi disegni a pastello ea matita, si mostra come un’iconografia del passato. Preferisce non confrontarlo con Hieronymus Bosch e Pieter Bruegel, sebbene ci siano elementi di vecchi maestri nel suo lavoro. Basta citare i giochi per computer moderni come fonte di ispirazione. Gli abbiamo chiesto se avesse effettivamente visto la De Young Gallery come pittore. ‘Si! È un grande. Ammiro davvero la sua libertà nella sua arte. Eccezionale.

“The Ultimate Kiss” e “Regenerate” gireranno su Wiels fino al 15 agosto. Informazioni su wiels.org

READ  Charles ha parlato con William e Harry per due ore dopo il funerale di Philip Reali