TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

La tragica accusa dell’Italia al “dittatore” Erdogan attira la condanna turca

File foto: il Primo Ministro italiano Mario Draghi parla durante una conferenza stampa congiunta con il Ministro italiano dell’Economia e il Ministro italiano del lavoro e delle politiche sociali a seguito di una riunione di gabinetto a Roma, in Italia, il 19 marzo 2021. Via Alberto Pisoli / Piscina REUTERS

ROMA (Reuters) – Il premier italiano Mario Tragi giovedì ha accusato il presidente turco Tayyip Erdogan di aver insultato la presidente della Commissione europea Ursula van der Ley questa settimana e ha condannato Ankara affermando che è importante essere aperti con i “dittatori”.

Van der Leyen e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel si sono incontrati martedì ad Ankara con Erdogan. La presidente è rimasta chiaramente scioccata quando è stata mandata su un divano vicino mentre i due erano seduti su due sedie che erano state fatte.

“Sono totalmente in disaccordo con il comportamento di Erdogan nei confronti del presidente Van der Ley. Non credo che questo sia un comportamento appropriato. Mi dispiace molto che Van der Ley sia stato insultato”, ha detto Drake ai giornalisti.

“Con questi, come li chiamiamo – dittatori – ci si deve integrare con lui e si deve essere aperti nell’esprimere visioni e opinioni diverse”, ha detto.

L’ambasciatore italiano ad Ankara è stato convocato alla Farnesina per le dichiarazioni di Troki, secondo l’agenzia di stampa turca Anatolia, che ha calunniato il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu.

“Condanniamo fermamente l’inaccettabile retorica populista del primo ministro italiano nominato Tragi e le sue brutte e incontrollabili osservazioni sul nostro presidente eletto”, ha scritto Gavzoklu su Twitter.

Giovedì scorso, Gavsoklu ha detto a una riunione che il posto era stato organizzato in conformità con le richieste del campo e le norme internazionali, e che la Turchia sarebbe stata sottoposta a “accuse ingiuste”.