La tregua a Gaza è giunta ad un punto morto e Israele non ha partecipato ai colloqui al Cairo

Gli effetti dei bombardamenti israeliani sulla città di Rafah, a sud della Striscia di Gaza

Noos Notizie

Oggi Israele non ha inviato una delegazione alla capitale egiziana, Il Cairo, per partecipare ai negoziati per il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza. C'è una delegazione di Hamas e mediatori del Qatar e dell'Egitto.

I negoziati sembrano essere giunti ancora una volta a un punto morto, mentre aumenta la pressione internazionale a causa della minaccia di carestia nella Striscia di Gaza.

Israele non ha voluto sedersi al tavolo delle trattative perché non aveva ricevuto da Hamas una lista dei nomi degli ostaggi che sarebbero stati rilasciati come parte dell'accordo. In gioco c'è un accordo per lo scambio di 40 ostaggi con 400 prigionieri palestinesi detenuti in Israele. Ciò dovrebbe avvenire entro sei settimane dall’inizio del Ramadan, intorno al 10 marzo.

Successivamente è stato riferito che Hamas voleva raggiungere un accordo solo se ci fosse stato un cessate il fuoco permanente nella Striscia di Gaza e non solo una pausa temporanea nei combattimenti.

Ma questo è qualcosa che il primo ministro israeliano Netanyahu non vuole affatto. Recentemente ha ripetutamente chiarito di voler riprendere la guerra dopo una potenziale tregua nei combattimenti. Crede che questo sia l'unico modo per sconfiggere Hamas.

carestia

Gli Stati Uniti hanno ora deciso di lanciare pacchi alimentari dal cielo. Ieri a Gaza sono stati consegnati circa 35.000 pacchi, nonostante l'insoddisfazione dei critici per le quantità.

Anche le organizzazioni umanitarie chiedono una soluzione rapida. L'UNICEF, l'organizzazione delle Nazioni Unite per i diritti dei bambini, teme tra gli altri un aumento delle morti infantili a causa della carestia.

Secondo l'agenzia delle Nazioni Unite, negli ultimi giorni almeno dieci bambini sono morti in un ospedale della sola Gaza City. Il Ministero della Sanità palestinese, che è sotto il controllo di Hamas, parla di quindici bambini morti in quell'ospedale.

I negoziati sono stati interrotti la settimana scorsa dopo un bagno di sangue durante la distribuzione degli aiuti nel nord della Striscia di Gaza.

Non è ancora chiaro cosa sia successo esattamente. Il bilancio delle vittime sarebbe di 115, oltre a centinaia di feriti. Israele afferma che diverse persone sono morte calpestate durante l'assalto al convoglio. Secondo i medici dell'ospedale Al-Shifa di Gaza City, l'80% dei feriti sono stati feriti da colpi di arma da fuoco. Una squadra delle Nazioni Unite ha anche affermato che molti dei feriti avevano subito ferite da arma da fuoco.

READ  Il ministro della Difesa israeliano si oppone alla riforma legale | al di fuori

Israele afferma che l'esercito non ha lanciato un attacco contro il convoglio e che la maggior parte delle vittime sono state vittime civili. Secondo quanto riferito, sono stati sparati colpi di avvertimento per disperdere la folla. I “ladri” si sono poi avvicinati ai soldati israeliani, sostenendo che rappresentavano una “minaccia diretta”.

Si presume che alcuni di loro siano stati poi fucilati. In precedenza si diceva che le gambe fossero prese di mira. Queste affermazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24