Gli studiosi apprendono di più sui Filistei esaminando il luogo di nascita di Golia

E chi non lo conosce; Golia il filisteo, conosciuto come il grande gigante con cui dovette competere il giovane Davide. Finora si sapeva relativamente poco della cultura palestinese. Ora la situazione è cambiata: analizzando i semi delle piante è stata rivelata una grande quantità di informazioni.

Sì, i palestinesi esistevano. Ad esempio, i ricercatori israeliani stanno scavando intorno a Tel al-Safi da diversi anni. Da allora questo luogo è stato identificato come la città di Gath, dimora del famoso Golia. Gli archeologi di quest'area hanno ora raggiunto l'area del tempio. Qui sono stati rinvenuti oggetti di ogni genere: piccoli vasi, ma anche doni sacrificali e diversi tipi di semi. La scienziata Sue Vroomin ha contribuito alla ricerca. Lei dice Scientias.nl: “Praticamente tutto ciò che abbiamo scoperto è stato una sorpresa. I palestinesi non hanno lasciato fonti scritte relative alla loro cultura e religione. La scoperta più sorprendente è stata quella di circa 100 frammenti di frutti di pepe dei monaci.” Vitex Agnus Castus. I semi di questa pianta sono stati rinvenuti finora solo in un altro luogo: nel Tempio di Hera sull'isola di Samos. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Rapporti scientifici.

Carpologia
Gli scienziati hanno utilizzato tecniche di analisi quantitativa e qualitativa per la ricerca. “Abbiamo condotto ricerche di carpologia per determinare quali semi sono stati trovati”, spiega Fromin. Abbiamo prima esaminato il tipo di seme in questione e poi abbiamo esaminato a quale famiglia appartengono questi semi. Confrontando ripetutamente i risultati di laboratorio con il database della National Seed Collection di Israele, alla fine siamo stati in grado di determinare di quale varietà si trattava e in quale stagione veniva raccolta. Durante la ricerca archeologica abbiamo scoperto una serie di cose diverse. Innanzitutto, all'interno dei templi abbiamo scoperto offerte sistemate mescolate con resti di molte specie diverse di piante selvatiche, tra cui il pepe monaco e il fiore dell'oca crestata. Jalebionis coronaria E Lomelozia argentina. In secondo luogo, abbiamo scoperto che fuori dal cortile del tempio c'è un giardino in cui crescono piante selvatiche. Questo è un dettaglio importante perché ci ha permesso di sapere che c'era un legame tra le piante selvatiche che abbiamo trovato nel Tempio e la religione palestinese di quel tempo.

READ  Diablo Immortal non uscirà nei Paesi Bassi e in Belgio - Giochi - Notizie

Giardino del tempio
I risultati dello studio sono importanti perché sappiamo ancora poco della religione palestinese. Da ricerche precedenti sappiamo che i palestinesi vivevano circa 3.000 anni fa. Ma il problema più grande qui è che i palestinesi hanno lasciato poche prove dietro di sé. “Ciò che colpisce particolarmente è che non esistono quasi fonti scritte dei palestinesi”, spiega Frumin. Abbiamo una serie di iconografie da cui possiamo trarre informazioni, ma finora si sa molto poco sulla religione palestinese dell'epoca. Questa ricerca mostra che i palestinesi si concentravano principalmente sul culto della natura, compresa l’acqua corrente e le stagioni. Lo hanno fatto, tra le altre cose, attraverso l’uso estensivo di piante medicinali e psicoattive.

Altra interessante scoperta recente: il tempio non era solo un luogo di culto, ma pare anche un luogo di produzione. “Abbiamo trovato telai anche negli stessi edifici del tempio”, conclude Frumin. Tuttavia, ciò non è del tutto nuovo; Ricerche precedenti dimostrano già che l’area del tempio potrebbe essere stata anche il luogo in cui venivano prodotti i tessuti. Non solo, proprio accanto al tempio si svolgeva l'attività mineraria.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24