La Turchia vende droni in sempre più Paesi: “Abbiamo i migliori”

I droni turchi sono apparsi anche in diversi attacchi militari turchi in Siria negli ultimi anni. Sono stati schierati insieme alle forze governative appoggiate dalla Turchia in Libia. E alla fine dello scorso anno, il mondo ha visto droni turchi operare nella regione del Nagorno-Karabakh di proprietà dell’Azerbaigian contro l’esercito armeno.

“I nostri droni sono i migliori della loro categoria al mondo al momento”, afferma Haluk Bayraktar, raggiante di orgoglio. “Raggiungono decine di migliaia di ore di volo al mese e si sono dimostrati validi sul campo di battaglia dentro e fuori i nostri confini”.

Il programma dei droni si adatta all’ambizione della Turchia di diventare militarmente autosufficiente. Il presidente Erdoğan ha investito molto nella sua industria delle armi negli ultimi dieci anni. Con l’obiettivo di essere il più indipendente possibile dall’estero, in modo che possa rimanere in stato di embargo sulle armi o sanzioni.

Droni turchi critici nel conflitto del Nagorno-Karabakh

La guerra in Nagorno-Karabakh è vista anche come una “svolta” per l’industria dei droni in Turchia. L’Azerbaigian non avrebbe potuto vincere la guerra così facilmente se non avesse avuto droni turchi (e israeliani). La Turchia è stata criticata dagli alleati occidentali della NATO. La Turchia è stata coinvolta in un lungo conflitto nel Caucaso e ha sostenuto un controverso regime in Azerbaigian. Nell’Unione Europea sono state lanciate richieste di sanzioni contro la Turchia. Quindi il Canada ha smesso di vendere le parti che la Turchia usa per realizzare i droni.

Ma la guerra del Nagorno-Karabakh ebbe un effetto diverso. Diversi paesi hanno visto per la prima volta ciò che i droni turchi avevano nelle loro case e si sono messi in fila per acquistarli. La Turchia ha venduto più droni l’anno scorso che mai. In paesi come Turkmenistan, Qatar e Marocco, ma anche in Ucraina. La Polonia è il primo paese della NATO ad ordinare droni turchi. Recentemente è stato annunciato che anche la Lettonia ha mostrato interesse.

READ  Ricerca di viaggio: ecco gli olandesi che pagheranno la tua tariffa | Per viaggiare

“Questo conflitto è stato un ottimo esempio della capacità della tecnologia turca di contrastare i sistemi d’arma russi da parte armena”, ha affermato Sen Ozkarasahin, esperto di difesa presso il think tank EDAM. Quindi questo è importante anche per la NATO”.

Droni come mezzo per aumentare l’impatto

I cosiddetti armati l’assassino La natura della guerra sta cambiando in tutto il mondo. Sono più economici e più manovrabili degli aerei da combattimento. Inoltre, ci sono meno rischi per il pilota, perché è lontano. Più paesi hanno i droni, più paesi li vogliono anche loro.

“La Turchia sta colmando una lacuna nel mercato”, afferma Ozkarasahin. “Offrono droni decenti, ma anche più economici rispetto, ad esempio, agli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sono sempre stati riluttanti a vendere la loro tecnologia di droni per paura della proliferazione. E la Turchia è pronta a farlo”.

La Turchia sta mettendo a dura prova le relazioni geopolitiche con i droni. “È un modo politico per la Turchia di aumentare la sua influenza nella regione”, ha detto Ozkarasahin. “È anche un messaggio al mondo: mostrare che la Turchia è uno stato militare forte in grado di competere con le maggiori potenze”.

Non esiste un dibattito etico sull’opportunità di droni militari in Turchia. L’orgoglio regna sovrano. “Le persone sono orgogliose che stiamo utilizzando questo tipo di tecnologie per proteggere la nostra sovranità”, ha affermato Haluk Bayraktar. “Dieci anni fa, abbiamo provato ad acquistare droni da altri paesi. Ora guarda, siamo autosufficienti, esportiamo persino”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24