L’abbattimento delle foreste tropicali potrebbe riprendersi più velocemente del previsto

Le foreste tropicali si stanno riprendendo molto più velocemente del previsto nei luoghi in cui sono state abbattute, trasformate in terreni agricoli e abbandonate anni dopo. Venti anni dopo, importanti caratteristiche della foresta, come la ricchezza di specie e lo stoccaggio del carbonio nel suolo, sono state in gran parte ripristinate. Ciò è dimostrato dalla ricerca in 77 siti nell’America meridionale e centrale e nell’Africa occidentale. I risultati sono stati pubblicati in Scienza.

“Questo è il nostro messaggio di Natale al mondo”, afferma Lourens Poorter, professore di ecologia funzionale alla Wageningen University & Research e primo autore dello studio che ha coinvolto 90 scienziati. Porter ha un piccolo sfratto. “Il suolo non dovrebbe essere utilizzato troppo a lungo e intensamente durante il periodo agricolo”.

Nella loro pubblicazione, gli autori si sono espressi a favore della protezione di tale rigenerazione, le cosiddette foreste secondarie, al fine di rallentare il rapido declino della biodiversità in tutto il mondo. Delle circa 60.000 specie arboree attualmente registrate in Banca dati GlobalTreeSearchLe foreste tropicali ospitano 53.000 persone.

Lo studio è stato condotto durante la deforestazione globale. Sebbene sia diminuito significativamente negli ultimi decenni, secondo il rapporto ogni anno scompaiono al netto (deforestazione + imboschimento) ancora 10 milioni di ettari di foreste. il rapporto Stato delle foreste del mondo 2020 Organizzazione Mondiale dell’Alimentazione (FAO). Ciò equivale a un paese delle dimensioni della Corea del Sud. La deforestazione è in gran parte praticata ai tropici, con l’agricoltura come principale motore, secondo il rapporto, in particolare per il bestiame e la coltivazione della soia e della palma da olio.

READ  Sempre più casi di scabbia nei Paesi Bassi: ecco come si conosce una malattia della pelle contagiosa: il radar

Leggi anche: Bolsonaro rompe il controllo sulla deforestazione

Ricchezza di specie

Ma ci sono anche vasti tratti di terra dove l’agricoltura è stata abbandonata nel tempo e dove la foresta si riprende senza intervento umano. Più di un quarto delle foreste tropicali dell’America centrale e meridionale può essere classificata come foresta secondaria, scrivono gli autori nelle loro pubblicazioni.

due anni fa Pubblicato quasi lo stesso folto gruppo di autori Anche riguardo a questa ripresa, in progresso scientifico. Quindi includeva 56 sedi in Centro e Sud America. Hanno già notato che le foreste secondarie si stanno riprendendo “molto rapidamente”. “Ma all’epoca stimiamo che ci vorranno diversi secoli prima che la foresta originale ritorni completamente al suo stato originale”, afferma Porter. Nel nuovo studio più ampio, questo è stato ridotto a una media di 120 anni. Porter: “Ora abbiamo esaminato più siti e anche l’Africa occidentale è uno di questi”.

Ciascuno dei 77 siti ha cercato macchie di foresta (in media 0,1 ha) che differivano per il tempo di recupero e le ha confrontate con una macchia di foresta nativa il più vicino possibile. Sono stati esaminati 2.275 appezzamenti di terreno. Sono stati determinati tutti i tipi di caratteristiche: quanto azoto e carbonio ci sono nel suolo, quali sono le caratteristiche delle foglie, quanta biomassa c’è al di sopra del suolo, qual è il diametro massimo di un albero, qual è la ricchezza di specie, qual è la rapporto tra diverse specie arboree? “Vedi lo sviluppo in tutte queste proprietà per le età dei diversi appezzamenti e lo estrapoli in base ai valori che trovi nelle vecchie foreste circostanti”.

READ  Uno studio olandese rende la chemioterapia più sicura: "Possiamo eliminare molte sofferenze"

foglie cadenti

Sorprendentemente, il fondo si è ripreso molto più velocemente. “Pensavamo che il terreno dovesse essere nutrito prima con fogliame deciduo, quindi dovresti davvero avere alberi ben cresciuti”, dice Porter. Ma in una media di dieci anni, si scopre che il suolo ha recuperato il 90%. Porter: “Tagliare e bruciare le foreste tropicali porta molti nutrienti al suolo e, con un’agricoltura apparentemente leggera, molto più di questo rimane nel terreno di quanto pensassimo”. La foresta restaurata ne beneficia.

Tuttavia, c’è molta variazione nei risultati. Ad esempio, in media, dopo 37 anni, la biodiversità è già stata ripristinata del 90 percento. Ma la prevalenza è ampia, da circa 12 a 105 anni. È importante, ad esempio, se c’è ancora una foresta vicino al terreno abbandonato. Può fungere da donatore di sperma per una nuova crescita. Porter: “O se c’è ancora un albero qua e là sul terreno abbandonato, anche questo fa la differenza”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24