Lacrime e mal di pancia, ora l’Italia minaccia di ritirare il ‘superbonus’ per le ristrutturazioni

“In questa casa in affitto fa molto caldo d’estate e gelida d’inverno. Non mi piace vivere lì. Ma non sappiamo quando potremo tornare a casa nostra”, dice Cincia Nucci (62 anni), che scoppia subito in lacrime. Una ragazzina con corti capelli rossi è seduta a un tavolo in una stanza affollata. Benvenuto Sforza (67) guarda una partita di calcio in TV dal divano accanto. Cerca di rallegrare la moglie: “Sarà bello. Avere fede.”

La coppia vive temporaneamente in questa casa – una cucina, un soggiorno, una camera da letto – perché la loro casa di proprietà è stata liberata: è prevista una ristrutturazione per renderla antisismica.

Per tali ristrutturazioni nel 2020 è stato creato un sussidio “superbonus 110%”: il governo paga il 110% dei costi di ristrutturazione sotto forma di sgravi fiscali. Quindi, se le case sono antisismiche o efficienti dal punto di vista energetico, i proprietari possono ristrutturarle in modo assolutamente gratuito a spese del fisco. I proprietari ottengono anche il 10%.

Nucci e Sforza vivono a Grotte di Castro, un villaggio a rischio sismico nel centro Italia. Hanno diritto a sovvenzioni. Sforza: “Abbiamo tutti i documenti in regola. L’appaltatore può iniziare. Ma nel nostro caso la banca che avrebbe dovuto anticipare i soldi non si è fatta avanti per mesi. La coppia ha avuto difficoltà con i prestiti e quest’anno l’intero Superbonus al 110% ha iniziato a rimbombare, poiché il governo dell’attuale primo ministro Georgia Meloni vuole eliminare gradualmente il programma e inasprire i criteri. Ciò ha creato confusione, dubbi, grattacapi finanziari e panico tra i proprietari di case e gli appaltatori in tutto il paese.

Cinzia Nucci (62) e Benvenuto Sforza (67) nell’angusta cucina della loro casa in affitto.Scultura di Pauline Walkenet

Per Nuzzi e Sforza, che gestiscono insieme un piccolo panificio, questo significa non sapere a che punto sono: il rinnovo con il Superbonus andrà avanti ancora? I costi di ristrutturazione dell’edificio in cui loro e altre quattro famiglie hanno appartamenti – un edificio alto medievale in tufo marrone, con persiane marroni alle finestre – sono stimati in 530mila euro. L’edificio è stato ora dichiarato pericolante; Dovrebbe diventare più resistente ai terremoti. Gli operai edili devono rinforzare le pareti esterne e il tetto e tendere i cavi d’acciaio tra le pareti portanti. “L’incertezza ci sta divorando. Benvenuto ha sviluppato problemi cardiaci a causa di tutto lo stress”, dice Nucci. Suo marito annuisce.

READ  La banca centrale italiana è ottimista sulla crescita economica

Il superbonus al 110 per cento stravolge la vita di un folto gruppo di italiani. La scomparsa del sussidio può avere conseguenze drammatiche per loro: la loro ricostruzione non verrà avviata, non sarà completata o non sarà (interamente) rimborsata. Giornale quotidiano LaStampa Il numero attuale delle vittime è stimato in 320.000. Secondo l’Ance, oggi sono a rischio ristrutturazioni per un valore di trenta miliardi di euro.

Con una somma così ingente nel progetto, la Meloni vuole liberarsene. Il ministro delle Finanze Giancarlo Giorgetti dice che il sussidio gli fa ‘mal di pancia’, mentre a Cincia Nucci gli occhi si velano quando qualcuno comincia a parlare di superbonus. Perché già quest’anno sono stati liberati dalle casse 23 miliardi di euro.

L’idea del governo precedente dietro il generoso sussidio per la ristrutturazione era quella di rendere più solido e, soprattutto, più efficiente dal punto di vista energetico il vecchio patrimonio immobiliare italiano. Un ulteriore obiettivo era stimolare il settore edile, bloccato dalla pandemia del coronavirus. I super bonus includono l’isolamento del tetto al 110%, nuove caldaie per il riscaldamento, doppi vetri, tubi di calore e pannelli solari. L’allora governo stimò che il sussidio sarebbe costato a Roma 35 miliardi. Ma tale stima è stata aumentata a 93 miliardi il mese scorso.

E nessuno sa quali benefici porterà il progetto all’Italia. Il Ministro Giorgetti ha detto questo mese al Parlamento: “Il profitto non è chiaro, i costi per lo Stato no. Tutti gli italiani hanno contribuito a un progetto per meno del 3 per cento del nostro patrimonio immobiliare. Sono state ristrutturate seconde case, terze case, case di costruzione mare e montagna, case per ricchi e poveri. Il premier Meloni Superbonus La definisce ‘la più grande truffa dello Stato’ – e la frode potrebbe ammontare a miliardi.

READ  Andriy Shevchenko torna in Italia per il suo primo lavoro come allenatore di club

Ora che il ministro Giorgetti si sta scervellando su come e quando finirà il superbonus – mastica 31 dicembre 2023 – Cinzia Nucci e Benvenuto Sforza possono incrociare le dita affinché i loro rinnovi partano prima di quella data. Questo perché se devono pagare di tasca propria, avranno bisogno di un prestito, anche se hanno estinto completamente il mutuo.

La moglie del piccolo fornaio si accende una sigaretta. “Di notte giaccio sul mio letto: quando tornerò alla mia buona casa familiare?” Il marito vuole essere positivo: “Il governo ci concederà un’eccezione. Otterremo i soldi. Non possono lasciare una casa dichiarata non sicura, vero?”

Per saperne di più:

Terremoto colpisce il nord Italia, nessun danno

La Toscana e alcune zone limitrofe del nord Italia sono state colpite dal sisma. Lo shock è stato avvertito chiaramente a Firenze.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24