L’Arabia Saudita punta a un turista fiorente che dovrebbe rendere il paese meno dipendente dal petrolio

I fine settimana vanno via per i sauditi in questo modo: incontra la famiglia o gli amici da qualche parte nella formidabile Arabia Saudita, disfa i tuoi vestiti e disfa la tua borsa da picnic ben fornita. Bere tè all’infinito, guardare il paesaggio e chiacchierare fino a quando la luna sorge e tramonta di nuovo.

cremaQuesto è quello che chiamiamo un picnic saudita”, racconta Ali, sulla quarantina, che si è stabilito con tre amici in una pianura tortuosa ai piedi delle montagne di Sarawat. Là il sole sta tramontando nel Mar Rosso e il vento freddo è già Alzandosi. Ali afferra un tubo dell’acqua. “Siamo qui fino a tarda notte. Installa la tua tenda qui! Un’altra tazza di tè? “

La crema può essere popolare, ma non è redditizia per l’economia saudita e il tesoro saudita. Questo deve cambiare. Per decenni, i proventi del petrolio sono stati utilizzati per comprare la lealtà della popolazione. A causa della crescita della popolazione – da 6 milioni nel 1972 a 34 milioni nel 2022 – ora ci sono molti sauditi per questo. I dollari del petrolio stanno ancora fluendo, ma il petrolio inevitabilmente si esaurirà ad un certo punto. E ora quei dollari vengono utilizzati per rimodellare l’economia.

piano pluriennale Visione 2030 Punta a far crescere quella parte del PIL che non viene dal petrolio. Dovrebbe passare dal 15% di oggi al 50% nel 2030. Con nuove megalopoli sostenibili, la più grande economia dell’idrogeno del mondo e altri mega progetti, il governo vuole essenzialmente creare posti di lavoro ad alta tecnologia per fornire lavoro a centinaia di migliaia di giovani sauditi che entrano nel mercato del lavoro ogni anno. Anche il turismo deve crescere: dal 5,3 per cento di oggi al 10 per cento del PIL. In concreto, questo significa: cento milioni di visite, più di un milione e mezzo di nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di dollari di entrate nel 2030.

Con l’aiuto dell’epidemia, sembra che il primo ostacolo sia stato rimosso. L’acquisto di sauditi che sono sfuggiti alle soffocanti regole religiose negli ultimi 40 anni trascorrendo le vacanze a Dubai, Bahrain, Il Cairo o in Occidente ora stanno a casa.

stelle del mondo

Da quando il principe ereditario Mohammed bin Salman è entrato in carica nel 2017 e ha ridotto l’influenza dei conservatori, il suo paese ha goduto di un clima sociale più liberale. L’Occidente è noto per l’omicidio “Mohammed bin Salman” del giornalista Jamal Khashoggi, ma a livello nazionale il principe ereditario è molto popolare. La polizia religiosa è stata chiusa, le donne non sono più state confinate in casa e il governo ha creato un ricco spettacolo culturale offrendo cinema, festival e spettacoli di star regionali e internazionali. “Ora è tutto qui”, dice Razan Nasser, 27 anni, una giovane donna saudita altamente istruita, in un caffè nella città costiera di Jeddah. “Non dobbiamo più andare da nessuna parte”.

READ  Il politico italiano Salvini: 'Referendum sui motori a combustione'

Il turismo interno ha portato a 52 milioni di visite e 836.000 posti di lavoro aggiuntivi nel settore nel 2021, secondo il promotore del turismo l’Autorità del turismo saudita. Ma non è chiaro per quanto tempo le feste locali stupiranno i sauditi. E per i 100 milioni di visite dovrebbe attrarre anche turisti stranieri. I sauditi cercano una sistemazione di lusso fascia altaTurismo: ricche visite turistiche.

Con l’eccezione dei pellegrini alla Mecca, per decenni l’Arabia Saudita è stata quasi inaccessibile ai visitatori stranieri. Recentemente sono stati accolti nel paese. Il mistero del grande paese – le dimensioni del Regno Unito, della Spagna, della Germania, della Francia e dell’Italia messe insieme – attirò immediatamente gli avventurieri. Presto seguirono influencer a pagamento e ora le semplici regole per i visti e una buona sistemazione aiutano ad attirare turisti più esigenti. Non sono stati scoraggiati dal divieto di alcol o dall’immagine problematica dell’Arabia Saudita, che ha una politica discutibile nei confronti delle minoranze. Ad esempio, gli sciiti e gli omosessuali politicamente attivi sono perseguitati lì.

Leggi anche questa colonna di Caroline Rollants: Il Regno dell’Arabia Saudita iniziò ora nel 1727, senza l’Islam puritano

scalatori di roccia

L’offerta turistica è varia. Prendi Tanomah, una città alta nelle montagne meridionali del Sarawat. Il visitatore si immagina nelle Alpi. Questa mattina di primavera la temperatura è di circa sette gradi Celsius con rovesci di pioggia. Alti massi grigi si ergono intorno all’affollato campo da campeggio. I migliori alpinisti della penisola arabica strisciano fuori dalle tende. Macinano i chicchi per il caffè fresco e cuociono lo shakshuka, un piatto arabo con pomodori e uova come ingredienti principali. Uno di loro si affaccia sulla Mecca, che qui si trova a nord. “Sono le nove, ragazzi”, ha detto Hassan al-Harthy, 31 anni. “Dobbiamo andare.”

Il pompiere Al-Harthy è il campione dell’Arabia Saudita tra le rocce. Lui e altri 12 alpinisti incontrano Steve Long, un istruttore britannico che mostra loro come insegnare ai futuri turisti ad arrampicare.

Ci sono molte pareti rocciose in Arabia Saudita e nella metà più fresca dell’anno puoi arrampicare lì, dice Arwa Al-Santali (29), campionessa saudita di arrampicata femminile e anche lei su un percorso con Steve Long. Nella vita quotidiana, lavora come consulente per la Saudi Tourism Authority. “Non vogliamo il turismo come negli Emirati Arabi Uniti, dove hanno dimenticato la cultura locale”, spiega. “Il progresso non riguarda solo la costruzione della torre più alta del mondo. Questo Paese è molto di più. Ma ci sono ancora molte persone che pensano che l’Arabia Saudita non sia altro che una distesa di sabbia che emette bolle d’olio”.

READ  "Peccato che l'Ajax non l'abbia mai comprato"

Lo storico Muhammad al-Yami (52) dice che questo fa parte del suo errore. Guida persone da tutto il mondo verso i luoghi più belli dell’Arabia Saudita, compresa la ricchezza delle civiltà preislamiche. All’inizio è stato difficile, perché gli ideologi conservatori dominanti hanno bandito quasi tutto per decenni. “Abbiamo vissuto nell’oscurità per quarant’anni. I radicali hanno bandito l’archeologia, ogni ricerca sulle civiltà antiche – altrimenti rischi di diventare ateo. Penso: solo se la tua cultura non è abbastanza forte, rischi”.

Yami ora può viaggiare con i suoi turisti senza ostacoli. Famosi archeologi hanno scavato ampiamente il ricco passato negli ultimi anni. L’Arabia Saudita ha ora 10.000 siti con scavi archeologici e sta spingendo l’UNESCO delle Nazioni Unite a riconoscere più siti del patrimonio mondiale, che sono tutti perle per i marketer del turismo. Al Yami: “Impariamo a capire e dipingere la storia. Questo attrae turisti e genera denaro”.

Lezioni di arrampicata.
Foto di Nico te Laak

Turismo Secolare

Il turismo è ora principalmente guidato dalla Mecca: l’annuale Pellegrinaggiopellegrinaggio al luogo di pellegrinaggio, Miliardi di dollari di profitti sono stati realizzati nel corso di decenni. I marketer ora promuovono anche il turismo secolare. Ad esempio, la Formula 1 è stata portata nella città costiera di Jeddah, il raduno “Dakar” sarà organizzato in tutto il paese, c’è un giro in bicicletta nel nord montuoso, si tengono feste analcoliche nel deserto, arrivano artisti internazionali alle grandi feste. Pieno di petrodollari, il fondo di investimento del governo saudita PIF sta trasformando le isole del Mar Rosso in collaborazione con gli investitori in centri sanitari di lusso. Alla fine di quest’anno, il primo turista dovrebbe stabilirsi lì.

Un resort per sport invernali sostenibile e a emissioni zero sarà costruito in alta montagna intorno alla futuristica città settentrionale di NEOM, per accogliere 700.000 turisti nel 2030. La temperatura scende regolarmente sotto lo zero durante le notti invernali. Altrove nel nord, la città incontaminata di AlUla si è sviluppata dal 2018 in una calamita per i turisti culturali, che devono trovare la natura incontaminata e l’autentica Arabia Saudita.

READ  Da non perdere: le migliori notizie da Drenthe e Groningen | Panoramica giornaliera mercoledì 24 novembre

Leggi anche: I giovani sauditi stanno rapidamente assumendo i posti di lavoro degli stranieri

La bellezza naturale dell’Arabia Saudita è davvero un’attrazione. Lungo le pendici del Wadi Lajab – un passo verde nell’estremo sud – si sentono i richiami delle mucche tropicali e le urla dei babbuini. Gli indiani Sohail e Sunita Hadani escono dalla loro Jeep Wrangler blu metallizzato. Entrambi operano a Dubai, a circa 2.000 chilometri a sud-est. Il loro percorso mostra ancora la capitale Riyadh (distante 1.000 km) e Al Ula (altri 1.000 km), ma sono già eccitati. „Dubai per gli acquirenti, l’Arabia Saudita ha una natura, piena di sfide, davvero qualcosa per noi e Stiamo solo grattando la superficie† E molto pulito! pulire

capanne di sabbia

La ceca Katharina Warbasova, 39 anni, era già ad AlUla, una città che i marketer sauditi amano sfoggiare, ma è rimasta delusa. “Puoi affittare capanne di sabbia con fuochi da campo e narghilè, il che è molto affascinante. Ma tutto è fatto in questo modo e molto costoso”, ha detto davanti a una tazza di tè con tre giovani sauditi ospitali. Seduta su un tappeto vicino al ruscello di montagna, dove si stabilirono nella kashta, disse. “Qui è reale e autentico. Il miglior campo è qui! ”

“Non farlo”, consiglia Yasir, 26 anni, che versa di nuovo il ceco. “Hai tutte queste scimmie qui comunque, rubano tutto. Di notte compaiono anche gin – fantasmi -. Non dormirai.”

Piantare la tenda da qualche parte in Arabia Saudita è sia attraente che legale per i turisti. Lo storico Al-Yami dice che è meglio per l’economia saudita se le persone prenotano un hotel. “Devi offrire alle persone gite in mongolfiera, yoga e arrampicata. Devi volare a Mariah Carey e poi avranno una notte in più. ”

Lo scetticismo sui massicci investimenti sauditi e le critiche all’ultralusso – comuni tra gli osservatori dell’Arabia Saudita e nella stampa occidentale – stanno allontanando Yami. “Ho letto come è stato scritto a riguardo, ma tutto è andato esaurito e ha fatto buoni soldi”.

Sospira anche il cancelliere Arwa al-Santali. “Come se tutto ciò che riguarda Vision 2030 fosse solo una sciocchezza. Non pensano che lo faremo tutti. È quello che possiamo. Che vogliamo. Ma siamo una nazione di giovani. Non è solo il principe, è dietro c’è un intero paese”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24