Le aziende europee dicono “no” all’aumento dei salari delle donne e di un reddito minimo | Azione

La comunità imprenditoriale europea dice “no” a più salari per le donne e un reddito minimo. Le aziende attualmente non possono permettersi i costi aggiuntivi per questo.




Con questo messaggio, il presidente del datore di lavoro europeo Pierre Gataz ha interrotto stasera un evento sociale di alto profilo a Porto. I leader dei datori di lavoro e dei dipendenti europei si sono incontrati lì con il presidente della Commissione europea, il Consiglio europeo e quasi tutti i leader dei governi dell’Unione europea. Con la frase inequivocabile “no”, Gataz colloca una bomba come parte del patto sociale che l’Europa ha lanciato con il botto a Göteborg quattro anni fa.

Il vertice di oggi e di domani a Porto, fiore all’occhiello della presidenza portoghese dell’Unione europea, è stato il primo incontro a questo livello per sviluppare “Göteborg”. La Commissione europea ha già avanzato proposte per un salario minimo più alto e (più) parità di retribuzione per le donne.

Gataz ha subito subito forti venti contrari politici, in particolare dal presidente del parlamento David Sassoli. Non dobbiamo trasferire il peso di questa crisi ai più deboli. “Dobbiamo trasformare il patto sociale in realtà, punto per punto”, ha detto l’italiano. Ma anche il presidente della Commissione von der Leyen ha risposto immediatamente. In risposta al grido di Gataz di non opporsi alle parti sociali: “Sì, credo fortemente nel dialogo sociale. Ma se non ci sono sindacati o organizzazioni di datori di lavoro in un paese, non possiamo dire:” Quindi non c’è salario minimo lì. “Le nostre proposte Dedicate a queste situazioni”.

Elimina la povertà infantile

READ  Variante India in Belgio: `` Quarantena obbligatoria se vuoi fermare i mutanti ''

Tubman Luca Vicentini dell’ombrello sindacale ETUK ha anche chiesto l’eliminazione della povertà e, ovviamente, la povertà infantile rapidamente. “L’aumento della concorrenza e la lotta alla povertà devono andare di pari passo”, ha detto Vicentini, che non ha saputo rispondere direttamente alle osservazioni di Gataz sui salari: “Il sindacalista di Porto ha parlato poco prima del capo del datore di lavoro.

I partecipanti al vertice sociale di Porto hanno concordato un nuovo contratto sociale più tardi in serata. Obiettivi chiave, tutti da raggiungere entro il 2030: occupazione per almeno il 78% di tutte le persone di età compresa tra 20 e 64 anni e formazione annuale per almeno il 60% di tutti gli adulti e almeno 15 milioni di persone, di cui almeno 5 milioni i bambini, sono più bassi nella povertà.

Alla domanda dei giornalisti se sia meglio rendere vincolanti questi obiettivi, piuttosto che precederli tutti con la parola “dovrebbe”, il premier portoghese Antonio Costa, organizzatore del vertice, ha risposto non senza essere turbato che questi obiettivi erano davvero “. molto ambizioso. “Concrete. Potremmo anche dire: più posti di lavoro, più formazione, meno povertà. Ma l’abbiamo riempito con numeri specifici “.

Guarda i video di notizie popolari qui:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24