Le leggende del tennis italiano e i media sono stati costretti a fare rapidamente marcia indietro dopo le brutali critiche di Jannik Sinner


Riportando l'orologio indietro a metà settembre, Jannik Sinner è stato al centro di una tempesta mediatica nella sua nativa Italia per tutte le ragioni sbagliate.

La sua decisione di ritirarsi dalla squadra italiana di Coppa Davis per la fase finale a gironi di settembre era comprensibile dato il numero di partite giocate prima di quella settimana di impegno con la nazionale, e la decisione è stata presa interamente in Italia.

Sinner ha vinto il Toronto Masters ad agosto e sembrava un po' stanco nelle fasi finali dello scontro degli ottavi di finale degli US Open con Alexander Zverev, con il tedesco che ne ha approfittato per emergere vittorioso in un'epica battaglia di cinque set.

Questo è stato un anno eccezionale per Sinner nell'ATP Tour e, anche se parliamo del suo potenziale da quando ha raggiunto la finale del Miami Open nel 2021, la sua presenza quest'anno ha indicato che è pronto per iniziare a vincere grandi titoli.

L'Italia è un paese ossessionato dal tennis che si emoziona molto quando emerge un nuovo campione, quindi i media italiani non si sono trattenuti quando Sinner ha annunciato il suo ritiro dalla Coppa Davis nel tentativo di recuperare in vista della tappa asiatica dell'ATP Tour.

La leggenda del tennis italiano Adriano Panatta, che faceva parte della squadra italiana vincitrice della Coppa Davis nel 1976, ha guidato il coro di critiche rivolte a Sinner quando ha messo in dubbio il suo senso del dovere patriottico.

“Oggi i tennisti sono diventati aziende commerciali, e quindi pensano solo al profitto, soprattutto a chi li circonda, dimenticando la storia e i sentimenti”, ha detto l'italiano in un'intervista citata dal sito We Love Tennis.

READ  Vai in vacanza in Italia? Devi prestare attenzione a questo

E aggiunge: “Ha già rinunciato alle Olimpiadi, e oggi dice no alla Coppa Davis. Yannick è stanco? (Il pilota italiano di Moto GP Francesco) Bagnaia, tre giorni dopo l'incidente, era già in moto.

Nicola Pietrangeli, detentore del record della manifestazione con 164 presenze per l'Italia, è stato citato mentre spiega il motivo per cui i giocatori dovrebbero sempre accettare l'invito a giocare per l'Italia, dicendo: “Rappresentare il proprio Paese è l'ambizione più alta di un atleta, è un obiettivo.” onore.

“Chi rifiuta e poi va a giocare un torneo altrove dovrebbe essere squalificato. Se non sei orgoglioso di giocare per il tuo Paese, procurati un certificato medico falso, è una questione di coscienza. Non bisogna inventare scuse o scuse”.

Anche i media italiani sono stati espliciti nelle loro critiche a Sinner, con la Gazzetta dello Sport che ha emesso un verdetto brutale sulla sua decisione di dimettersi dal gioco per l'Italia.

“Si tratta di una decisione del tutto personale, sicuramente non condivisa dalla maggior parte dei suoi tifosi, e presa con la mente tranquilla in seguito alla difficile (che va digerita) sconfitta agli ottavi di finale agli US Open contro Zverev. ha scritto.

E aggiunge: “Siamo chiari, ogni giocatore ha il diritto di programmarsi come meglio crede, ma la maglia della Nazionale resta un simbolo degno di onore e rispetto. Invece Sinner, in Coppa Davis, la rifiutò quattro volte.

“La maglia azzurra non è mai un ostacolo, è un motore di emozioni e sentimenti, soprattutto se sei il miglior giocatore del tuo Paese. Pensaci la prossima volta”.

Era roba dannatamente forte.

READ  Ann rompe con Kluun: "Non volevo tradire il mio ragazzo"

C'era chi, infatti, si chiedeva come sarebbe stato accolto Sinner quando avesse sfruttato al meglio la sosta agli US Open, regalando prestazioni impressionanti all'Aisa e qualificandosi per le ATP Finals di Torino.

Come reagiranno i tifosi italiani al giocatore che ha rifiutato l'opportunità di giocare nella nazionale del suo Paese e ha ricevuto molta attenzione mediatica negativa?

La risposta è stata che avrebbero creato una delle più grandi atmosfere che il torneo di tennis italiano abbia mai visto, acclamando il loro uomo in una settimana che lo ha visto battere Novak Djokovic nella fase a gironi e raggiungere la finale, dove ha perso contro Djokovic. .

Nonostante l'estenuante esperienza di Torino, Sinner si è reso disponibile per la squadra italiana per le finali di Coppa Davis a Malaga, e la sua vittoria su Djokovic in semifinale è stata uno dei momenti salienti di quest'anno tennistico, poiché ha salvato tre match point prima di sconfiggere l'avversario. numero 1 del mondo. 1.

Sinner vinse il punto decisivo per l'Italia nella finale contro l'Australia e ora rimarrà per sempre impresso nel folklore del tennis italiano come il campione che vinse la Coppa Davis per l'Italia per la prima volta in 47 anni.

“Penso che la pressione sia un privilegio”, ha detto Sinner spiegando come è riuscito a tenere sotto controllo le sue emozioni nel calore di una battaglia di Coppa Davis.

“Non ci sono molti giocatori che hanno questa distinzione. La pressione della Coppa Davis è diversa perché sai di avere molte responsabilità da dimostrare perché non hai molte opportunità.

Sinner è ora l’eterno eroe del tennis della comunità tennistica italiana, e coloro che hanno scritto articoli mettendo in dubbio la sua lealtà verso il suo Paese solo due mesi fa stanno ritrattando rapidamente.

READ  Nel frattempo in Francia | Verstappen e Piquet si divertono in elicottero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24