Le organizzazioni umanitarie sono arrabbiate perché l’Italia le costringe a continuare a navigare con i migranti

La nave “Ocean Viking” è arrivata martedì al porto di Ancona, nel centro Italia.Foto dell’ANP/EPA

Due organizzazioni umanitarie che gestiscono navi che raccolgono migranti nel Mediterraneo hanno espresso la loro rabbia nei confronti del governo di estrema destra della Georgia Meloni. Perché le loro navi erano state inviate ad Ancona, nel centro Italia, per sbarcare i 110 migranti che avevano imbarcato lì. Martedì è arrivata lì la Ocean Viking e mercoledì è previsto l’arrivo di una nave di Medici Senza Frontiere.

Le organizzazioni umanitarie non riescono a ignorare il fatto che il Ministero dell’Interno italiano abbia designato Ancona come “porto sicuro” piuttosto che come città portuale del sud Italia. Perché dalla “zona di ricerca e salvataggio” a sud della Sicilia ci vogliono circa quattro giorni per raggiungere Ancona, mentre un porto meridionale può essere raggiunto in un giorno.

L’invio di navi di salvataggio delle ONG nei porti più settentrionali fa parte di una nuova politica anti-immigrazione da parte del governo italiano. Il 31 dicembre la nave SOS Méditerranée Ocean Viking è stata inviata a Ravenna. A Natale altre due navi di soccorso sono state invitate a sbarcare 250 migranti raccolti a Livorno. Mai prima d’ora le navi delle ONG, che dal 2014 effettuano operazioni di salvataggio tra la Libia e la Sicilia, avevano dovuto navigare così a nord.

Il ministro dell’Interno Matteo Piantidosi dice che si tratta di diffondere meglio la prima accoglienza. “La Sicilia e la Calabria sono sovraffollate. Quelle regioni del sud non dovrebbero diventare il campo profughi dell’Europa”, ha detto lunedì.

Spedire su una catena

Ma le organizzazioni umanitarie affermano che l’obiettivo è rendere il loro lavoro di salvataggio il più difficile possibile. Perché le nuove norme varate dal governo in un decreto di inizio mese prevedono anche che le navi delle Ong debbano chiedere a Roma, subito dopo un salvataggio, in quale porto possono sbarcare i migranti. Non è loro consentito rimanere in mare ancora un po’ per allontanare dall’acqua i migranti più bisognosi, come spesso hanno fatto finora. Se non rispettano le regole, il capitano può essere multato di 50.000 euro e la nave può essere incatenata.

Le nuove regole fanno sì che le navi possano imbarcare meno migranti, trascorrere più tempo al di fuori della “zona di ricerca e salvataggio” e sostenere maggiori costi: un giorno di navigazione pesante costa circa 15.000 euro di carburante.

Il primo ministro Meloni, che ha vinto le elezioni a settembre in parte con la promessa di frenare l’immigrazione clandestina, vede le navi di salvataggio come “taxi” e la migrazione via mare come una fonte di reddito per i trafficanti di esseri umani. “Il diritto internazionale non prevede tale servizio di traghetti nel Mediterraneo”, ha detto la settimana scorsa.

chiudi gli occhi

La ONG, che dispone di sedici navi, lo nega Fattore di resistenza Egli è. Lo ha detto al giornale un portavoce di Medici Senza Frontiere Niente Stampa Che solo buone condizioni meteorologiche e instabilità politica nei paesi di origine. “Nel 2022, nel Mediterraneo centrale sono morti 1.372 migranti”, scrive. Lì sono morti più di 25mila migranti dal 2014. È un’emergenza che Europa e Italia vogliono risolvere non creando un sistema di ricerca e soccorso, ma chiudendo gli occhi ai suoi unici testimoni.

Venti organizzazioni umanitarie hanno ora chiesto al Parlamento europeo, alla Commissione europea e agli Stati membri dell’UE di fornire una “risposta forte”.

Roma non è ancora preoccupata per tutte le proteste. Il Ministro Piantidosi afferma di voler concludere presto degli accordi su questo dossier con la Turchia, la Tunisia e la Libia. L’anno scorso, secondo il suo ministero, sono arrivati ​​in Italia via mare 105.140 migranti. La maggior parte di loro proveniva da Tunisia, Egitto, Bangladesh, Pakistan e Siria.

READ  I tassi di interesse dei bond italiani aumentano dopo il budget; Il rendimento del decennale tedesco tocca il massimo degli ultimi 12 anni - 28 settembre 2023 alle 11:26

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24