Le persone con un basso livello di istruzione non si fidano dei consigli nutrizionali

Perché gli interventi nutrizionali sono meno efficaci tra le persone con un basso livello di istruzione? Il sociologo Tim Van Moors ha indagato questo aspetto nella sua tesi. La resistenza radicata alle istituzioni sembra essere una ragione convincente. Con lezioni importanti per i Comuni, che sempre più includono il cibo sano nelle loro politiche.

Se è correlato Date Il che dovrebbe portare a mangiare cibi sani durante le competizioni sportive, Educazione nutrizionale Nelle scuole, o in una legge sugli snack che dovrebbe dare ai comuni il potere di vietare i fornitori di alimenti non salutari: i comuni svolgono un ruolo sempre più importante nelle scelte alimentari sane dei loro residenti. Ciò ha senso dal punto di vista della prevenzione sanitaria. Le malattie non trasmissibili causate dall’obesità stanno diventando sempre più comuni. L’obesità è in parte dovuta a diete non salutari. Pertanto le istituzioni formali, come i governi scientifici e (locali), si concentrano maggiormente sui cosiddetti “interventi nutrizionali”. l’obiettivo? Promozione di diete sane.

Divario sanitario

C’è però un problema: molti di questi interventi sono meno efficaci tra i cittadini meno istruiti. Ciò amplia ulteriormente il già ampio divario nella salute nutrizionale. In particolare, gli interventi che forniscono informazioni sui comportamenti alimentari (non) sani sono meno efficaci tra le persone con un basso livello di istruzione che tra le persone con un’istruzione superiore, conclude il sociologo Tim van Meurs. Giovedì scorso ha difeso la sua tesi Nessun appetito per l’intervento: il ruolo dell’anti-istituzionalismo nelle differenze educative nella ricettività agli interventi nutrizionali.

Nella sua ricerca, ha esaminato il ruolo che l’anti-istituzionalismo – un’avversione per le istituzioni formali – gioca nella ricettività dei cittadini agli interventi alimentari. Van Meurs ha analizzato la politica generale del governo: dai consigli dietetici non vincolanti alle misure più rigorose come la tassa sullo zucchero.

READ  Chi russa - Wel.nl

Gli studi di intervento spesso sembrano non spiegare l’(in)efficacia dei loro interventi. Quando ciò accade, le spiegazioni vengono ricercate principalmente nelle capacità cognitive o nelle risorse economiche. Pertanto, le interpretazioni condivise sono principalmente interpretazioni individuali.

K Come è successo?

TVM

“Questa è spesso la spiegazione più semplice.” Poni il problema sull’individuo, indipendentemente dall’ambiente sociale e culturale delle persone che stai testando. Anche quest’ultimo è difficile da misurare. Non fraintendetemi: ovviamente i fattori individuali come il reddito giocano un ruolo. Ma dal mio punto di vista la visione sociale del problema sanitario è ancora spesso assente. Mentre l’ambiente sociale e culturale delle persone è estremamente importante.

K Puoi fare un esempio?

TVM

«Negli Stati Uniti, un ricercatore ha vissuto per un periodo di tempo con alcune famiglie povere. E ha guardato al loro “ambiente sano”: su cosa basano le loro scelte alimentari? Qual è la loro cultura della cena? Si tratta di un pasto abbondante insieme o di un pasto veloce sul divano davanti alla TV? Alla fine del viaggio hanno ricevuto una certa somma di denaro per partecipare allo studio.

Quello che è successo? Con questi soldi extra continuarono ad andare da McDonald’s. Mangiare sano non era necessariamente la prima priorità. Ad esempio, perché i genitori sanno che i loro figli vogliono mangiare fast food. In modo che si adatti meglio al modo in cui vivono la loro vita. Inoltre, molti cittadini non sanno cosa fare con alcune verdure. Anche se ti viene detto che un pasto grasso non è salutare, se non sai cosa fare con l’alternativa sana, lo sceglierai comunque. Spesso si dà per scontato che le persone non comprendano le informazioni. La maggior parte delle persone lo capisce, ma non sa cosa fare con queste informazioni. È così lontano da loro che non hanno idea di cosa possono fare con queste verdure.

READ  Puoi contrarre queste malattie da una puntura di zecca

Contrariamente alle spiegazioni tradizionali, l’anti-istituzionalismo risiede in gran parte nelle differenze educative nell’uso delle informazioni. Ciò è particolarmente vero per la differenza tra cittadini con e senza titolo di studio universitario.

K Come è successo?

TVM

“Che si tratti di una tassa sullo zucchero, di riduzione di alcuni ingredienti dannosi negli alimenti, o di strumenti con cui i comuni vogliono rendere più sano l’ambiente alimentare: questi sono tutti interventi creati da persone altamente istruite. I responsabili sono persone con un’istruzione professionale e un livello accademico elevati. per queste istituzioni. Non sanno come tradurre questo alle persone meno istruite. L’ultimo gruppo sente che viene loro imposto qualcosa dall’alto, che viene loro imposta una certa cultura alimentare. C’è l’idea che le persone altamente istruite sanno meglio di loro.

Prendi le comunicazioni. Le persone a volte parlano di “fare scelte intelligenti”. C’è qualcosa di pedante in questo, come se non lo fai non sei abbastanza intelligente.

K Hai detto che una volta usato pidgin nella comunicazione, la comunicazione con le organizzazioni diventa più forte. Ciò rende anche le persone più negative nei confronti del messaggio di un’alimentazione sana?

TVM

“Questa era l’aspettativa, ma non è che le persone diventino più negative riguardo al messaggio quando vedono il nome dell’istituzione o quando viene usato un linguaggio semplice. È vero che le persone senza istruzione universitaria erano sempre più negative. Ad esempio, si sentivano più liberi di scegliere. Questo era più comune tra le persone con un’istruzione inferiore che tra le persone con un’istruzione superiore. Anche se non era scritto letteralmente, si sentivano comunque come se mi fosse stato imposto.

READ  È interstellare? Gli scienziati trovano un vero pianeta d'acqua

K Come possono i Comuni affrontare al meglio questa situazione?

TVM

“Le iniziative locali su piccola scala che non sono legate all’invio di informazioni possono aiutare in questo. Prendi in considerazione l’idea di organizzare una serata in un centro comunitario incentrata sulla cucina di pasti sani. Questi primi passi sono molto più vicini ai residenti stessi e i partecipanti imparano a cucinare meglio attraverso la pratica. Dire che non tutti arrivano a questo. Non è affatto obbligatorio, e anche se lì le persone provano una nuova ricetta sana, la domanda è se la rifaranno a casa. I Comuni possono incoraggiare questo, ma non lo fanno aspettarsi miracoli.

K Qual è l’approccio corretto?

TVM

“Il governo nazionale, in particolare, dovrebbe concentrarsi su interventi strutturali. Considerare una tassa sullo zucchero e sui grassi, una riduzione dell’aliquota IVA su frutta e verdura e l’imposizione di requisiti più severi all’industria alimentare. Questo genere di cose. Se si guarda alla salute da un punto di vista scala In generale, i comuni possono anche contribuire a un ambiente di vita più sano, ad esempio vietando il fumo in determinati luoghi, ma tali interventi sono più efficaci perché sono più difficili da aggirare e vengono letteralmente applicati.

Tuttavia, questo ha anche uno svantaggio. C’è il pericolo che le persone diventino più negative nei confronti delle istituzioni. Pertanto, i governi non dovrebbero adottare queste misure alla cieca, ma piuttosto comunicare chiaramente ai cittadini il motivo per cui hanno preso queste decisioni e perché sono efficaci. Ciò richiede la partecipazione di un gruppo che attualmente è emarginato. Anche questo non è un compito facile.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24