Condividere i brevetti per le pillole corona è una buona notizia per i paesi in via di sviluppo

Merck Pharmaceuticals, che opera in Europa con il nome MSD, condividerà i brevetti per le nuove pillole di coronavirus. Ciò consentirà ad altre aziende farmaceutiche di produrre a basso costo il farmaco antivirale molnopiravir per 105 paesi a basso reddito.

Secondo MSD, le pillole anticoncezionali impediscono alle persone di ammalarsi gravemente o di morire dopo aver contratto il coronavirus. Molnupiravir deve ancora essere approvato dall’ente regolatore statunitense dei farmaci, la FDA, e dalla sua controparte europea, l’EMA. Se lo fa, può essere commercializzato negli Stati Uniti e in Europa. Questo lo renderà il primo farmaco che le persone possono assumere contro il Covid-19.

Gli esperti dicono che la decisione di MSD di condividere il brevetto è una buona notizia per i paesi in via di sviluppo. Senza l’accordo, sarebbe probabilmente difficile accedere alla pillola per quei paesi. Questi sono paesi che spesso hanno anche problemi a ottenere i vaccini contro il coronavirus.

L’accordo sui brevetti opera attraverso un’organizzazione privata, il Medicines Patents Group, che è supportata dalle Nazioni Unite. Questa organizzazione mira a rendere i farmaci essenziali più accessibili ai paesi in via di sviluppo negoziando le licenze. Ad esempio, il Medicines Patent Group ha precedentemente negoziato brevetti per farmaci per l’HIV.

I Paesi Bassi non sono nell’elenco dei brevetti sui farmaci, ma diversi paesi africani lo sono. La vaccinazione è particolarmente poco sviluppata nel continente africano. I paesi ricchi hanno risorse sufficienti per acquistare medicinali per i disturbi muscoloscheletrici.

Fai una grande differenza

“Questo farà un’enorme differenza per i paesi in via di sviluppo”, afferma Eileen T. Hoen, esperta di diritto dei brevetti. Si prevede che molnopiravir rimarrà accessibile se diversi produttori iniziano a usarlo. “Per i paesi in cui i vaccini non sono ben disponibili, questo potrebbe diventare un prodotto importante”.

READ  L'Unione Europea e gli Stati Uniti si sono impegnati a ridurre significativamente le emissioni di metano

Il rilascio del brevetto non cambierà l’attuale carenza di vaccino, avverte l’epidemiologo e microbiologo sul campo Amrish Bedjo, che lavora con Medici senza frontiere. “Ma dai ai paesi l’opportunità di creare la propria produzione senza ostacoli”. Secondo Baiju, la produzione del farmaco aumenterà e il prezzo diminuirà.

L’epidemiologo sul campo sostiene che i paesi in via di sviluppo sono ora fortemente dipendenti dagli enti di beneficenza delle nazioni più ricche, che hanno acquistato vaccini contro il coronavirus su larga scala. Bidjo: “Questa beneficenza è in gran parte assente. Durante una crisi globale non vuoi dipendere da essa, vuoi che i paesi siano in grado di autoprodursi a livello regionale”.

Secondo Baiju, non c’è abbastanza conoscenza a livello locale per produrre autonomamente vaccini o farmaci antivirali. “Lavoro in molti campi dove ci sono istituti accademici e dove c’è molta conoscenza a disposizione. Vedono la sofferenza e la necessità di produrre localmente e vogliono iniziare”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24