Le scimmie sviluppano cellule simili al Parkinson dopo l’infezione da corona. Cosa significa questo per le persone?

Le scimmie non sono umane

Lo studio ha esaminato due tipi di scimmie, ma in particolare nella scimmia rhesus, un piccolo tipo di macaco, sono stati osservati i corpi fibrosi. Tuttavia, negli animali non sono stati osservati sintomi neurologici, afferma Gummers: “Non avevano movimenti muscolari scoordinati, come fanno i pazienti di Parkinson”.

Ciò significa che non è ancora possibile determinare se il COVID-19 possa effettivamente causare il morbo di Parkinson o la demenza da corpi di Lewy. Innanzitutto, le scimmie non sono esseri umani, afferma Gummers, e altri studi non mostrano alcuna connessione. “A questo punto, non devi preoccuparti di contrarre il morbo di Parkinson”, dice. “Questo studio richiede ulteriori ricerche. È un inizio”.

cervello annebbiato

Piccole quantità del virus si trovano a volte nel cervello di pazienti Covid umani deceduti. Anche nelle parti del cervello che regolano l’olfatto, che può essere una delle cause di disturbi olfattivi esistenti. I pazienti COVID spesso si lamentano anche della cosiddetta “nebbia del cervello”, secondo Studi multipliDifficoltà di concentrazione per lunghi periodi dopo il COVID.

Gummers dice che ci sono ancora molte domande sugli effetti esatti. Tuttavia, questo tipo di ricerca potrebbe essere utile in futuro, se si scopre che la malattia di Parkinson si verifica relativamente spesso, ad esempio, afferma: “Se i neurologi vedono che si sviluppa più malattia di Parkinson nei prossimi anni, possono stabilire una relazione con il covid”.

De studia più che resusapen è quaggiù leggere.

READ  Attenzione in Belgio: stracciare le basi della corona | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24