L'editorialista Rick VanWalleghem: “Vale la pena notare che sia il Belgio che l'Italia in realtà non esistono, sono costruzioni puramente artificiali”

Con l'avvicinarsi del Giro, il nostro editorialista vede molte somiglianze tra italiani e belgi – e gli Olandesi sono un po'…

Il Giro: la corsa più emozionante da seguire per un giornalista ciclistico belga. Perché, indipendentemente dalla lingua, nel Paese transalpino si sente subito a casa. Gli italiani sono cresciuti con pasta e decibel, i belgi sono cresciuti con patatine fritte (o cioccolata) e affetto orale.


Pizza e birra come leve

Ma per il resto le somiglianze tra questi due popoli europei sono sorprendenti. Entrambi i popoli sono laboriosi, amano il proprio ambiente e sono quindi allergici a qualsiasi interferenza del governo. Non sono estranei ad alcune tendenze anarchiche.

Ciò si riflette, tra le altre cose, in un comportamento di traffico eccessivo che può essere costretto con grande difficoltà in una camicia di forza della civiltà. Italia e Belgio sono sempre in testa alle statistiche europee sugli incidenti.


A livello economico, italiani e belgi preferiscono organizzarsi nella costruzione flessibile di una PMI (chiamata PMI nei Paesi Bassi). Secondo loro, il lavoro sommerso e l'evasione fiscale non sono una piaga ma un diritto divino. Una straordinaria creatività emerge nell'arte del 'Tantram'.

La vita sociale lubrificata dalla gastronomia raffinata e il modo in cui conosciamo noi stessi sono alla base del tessuto sociale. Né gli italiani né i belgi danno l'impressione che riscopriranno presto l'acqua calda, come fanno i francesi o gli olandesi. Ovviamente vogliono esprimersi, ma non con lo spettacolo e gli affari duri, bensì rispettivamente con pizza e birra.


Due paesi che in realtà non esistono

A livello internazionale (politico), non flirtano con strategie nobili o ambizioni selvagge. A differenza degli olandesi o dei tedeschi, gli italiani e i fiamminghi non hanno un piano, li disegnano in modo magistrale.

READ  I ciliegi vengono raccolti in Puglia, in Italia

Vale anche la pena notare che né il Belgio né l’Italia esistono realmente. Sono costruzioni puramente artificiali, mosaici assemblati sistematicamente di regioni semiautonome con la propria cultura e storia. Cosa c'entrano storicamente le tappe di Torino e Napoli nel prossimo Giro? Oppure Roma e Volkenstein a Grotone?

Chi entra in Alto Adige da sud due settimane dopo il Giro avrà la prospettiva di attraversare nuovamente un confine nazionale. Gli interni rustici del ristorante ipercinetico si trasformano in un accogliente spazio dalle sfumature austriache con panche di legno rivestite in tessuto che fluttuano al ritmo della musica di Strauss. Le cameriere non sono più manichini con occhiali da sole, ma pupazzi asburgici con camicie gonfie.

Naturalmente, il ciclismo è uno dei più grandi legami tra Italia e Belgio (Fiandre). In entrambi i paesi, la bicicletta si è sviluppata come il cemento definitivo da cui entrambi i paesi ricavano la propria identità sociale. Ci sono buone probabilità che Vaud van Aert, al suo primo Giro, si senta subito a casa a Lars. Sebbene. I genitori di suo padre non sono di origine olandese?

Nota: Questa rubrica della nostra rivista è stata scritta e stampata prima della grave caduta di Wood van Aert, che gli ha impedito di prendere il via al Giro.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24