Leggi il live blog sulla guerra in Ucraina da giovedì 25 maggio qui

Le forze russe sostenute dall’Ucraina, che hanno lanciato un’offensiva nella regione di confine russa di Belgorod all’inizio di questa settimana, hanno in programma di farlo più spesso. Lo ha detto all’agenzia di stampa Reuters Denis Kapustin, il capo di una delle milizie. Penso che ci rivedrai da questa parte (del confine, Signor Dott.) dice Kapustin. “Non posso rivelare queste cose in futuro. Non riesco nemmeno a rilevare la direzione. I confini sono molto lunghi. Ci sarà un altro posto per riscaldarsi.

Kapustin è il capo dell’estrema destra Corpo di volontariato russo. Dalla parte dei moderati Lunedì e martedì, il Corpo di libertà russo, che cerca di liberare la Russia, ha lanciato un’offensiva contro i villaggi di confine russi nella provincia di Belgorod. La minaccia di ulteriori attacchi costringe la Russia a difendere meglio il suo lungo confine con l’Ucraina, il che richiederà probabilmente il ritiro delle forze dal fronte ucraino.

Afp – Denis Kapustin, circondato dai suoi combattenti del Corpo dei volontari russi, durante un evento mediatico nel nord dell’Ucraina.

Martedì pomeriggio, il ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver respinto l’attacco, uccidendo 70 combattenti nemici. Kapustin nega quelle perdite. Da parte sua, dice, solo due sono stati uccisi e dieci feriti. I suoi combattenti avrebbero anche preso un veicolo blindato e cannoni antiaerei come trofei. Queste affermazioni non sono state verificate.

Dopo l’attacco, le autorità russe hanno mostrato immagini di attrezzature militari occidentali che avrebbero potuto essere utilizzate nell’attacco. Ma Kapustin lo nega. “So esattamente da dove hai preso le mie armi. Sfortunatamente non dai partner occidentali. La Russia potrebbe aver catturato i veicoli a Bashmut e poi li ha trasferiti sul sito di combattimento per minare il sostegno occidentale all’Ucraina. I paesi occidentali non vogliono che le loro armi donate vengano utilizzato per attaccare il territorio russo”, osserva.

READ  La carenza di competenze minaccia di ostacolare la rinascita del sud Italia
ANP/EPA – Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che i veicoli dell’esercito donati all’Ucraina dagli Stati Uniti sono stati utilizzati nell’attacco di Belgorod. Kapustin nega che la sua unità abbia armi occidentali.

Secondo Kapustin, gli ucraini lo hanno sostenuto con informazioni, carburante, cibo e attrezzature mediche. E l’esercito ucraino, ovviamente, ha preso i nostri feriti. Ma qualcosa di più complicherà le cose “, afferma Kapustin. “Ogni decisione che prendiamo oltre i confini è nostra. Naturalmente possiamo chiedere ai nostri compagni e amici ucraini di aiutarci a pianificare.

Martin Albert

Leggi anche: L’offensiva dei ribelli armati dovrebbe dimostrare che la Russia è vulnerabile anche sul proprio territorio

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24