L’impressionante curriculum di Madonna la mostra come un genio artistico, sempre al comando

Appassionati e curiosi sono avvisati: Madonna. Vita ribelle, la biografia più completa scritta finora sulla pop star, non è un libro allegro. È completo e di portata impressionante, con un tono di apprezzamento e rispetto: la storica culturale Marie Gabrielle si propone di ritrarre definitivamente la 65enne Madonna come un’artista rivoluzionaria, un genio artistico che fiorì nell’underground di New York e poi ha conquistato il mainstream senza compromettersi creativamente. Dietro le quinte, Madonna dominava il mondo del pop e del cinema; Davanti agli schermi trovò un vasto pubblico e batté record di vendite, ma suscitò anche disprezzo e odio, soprattutto negli Stati Uniti. La leggerezza in molte delle sue migliori canzoni è anche un trionfo sull’oscurità.

Gabrielle è una contemporanea di Madonna e ha iniziato il suo progetto come osservatrice neutrale, ma dopo cinque anni di musica, video, registrazioni di concerti e interviste, è ancora una grande fan, ha recentemente affermato in un’intervista podcast. . Tuttavia si è concentrato sul suo obiettivo: descrivere la vita dell’artista, senza troppi dettagli scandalosi. Gabriel ignora quasi completamente la controversa chirurgia plastica di Madonna, la sua routine di fitness e la sua dieta, e le sue dichiarazioni sui social media, così come tra i suoi sostenitori. Non ha parlato con Madonna in persona, ma ha parlato con alcuni (ex) colleghi, amici d’infanzia e ancora con suo fratello Christopher, che nel 2008 ha pubblicato un libro amaro sui suoi anni come assistente e consigliere di Madonna, ma che ora sembra più moderato..

Educazione rigorosa

Tuttavia, il basso livello di nuovi adattamenti non è un ostacolo: Gabriel ha già scritto libri su una serie di pittori contemporanei e sulla coppia sposata Karl e Jenny Marx, e sa come dare vita alla storia. Le città, l’atmosfera e le dinamiche di gruppo giocano tutti un ruolo Vita ribelle Un ruolo importante: Gabrielle divide i suoi capitoli per anno e luogo, come a sottolineare che la Madonna e il suo ambiente sono vasi collegati. Ogni luogo di residenza – e ce n’erano parecchi, da New York a Miami a Lisbona – ha lasciato il segno in quello che ha fatto, e ogni sviluppo politico e sociale ha influenzato ciò che ha voluto dire. Ma la spinta e il talento nel trovare una forma per questo era e rimane solo di Madonna. Produttori come Patrick Leonard, William Orbit e Stuart Price parlano con ammirazione della sua maestria musicale, ma sanno anche chi è il capo: è lei a dettare quanto tempo e quando collaborare. Se lo ritiene necessario o vuole andare avanti, interrompe bruscamente il lavoro e le relazioni personali.

READ  Debbie di B&B sta frequentando Full of Love

È anche dura con se stessa; Ciò si riferisce alla severa educazione del padre Tony Ciccone, figlio di un immigrato italiano, rimasto solo all’età di trentadue anni con sei figli piccoli dopo che sua moglie, la maggiore Madonna, morì di cancro al seno. L’autore Gabriel aggiunge colore locale a questa famosa storia tragica Storia dell’origine: In un bellissimo capitolo di apertura, descrive la vita quotidiana nella città automobilistica di Pontiac, nel Michigan, dove i Ciccone vivevano in un quartiere eterogeneo dove “le strade erano inondate” dai successi della Motown. All’interno della famiglia, la figlia maggiore Madonna formò fin da piccola una classe a parte: eccelleva a scuola, ma si scontrava anche rumorosamente e spesso con il padre, soprattutto per quelle che considerava ingiuste differenze tra ragazzi e ragazze. L’insegnante di danza classica Christopher Flynn, qui raffigurato come un orgoglioso gay con grandi ambizioni, divenne il primo mentore creativo di Madonna. Da quel momento in poi nulla sembrò disturbarla: frate Cristoforo ricorda in un aneddoto come, quando aveva sedici anni, una volta tornò a casa da una gita in piscina con chiari segni di lotta sul viso e lei no. Di’ una parola al riguardo. La sua resilienza è stata e continua ad essere straordinaria.

Nozze

Una volta che la carriera di Madonna iniziò alla grande dal 1983 in poi, i tratti distintivi della sua personalità divennero chiari. Vita ribelle Fuori dalla vista – Gabriel si difende dalla psicologia non supportata e quindi si concentra costantemente, a volte in modo un po’ scolastico, sulla Madonna del mondo piuttosto che sulla Madonna del vicino. Ciò ha anche dei vantaggi: impari molto da questo libro, compresi i rapporti di potere all’interno dell’industria dell’intrattenimento americana.

Le parti migliori sembrano resoconti storici: il folle matrimonio di Madonna, assediato dai paparazzi, con l’attore Sean Penn a Malibu nel 1985, ad esempio, non è mai stato ricordato prima in modo così dettagliato, è come sentire gli elicotteri volare sopra di loro. Gli sposi hanno dovuto gridarsi di sì l’un l’altro. “Se una di queste cose si rompesse, metà di Hollywood verrebbe spazzata via”, disse in seguito un amico del liceo di Ben. Era così Apocalisse oraAndy Warhol, originario di New York, scrisse con entusiasmo nelle sue memorie del “fine settimana più emozionante della mia vita”.

READ  Issa Howes non vuole andare in una casa di cura, ma vuole andare a vivere con i bambini: 'Mi sono preso cura anche di loro'

Lo scontro culturale tra gli amici artisti di Madonna a New York e l’establishment di Hollywood è sintomatico delle sue esperienze in entrambe le città. New York significava la libertà di fare ciò che si voleva e con chiunque, mentre nella Hollywood bianca il controllo era affidato agli uomini eterosessuali e ai dollari. Per Madonna si è rivelato molto difficile: nel film Dick Tracy (1990), ha recitato al fianco di titani come Dustin Hoffman e Al Pacino sotto la direzione del suo allora amante Warren Beatty, ma Gabriel descrive l’atmosfera sul set come ostile e offensiva.

IL Ambizione biondaIl tour che seguì fu la risposta di Madonna: aveva creato il suo mondo, con un ruolo da protagonista per gli uomini gay che avevano formato la sua famiglia da lei stessa scelta fin da quando era adolescente. L’AIDS ha seminato il caos tra loro; Il numero di morti subite da Madonna prima dei 30 anni è sorprendentemente alto. È stata la prima pop star a parlare pubblicamente dell’AIDS; Nel 1987, un anno prima che il governo degli Stati Uniti prendesse definitivamente il potere, distribuì opuscoli sul sesso sicuro al giovane pubblico dei suoi concerti.

C’è un punto in cui Gabrielle a volte perde la pazienza, ed è quando cita i critici di Madonna. Ora, quello che è successo a Madonna al culmine della sua gloria non è poi così facile. Effimera, imitatrice, puttana, lussuriosa e minaccia per i giovani: in Europa abbiamo ricevuto solo una minima parte di ciò che l’America conservatrice in particolare le ha riversato addosso, e di quanto crudelmente è stato trattato in televisione e sui giornali. Gabrielle ora sembra voler difendere Madonna da quella che lei descrive come pura misoginia. Poi il suo tono diventa amaro e sarcastico, ma non è proprio necessario in questo contesto. Vita ribelle È un resoconto enorme di una carriera enorme.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24