L’industria esce dalla Corona Valley dopo un anno • Pump NL

‘Le cose andranno meglio’. Albert Jan Swart, economista del settore industriale interessato al settore dei trasporti e analista economico di Navie presso ABN Amro, ha espresso questa convinzione il 4 giugno 2021. Mod Cafe Invita tradizionalmente qualcuno il primo venerdì del mese a spiegare i dati economici. E all’inizio di giugno, Swart ha ridato speranza all’industria.

Fabbricazione

nero Spiega le linee generali che il settore sta attraversando come segue: interruzione della catena di approvvigionamento, problemi di solvibilità, rischio di credito. “A seconda di un nuovo tipo di corona e del tasso di vaccinazione, vediamo tutti i tipi di punti luminosi. A nostro avviso, le cose si faranno selvagge dopo l’estate e la crescita potrebbe compensare la storica contrazione del 15%”.

un anno fa

Nel gennaio 2020. Corona è iniziata in Cina e ha interrotto le sue esportazioni. Abbastanza, se si considera che la Cina da sola rappresenta il 28 per cento della produzione industriale globale. Su tutta la linea, da gomma, plastica e metallo ai sensori”.

L’auto è stata la prima a bagnarsi perché lì usa il principio JIT (just in time). Quindi erano senza parti a metà marzo 2020. Ma presto l’Italia è stata “bloccata” e i controlli alle frontiere sono stati imposti ovunque.

Recupero e sostegno del governo

Swart continua: “La nuova chiusura nell’autunno del 2020 ha influito in misura molto minore sulla produzione industriale. Il recupero e il sostegno del governo hanno rafforzato la fiducia nel settore. I freni sono stati tolti quando sono stati promessi i vaccini a novembre. Il governo cinese ha colpito Corona con severità. misure e imposto un dazio La produzione è tornata in pieno.

READ  Controverso capitano di navi migranti non processato per aver violato l'assedio di Lampedusa | all'estero

Quindi anche l’economia nei Paesi Bassi si è ripresa

infortunio

La carenza nella filiera, oltre al corona, anche il Canale di Suez è da tempo un ostacolo, Swart spiega le oscillazioni della filiera con teoria degli infortuni. “Quando inizi con un ‘colpo’, si espande sempre di più e alla fine diventa una frusta decente. Questo crea molti problemi a monte della catena. Ciò è dovuto alla paura tra l’acquirente e il rivenditore. Quando la domanda si ferma, ogni azienda logicamente riduce la loro produzione, riducono i costi e limitano il capitale circolante, dopo il declino tutti compreranno pezzi di ricambio, ma questo significa carenza di materiali”.

Questo è più evidente nei chip ora. Ma c’è anche un barlume di speranza ora che l’Unione Europea sta parlando di una fabbrica europea di chip e che Bosch ha appena aperto una fabbrica a Dresda, in Germania.

ottimismo

Se guardi Market, una fonte per i numeri comparativi, i Paesi Bassi sono in una buona posizione rispetto ad altri paesi, afferma Swart. “Il nostro indice è il più alto dove la Germania è in qualche modo in ritardo. Ha senso con la loro industria automobilistica e con noi siamo un po’ più prevalenti in essa. Anche Statistics Netherlands rileva che fiducia nel prodotto si alza. I produttori sono più ottimisti di quanto non fossero nel 2019 e tutti menzionano il loro portafoglio ordini completo. Anche l’indice dei responsabili degli acquisti di Neve per la produzione olandese è aumentato a maggio a 69,4. Ciò indica una continua rapida crescita.

La crescente domanda di chip, in parte dovuta al 5G e all’elettronica in casa, resta motivo di preoccupazione. Per quanto riguarda i prezzi delle materie prime, esiste ancora la speculazione. I prezzi di acquisto e di vendita sono in aumento e i primi sono i più alti. Avvertenza per il settore: assicurati quindi di quotare prezzi sensibili alle fluttuazioni dei prezzi delle materie prime!

READ  Il Museo di Leida restituisce un vaso in Italia

Il sostegno fornito dal governo comporta anche un altro rischio: il debito fiscale. Ciò significa che il fornitore deve orientarsi rigorosamente sulla solvibilità dei propri clienti e coprire eventuali rischi di credito”.

Cina

Swart dà uno sguardo anche alla Cina. Un anno fa, il paese ha annunciato di voler realizzare tutte le auto e le macchine nella sua strategia 2025 e di voler essere all’avanguardia. Poiché il nostro accordo commerciale è andato in rovina dopo che Shardsma ha parlato degli uiguri, era ancora alquanto incerto come sarebbe andato a finire. Perché la Cina compra tutta la tecnologia e ci siamo già certificati al 50%. Quindi è un grosso rischio. L’Unione europea lo comprende e ha affermato in una relazione che possiamo migliorare tutto da soli e ciò significa che abbiamo bisogno di denaro pubblico!

Quindi andrà bene, ma la vigilanza resta come sempre un consiglio. Ecco perché sei un imprenditore.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24