“L’inverno sta arrivando” In risposta, i teschi delle talpe europee si sono ridotti fino all’11 percento

È un meccanismo di sopravvivenza intelligente, che consente di risparmiare energia e di resistere al freddo estremo.

Quando arriva l’inverno, alcuni animali partono per luoghi soleggiati, mentre altri dormono profondamente durante questo periodo rigido. Ma la talpa europea – che vive spesso nei Paesi Bassi e probabilmente risiede nel tuo giardino sul retro – ha un trucco diverso. I ricercatori hanno scoperto che con l’avvicinarsi dell’inverno, il cranio della talpa si restringe.

restringimento
in Nuovo studio I ricercatori hanno esaminato più da vicino i teschi di talpe europee conservati nelle collezioni del museo. Hanno misurato le dimensioni delle teste e hanno annotato il periodo dell’anno in cui l’animale è stato raccolto. Porta a una scoperta sorprendente. Perché la dimensione del cranio non è la stessa tutto l’anno. Quando arriva l’inverno, il cranio di una talpa di un anno si rimpicciolisce fino all’11%. In primavera, il cranio ricresce di circa il quattro percento. Un andamento simile è stato osservato l’anno successivo, anche se in misura minore.

inverno
I ricercatori sospettano che questo straordinario fenomeno sia una reazione al freddo e alle temperature invernali e non il risultato della mancanza di cibo. Si ritiene che il restringimento fornisca agli animali una grande quantità di energia, aiutandoli ad affrontare inverni rigidi.

Fenomeno Dehnil
La talpa europea non è l’unico mammifero in grado di rimpicciolirsi e far crescere periodicamente il suo cranio. Questo fenomeno è anche chiamato fenomeno Dahnel, dal nome del professor Auguste Dahnel, che per primo osservò questo fenomeno nei toporagni nel 1949. Vide che le dimensioni dei crani di questi animali variavano stagionalmente. Da allora questo fenomeno è stato osservato in tutto il mondo in un certo numero di piccoli mammiferi, inclusi ermellini e donnole. Tuttavia, sembra essere limitato agli animali altamente attivi che non vanno in letargo.

I crani di una tigre possono ridursi fino al 20 percento in inverno. Il cranio di un toporagno non riacquista mai le sue dimensioni reali. Foto: Mike Lane45. Da Getty Images (tramite canva.com).

Sebbene la riduzione faccia risparmiare energia, implica anche un compromesso. Ad esempio, ricerche precedenti hanno dimostrato che ciò influisce sul comportamento cognitivo dei toporagni. Esattamente come funziona, tuttavia, necessita ancora di ulteriori studi.

READ  Impensabile ultimamente, ma realtà ora: l'idrogeno verde costa meno del grigio, a causa della guerra in Ucraina

toporagno
Sebbene il fenomeno Dehnel sia stato studiato principalmente nei toporagni, queste simpatiche creature non sono adatte come organismo vivente. Vivono solo per una media di tredici mesi, il che significa che attraversano il fenomeno Dehnel solo una volta. A differenza del toporagno, la talpa europea vive tre anni. Ora che è stato dimostrato che una talpa è anche in grado di rimpicciolirsi e far crescere il suo cranio, è probabile che questi animali forniranno nuove informazioni su questo fenomeno alquanto insolito. “Il fenomeno di Dahnel offre un’opportunità unica per studiare i cambiamenti nel volume del cervello”, ha affermato la ricercatrice Dina Deschmann. “E sebbene i toporagni siano il modello classico, mostrarlo in altri animali, come la talpa europea, ha enormi implicazioni. Potrebbe anche essere interessante confrontare il fenomeno Dehnel nei toporagni e nelle talpe”.

talpe vive
Gli scienziati hanno in programma di studiare il fenomeno Dehnel negli animali vivi nella ricerca di follow-up. In questo modo sperano di scoprire esattamente come si è evoluto. “Vorrei studiare le talpe viventi per capire meglio come il volume del cervello cambia nel tempo”, dice Dickman. “Ci auguriamo che questo faccia anche più luce su come il comportamento delle talpe e il dispendio energetico siano influenzati da questo fenomeno”.

cure mediche
Ma la ricerca sul fenomeno Dehnel non solo amplierà la nostra conoscenza dei meccanismi intelligenti di sopravvivenza dei mammiferi scavatori di tunnel. Negli ultimi anni, anche i cambiamenti estremi delle dimensioni del cranio hanno incuriosito gli scienziati, poiché possono fornire informazioni su come si sviluppano lo scheletro e altri tessuti che possono cambiare drasticamente, anche dopo che un animale è completamente cresciuto. C’è la speranza che questo aiuti la ricerca di nuovi trattamenti medici per le condizioni che influenzano la crescita e la salute delle ossa umane e di altri organi.

READ  Il telescopio spaziale James Webb rileva l'anidride carbonica nell'atmosfera del pianeta | Tecnica

“Alcuni scienziati sono interessati al fenomeno Dahnel perché una maggiore conoscenza potrebbe portare a nuovi trattamenti per le malattie neurodegenerative e l’osteoporosi (una condizione in cui le ossa sono meno rigide e forti a causa della ridotta densità ossea)”, afferma Deichmann. Dando a questo fenomeno una base tassonomica più ampia, c’è una maggiore possibilità che ulteriori ricerche producano risultati. E questo potrebbe essere vantaggioso per noi”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24