L’Iran giustizia la prima persona nel braccio della morte per le proteste | All’estero

L’Iran ha eseguito la sua prima esecuzione di una persona nel braccio della morte per il suo ruolo nelle proteste su larga scala del paese. Lo riferisce l’agenzia di stampa iraniana Tasneem. Le persone potrebbero essere state giustiziate prima, ma questo non è stato reso pubblico.

Riguarderà un uomo che ha ferito un agente di polizia durante una manifestazione nella capitale, Teheran, e bloccato una strada. Per questo fu condannato a morte. Il manifestante ha presentato ricorso, ma è stato negato dalla Corte Suprema.

Secondo Amnesty International, almeno 21 persone sono state condannate a morte in Iran per la loro partecipazione alle proteste. L’organizzazione per i diritti umani descrive queste condanne come il risultato di “processi farsa progettati per intimidire i manifestanti”.

Manifestazioni di massa hanno avuto luogo in Iran da metà settembre per chiedere più libertà e contro il regime di Teheran. Migliaia di persone sono state arrestate durante le proteste, che le autorità considerano rivolte.

Secondo Human Rights Watch, circa 450 manifestanti sono stati uccisi dalle forze di sicurezza iraniane durante le proteste.

L’ondata di proteste è la più grande da anni per l’Iran, ed è iniziata dopo la morte del 22enne Mohsa Amini. La donna, di origine curda, è morta dopo essere stata arrestata dalla polizia morale per non aver indossato correttamente il velo.

READ  La Corea del Nord registra il primo decesso per Corona, decine di migliaia di pazienti

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24