L’Italia apre un museo con i tesori culturali recuperati dal commercio illegale

L’Italia sta facendo tutto il possibile per salvare molte antichità e manufatti dalle grinfie del commercio illegale d’arte. Grazie agli sforzi del dipartimento speciale d’arte della polizia, il numero di oggetti recuperati è ora che il Paese ha allestito per loro un museo separato. Un museo d’arte conservata ha aperto mercoledì a Roma.

L’Italia è leader nel recupero di oggetti antichi e dal 1969 ha recuperato circa 3 milioni di oggetti. In quell’anno fu istituito un corpo speciale dei Carabinieri, che si occupava solo di reperire e rimpatriare i tesori culturali.

Il museo ama organizzare mostre di reperti recuperati più volte all’anno con un tema ogni volta diverso. Ad esempio, è prevista una mostra sugli Etruschi e una mostra sulla Magna Grecia, la parte greca d’Italia, soprattutto al sud. Dopo la mostra, i pezzi saranno ospitati nei musei della regione di provenienza.

La prima mostra mette in mostra un centinaio di reperti dall’Italia per un totale di 260 oggetti che la polizia è stata in grado di rimpatriare dagli Stati Uniti nel dicembre dello scorso anno. Questi includono preziose figurine etrusche, vasi e vasi e numerose monete. La fiera si svolgeva nell’ambito delle Terme di Diocleziano, un grande complesso termale completato nel IV secolo per volere dell’omonimo imperatore.

Il generale Roberto Riccardi si occupa della conservazione dei beni culturali dei Carabinieri, nel nuovo museo.Immagine di AP

La polizia ha trovato molti dei pezzi in musei, case d’asta, gallerie o collezionisti privati ​​americani. Il governo italiano ha usato la diplomazia per riavere il governo degli Stati Uniti e i musei e Roma ha intentato causa se non hanno collaborato volontariamente. In particolare, la collezione di antichità del Getty Museum di Los Angeles era un sito importante per la polizia.

READ  Strano rumor dall'Italia: indagato il giocatore del PSV Mertens Inzine

L’Italia vuole dare l’esempio ad altri paesi con il suo approccio e all’inizio di questo mese ha riportato in Grecia un oggetto greco che era stato in un museo a Palermo (Sicilia). Questo frammento ha ora un posto di rilievo nel Partenone di Atene. Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha elogiato l’approccio degli italiani e sperato che altri paesi e musei seguissero l’esempio italiano. Ha menzionato specificamente il British Museum, che rifiuta di restituire i Frisoni del Partenone (noti anche come i marmi di Elgin, una delle mostre più importanti della civiltà greca) alla Grecia.

Il comandante dei Carabinieri Theo Luci ha detto all’agenzia di stampa AP che il suo più grande desiderio è quello di esporre un giorno in Italia la statua in bronzo del ‘giovane vittorioso’, ritrovata in Adriatico nel 1964.

La statua è ancora al Getty Museum. Nel 2018, la Corte Suprema italiana ha stabilito che il museo deve restituire la statua all’Italia, ma il museo ha rifiutato perché la statua sarebbe stata pescata in acque internazionali.

leggi di più:

Lo stesso Rijksmuseum sta entrando nel dibattito sul recupero dell’arte saccheggiata

Il Rijksmuseum non ha voluto aspettare che altri paesi riferissero Per ripristinare l’art† Richiede il dialogo.

Il tesoro della Siria viene saccheggiato

Rapimento dei ribelli siriani Arte rubata Hanno attraversato il confine per finanziare la loro lotta. Abbastanza acquirenti, si scopre.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24