L'Italia vuole un marchio di qualità: questo ristorante è davvero italiano? | Cucinare e mangiare

Cucinare e mangiareHai mai mangiato l'ananas sulla pizza mentre pensavi di essere in un vero ristorante italiano? Oppure hai preso la pasta alla carbonara imbevuta di panna? Per distinguere i finti ristoranti italiani dai ristoranti “veri” è necessario che ci sia un cartello speciale.

Lo rende noto il ministero italiano delle Politiche agricole. Il marchio di qualità per i ristoranti italiani dovrebbe valere anche per i ristoranti all'estero.

Il governo italiano vuole anche inviare ispettori per fornire ogni anno circa 7.000 scatole in tutto il mondo con un “marchio di autenticità”. Ci sono tre requisiti per il sigillo: come chef, puoi lavorare solo con ingredienti italiani autentici e devi assumere almeno un italiano. I piatti devono essere presenti nel menù anche in italiano.

Secondo il quotidiano italiano questo va fatto Gli unici 24 crudi Garantire che tutti i paesi del mondo utilizzino la lingua “italiana” in modo appropriato. L'idea è che chiunque offuschi il nome dell'Italia danneggerà il Paese. Dovrebbe esserci un'app che permetta di trovare i veri ristoranti italiani nel mondo, secondo Fabrizio Capaccioli, presidente di Asacert, l'organizzazione che dovrebbe assegnare il marchio ai ristoranti.

Basti pensare a parole come parmigiano e toadilla. Viene utilizzato in modo errato

Fabrizio Capaccioli, amministratore delegato di Asacert

“Ci sono tanti prodotti contraffatti nel mondo, soprattutto nei ristoranti, che sfruttano il marchio italiano e da cui dobbiamo tutelarci”, ha detto Capaccioli. “Basti pensare a parole come parmigiano e mortadella. Sono usate in modo errato.” I prodotti sembrano italiani, ma secondo lui non lo sono.

È molto importante visitare tutti i ristoranti. Secondo il quotidiano italiano sono oltre 90mila i ristoranti italiani all'estero.

READ  L'investitore tecnologico Prosus è in fondo all'AEX leggermente inferiore

credibilità

A proposito, sembra più facile di quanto non sia. Le visite a 30 ristoranti del Regno Unito hanno dimostrato che anche rinomate catene italiane utilizzavano prodotti che non provenivano dall'Italia. Ecco perché non hanno ottenuto il certificato.

La certificazione non è un obbligo, ma dà credibilità, secondo Capaccioli. L'azienda prevede che il marchio sarà maggiormente richiesto in paesi come Inghilterra, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Canada e Stati Uniti.

Quando nessuno ti guarda, puoi semplicemente preparare la pizza hawaiana di Jett e Perry a casa:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24