Lo Stato della Baviera potrebbe installare una croce sul muro di ogni edificio governativo, afferma il giudice amministrativo

Già nell’aprile 2018 il primo ministro bavarese Markus Söder aveva appeso una croce nella Cancelleria.Foto dell’Agenzia France-Presse

Nel 2018 il premier bavarese Markus Söder dell’Unione cristiano-sociale (CSU) ha decretato che tutti gli edifici pubblici debbano esporre in modo ben visibile una croce “come espressione del carattere cristiano e culturale della Baviera”. I sostenitori della “significativa separazione tra Stato e Chiesa e dell’eliminazione dei privilegi ecclesiastici” hanno contestato l’obbligo di appendere croci. Secondo loro, questa azione viola la libertà di religione e il requisito costituzionale secondo cui il governo deve rimanere neutrale in materia religiosa.

La Baviera è lo stato con la seconda più grande popolazione cattolica in Germania. Nel censimento più recente condotto nel 2011, circa il 55% si è descritto come cattolico, il 21% come protestante e il 6% come musulmano. Il resto non appartiene ad alcuna religione o ad altre credenze diverse dalle tre prevalenti. Solo il Saarland conta più cattolici tra la sua popolazione (63%).

Il giudice amministrativo ha prestato poca attenzione alle obiezioni sollevate dalla Società di libero pensiero bavarese (BFG Bayern). La corte riconosce che “le croci presentate rappresentano un simbolo centrale della fede cristiana per un osservatore obiettivo”. Ma descrive il regolamento come “un regolamento puramente amministrativo che non ha alcun effetto giuridico esterno e quindi non viola alcun diritto dei ricorrenti”.

Gli oppositori stanno ora pensando alle strade da seguire per ottenere i propri diritti. Una di queste opzioni è quella di deferire il caso alla Corte Costituzionale Federale, la più alta corte tedesca. “Non è ancora finita”, ha detto la presidentessa del Bayern Monaco Assunta Tamilu.

READ  Documento trapelato: "La Corte Suprema degli Stati Uniti vuole abrogare il diritto all'aborto" | all'estero

dividere

Quando cinque anni fa il primo ministro regionale Söder annunciò il decreto, si scatenò un acceso dibattito. Il leader della CSU e il suo partito utilizzeranno la croce come strumento politico per creare sentimenti, soprattutto contro i musulmani, per togliere vento alle vele del partito di estrema destra Alternativa per la Germania. L’applicazione obbligatoria delle croci venne attuata quattro mesi prima delle elezioni, nelle quali la CSU subì pesanti perdite.

La leadership della Chiesa protestante è stata una delle organizzazioni che hanno parlato. La Chiesa cattolica sembrava divisa. Arcivescovo di Monaco, cardinale Reinhard Marx, disse in un’intervista all’epoca Ama vedere croci ovunque, ma questo impegno gli ripugna. “Ora c’erano divisioni, disordini e conflitti. Chi vedeva la croce esclusivamente come simbolo culturale non lo capiva.

Poco prima che il giudice amministrativo emettesse la sentenza, il cardinale aveva chiarito ai giornalisti di non essere contrario alle croci. “Fanno parte della nostra storia”. Ha indicato anche tutte le croci appese sulle facciate, lungo le strade e nelle scuole. “Né mi preoccupo che le croci scompaiano dalla scena stradale bavarese.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24