TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

Lo stato tedesco del Nord Reno-Westfalia allenta le regole di vaccinazione | L’interno




Ciò riguarda tutti coloro che hanno ricevuto una vaccinazione completa e le persone che hanno l’immunità perché sono state recentemente infettate da Corona. Dovrebbero essere in grado di dimostrarlo con documenti ufficiali. Per loro, possono acquistare di nuovo liberamente. Anche le scuole dovranno interrompere i test e non dovranno più essere messe in quarantena quando entrano in Germania.

Secondo il primo ministro, il rilassamento ha senso, perché sempre più persone vengono vaccinate e non rappresentano un rischio maggiore rispetto alle persone che risultano negative.

Tanto rumore, costi elevati

Un mese fa La Germania ha introdotto regole severePerché ci sono più feriti sul lato olandese del confine che in Germania. Ciò ha causato molto clamore, poiché migliaia di lavoratori oltre confine hanno dovuto affrontare l’obbligo di sottoporsi a test da un giorno all’altro.

Le persone che viaggiano molto su e giù improvvisamente hanno dovuto sostenere i test da sole due o tre volte a settimana, a volte con costi più elevati. Per un rapido test ufficiale sul lato olandese del confine, paghi in media qualche dozzina alla volta.

Ora ci sono molte iniziative in Germania. Gli olandesi possono mettersi alla prova gratuitamente.

Tre modi per dimostrare la tua immunità

Secondo le autorità tedesche, ci sono tre modi in cui si può dimostrare una protezione completa contro Corona.

1) Con evidenza di vaccinazione completa contro Corona con un vaccino approvato nell’Unione Europea e completato con almeno 14 giorni di anticipo

2) Con evidenza di un risultato ufficiale positivo del test, come un test PCR datato almeno 28 giorni e massimo sei mesi

READ  Diretto | Gli inglesi potranno presto nuovamente coccolarsi: "la vaccinazione è un successo straordinario" | L'interno

3) Con l’evidenza di un risultato positivo del test come nella Figura 2, insieme alla prova che almeno una dose di vaccino coronarico è stata somministrata con un vaccino approvato dall’UE almeno 14 giorni fa