L’ufficiale che ha sparato a Daunte Wright e il suo capo ha rassegnato le dimissioni

Il poliziotto statunitense che ha sparato al ventenne Don Wright in un sobborgo di Minneapolis si è dimesso. È stato fatto anche dal capo della polizia, Tim Gannon, del comune di Brooklyn Center, dove è avvenuto l’incidente.

Il 48enne ha scritto in una dichiarazione che “è nell’interesse della società, della mia famiglia e dei miei colleghi se mi dimettessi immediatamente”. Era già stata sospesa.

Il sindaco Mike Elliott apprezza la decisione dell’agente, ma dice di non averlo chiesto. Elliott dice che non è sicuro che lascerà perché ha sentito che sarà licenziata presto.

Speranza di pace nella società

Spera che le sue dimissioni “portino un po ‘di pace nella società”, ma ha anche detto: “Dobbiamo assicurarci che la giustizia prevalga. Down Wright se lo merita, e la sua famiglia lo merita”.

Wright è stato colpito domenica dopo essere stato fermato nella sua auto per un’infrazione stradale. Sembra che ci sia un mandato d’arresto per lui. Quando la polizia ha cercato di arrestarlo, è scappato ed è stato ucciso. L’ufficiale pensava che lo fosse Ho usato un’arma a scossa elettrica Non la sua arma da fuoco. Secondo il capo della polizia, il suo errore ha portato alla tragica morte dell’uomo di colore.

La polizia ha rilasciato le foto della telecamera del corpo del cliente

READ  Il Vaticano arrabbiato per la legge italiana sull'omofobia, accusando violazione della libertà della chiesa

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24