L’Ungheria abolisce la legge discriminatoria sotto la pressione legale europea

Il parlamento ungherese ha abrogato una legge che impone regole severe alle ONG e ai loro donatori. La legge del 2017 era in conformità con Corte di giustizia europea Discriminazione contro le ONG e imposto loro “restrizioni ingiuste”.

Le organizzazioni che ricevono donazioni straniere superiori a un determinato importo sono tenute a informare le autorità, divulgare i nomi dei donatori e segnalare sul loro sito web che la loro organizzazione è “sostenuta dall’esterno”. Il governo nazionalista di destra del primo ministro Orban ha sostenuto che la legge è necessaria per aumentare la trasparenza.

Un altro modo

I critici hanno visto la legge come un modo per frustrare il miliardario ungherese-americano George Soros, tra gli altri. Attraverso Open Society Foundations, sostiene le organizzazioni che difendono i diritti civili, la libertà di stampa e i rifugiati. Orban accusa Soros di finanziare attività sovversive in Ungheria.

A causa delle critiche internazionali alla legge e dell’imminente azione legale da parte della Commissione europea, il governo ha deciso di abrogare la legge. Il Parlamento ha approvato questa proposta.

19 ONG, tra cui Amnesty International, Greenpeace e il Comitato per i diritti umani di Helsinki, affermano che il governo ungherese continua le molestie in modo diverso. Il Parlamento ha anche approvato un disegno di legge che conferisce alla Corte dei conti ungherese maggiori diritti di controllare le finanze delle ONG.

READ  La Repubblica Ceca espelle 18 diplomatici russi per aver fatto saltare in aria un deposito di munizioni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24