“L’Ungheria dovrà ricominciare da zero se la Russia taglierà le linee elettriche”.

internazionale5 maggio 24 alle 17:42Modificato il 6 24 maggio alle 00:56autore: Questo passaggio

Verso la fine della Guerra Fredda, Viktor Orbán emerse come un politico ambizioso proveniente dall’angolo liberale. Il sessantenne ormai “piuttosto obeso” è stato per quattordici anni a capo di uno “stato prigioniero” – uno stato in ostaggio con uno spettacolo mediatico in ostaggio, dicono il corrispondente europeo di NOS, Tegen Sadi, e altri. “L’immagine che ho è, lasciatemi dire in modo neutrale, quella di un politico molto abile”.

“L’Ungheria dovrà ricominciare da zero se la Russia taglierà le linee elettriche”.

Non importa quanta pressione esercitano su di lui i leader europei, Orban è in grado di mantenere il suo status di outsider all’interno dell’Unione Europea. Lo fa, tra l’altro, con un atteggiamento molto pragmatico nei confronti della Russia. Ideologicamente, la vicinanza a Vladimir Putin si limita all'ammirazione di Orban per i leader forti. Sadie afferma che le relazioni commerciali con la Russia hanno a che fare con l’elevata dipendenza energetica. “Deve salpare, e quando Bruxelles gliene parla severamente, praticamente se ne ride”.

“L’ungherese medio capisce la situazione attuale e capisce come Orbán la sta affrontando”.

Tegen Sadie, giornalista

Leggi anche | La Russia si sta preparando per una guerra su vasta scala con la NATO

Perché è una totale illusione, soprattutto per l'Ungheria, restare in piedi in questo momento per quanto riguarda l'approvvigionamento energetico. Dalla caduta del muro nel 1989, il Paese non ha investito nulla nella diversificazione energetica. Anche per la sua unica centrale nucleare, il Paese dipende completamente da Mosca. Ciò non può certo essere attribuito solo a Orbán, sottolinea Sadi. “Anche negli anni precedenti i socialdemocratici e i liberali non avevano investito nulla nel mix energetico”.

Relazioni energetiche con la Russia

In effetti, le relazioni “calde” con la Russia non sono mai state oggetto di discussione interna. Bruxelles può saltare in alto e in basso, e l’Ungheria certamente può farlo da zero Dovrebbe iniziare se le linee elettriche con la Russia venissero tagliate adesso. “Il cittadino ungherese medio comprende la situazione attuale e capisce come Orbán la sta affrontando”. L’opposizione è piccola e troppo debole per attaccare il presidente. “È così che Orban vince ogni volta le elezioni”.

Leggi anche | La nuova resistenza di Orban è un messaggio ai sostenitori e all’amico Putin

L’ultima volta che Orban ha vinto un’elezione, è riuscito a ottenere diversi voti aggiuntivi promettendo ai residenti prezzi bassi dell’energia poco dopo l’invasione russa dell’Ucraina. È stato un enorme sollievo. E poi l'ungherese medio dimentica presto come succede. Ciò dimostra anche quanto facilmente il Primo Ministro possa farla franca con la sua posizione ambivalente nei confronti di Putin. Ha promesso agli ungheresi una strategia di pace. Perché secondo lui la “strategia di guerra” occidentale non porta a nulla.

READ  Parchi naturali degli Stati Uniti chiusi a causa del clima invernale: neve nella Death Valley | al di fuori

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24