Marinos sale su un bus carico di pesce con i giapponesi in Europa: “Vuoi diffondere la cultura del cibo”

Una volta al mese autisti Hokkai Suisan – Japan North Sea Fisheries – sta per fornire prodotti ittici freschi e congelati alle persone in Europa. Dallo sgombro in salamoia al salmone a fette marinato al sakè.

Popolare tra gli espatriati giapponesi

Questi prodotti ittici, preparati in stile giapponese, vengono ordinati principalmente da espatriati giapponesi e consegnati loro in appositi camion refrigerati. Che si tratti di Vienna, Praga, Parigi o Monaco. “Ad esempio, ogni mese vengono inviati a Parigi circa 150 ordini. E poi il nostro autista è in città per quattro giorni per controllare tutti gli indirizzi”, afferma Marinus Noordenbos, fondatore e CEO di Hokkai Suisan.

Di tanto in tanto, si guida anche da solo, perché gli piace tenersi in contatto con i clienti. Nordenbos parla correntemente il giapponese, qualcosa che ha imparato da autodidatta quando ha trascorso un anno in Giappone all’età di diciotto anni lavorando per un’azienda di lavorazione del pesce.

L’olandese alto tra i giapponesi

Nordenbos ne ha avuto abbastanza della scuola da adolescente. Dopo il liceo, non voleva continuare a studiare. Voleva fare qualcosa con le sue mani. Suo padre, proprietario di una compagnia di navigazione a IJmuiden, vendeva già sgombri in Giappone a quel tempo. Un pesce che ci è poco noto, ma è molto popolare lì.

“Bello” ho pensato che fosse. L’unico problema: non ha pronunciato una sola parola giapponese quando è andato via e bisognava fare qualcosa in fretta, perché a Nordenbos piace “parlare e conoscere gente”.

Vendere pesce dal gambo

In soli tre mesi ha imparato la lingua. Pochi mesi dopo, ha incontrato la sua attuale moglie. I giapponesi hanno viaggiato con lui nei Paesi Bassi e insieme hanno fondato l’azienda nel 1993.

“È iniziato con il sugarello”, racconta, “lo preparavamo alla maniera giapponese e lo vendevamo ai giapponesi della zona”. Poi ha fermato il suo posto a Ibiza davanti alla scuola giapponese di Amsterdam con una scatola piena di pesci. “E lì si sono messi in fila per comprare quei pesci da me.”

I prodotti hanno preso piede e Hokkai Suisan ha ampliato la gamma. La clientela è cresciuta anche grazie al passaparola. “È stata aggiunta la prima Rotterdam, e poi abbiamo ricevuto anche un ordine da Düsseldorf, che ha una grande comunità giapponese”.

Applausi a Dusseldorf

Nordenbos ricorda bene quel primo trasferimento all’estero: “Abbiamo ricevuto esattamente due ordini da Düsseldorf. Poi ho affittato un congelatore e ci sono andato”. Grande autobus per due cose. “Semplicemente non aveva senso. Ma quando sono arrivato lì, l’autobus si è aperto e c’era una nuvola di freddo pungente che usciva, ei giapponesi stavano applaudendo. È stato davvero divertente.”

Da quel momento è cresciuto da solo. Poi la notizia si diffonde. Proprio come gli olandesi in Canada, anche loro si riuniscono e si dicono dove è possibile acquistare gli zuccherini. “

Ma per Noordenbos, non è ancora possibile sedersi comodamente, perché crede che i suoi prodotti dovrebbero essere in grado di raggiungere più persone rispetto alle sole comunità giapponesi. Ma poi, come si trasferisce l’olandese al “merluzzo nero” fermentato o alle fauci di kingfish. Perché quello che il contadino non sa…

READ  Il Sud Italia desidera il Fondo europeo di ripresa

Ristorante nel business park

È stato aperto un fast food di sushi con l’obiettivo di entusiasmare le persone per altri prodotti ittici giapponesi che possono facilmente grigliare a casa. “Perché ovviamente la cucina giapponese è molto più ampia del semplice sushi”, afferma Nordenbos. “Qui si conosce solo la punta dell’iceberg”.

Nel 2010 ha aperto il suo famoso ristorante Cucina Hokkai, proprio accanto alla fabbrica, nel mezzo di un brutto centro commerciale, questo non impedisce alle persone di guidare fino a IJmuiden. “A volte vengono qui abbastanza lontano”, ride Nordenbos. “Ciò che notiamo è che la posizione non è una barriera. Quando si tratta di qualcosa di buono e gustoso, i clienti vengono naturalmente”.

Né è passato inosservato al Ministero giapponese dell’agricoltura, delle foreste e della pesca che Nordenbos sta mettendo bene la cucina giapponese sulla mappa con la sua compagnia. All’inizio di quest’anno è stato ufficialmente nominato Ambasciatore di buona volontà per la cucina giapponese.

Ambasciatore ambizioso

Nordenbos è il primo olandese a ricevere questa onorevole designazione e a prendere sul serio il suo titolo. “Lavorerò davvero su questo.” Ad esempio, organizzando open day in cui le persone possono venire ad assaggiare tutti i tipi di piatti giapponesi.

La sua missione è chiara: “Bel ristorante, ma la mia preoccupazione principale è convincere la gente a mangiare giapponese a casa”. Così come prepariamo naturalmente la pasta italiana o mettiamo in tavola le tapas spagnole, Noordenbos vuole portare anche la cucina giapponese nel nostro sistema.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24