Mib ancora in rialzo banche pull list

(Alliance News) – Mercoledì il Mib è salito sopra quota 26.700 per il secondo giorno consecutivo, spinto dall’ottimismo dei rapporti annuali societari e dai segnali di allentamento delle pressioni inflazionistiche negli Stati Uniti in vista della tanto attesa decisione politica della Federal Reserve di stasera. , che dovrebbe aumentare i tassi di interesse di “solo” 25 punti base.

Le sale di negoziazione stanno inoltre osservando attentamente alcuni dati economici chiave dell’Eurozona in vista della decisione sui tassi di interesse della Banca centrale europea prevista per domani.

A livello interno, i dati PMI hanno mostrato che l’attività manifatturiera italiana è rimbalzata a gennaio, segnando la prima crescita del settore da giugno 2022. Inoltre, le stime preliminari hanno mostrato che l’inflazione italiana è scesa per il terzo mese consecutivo, dall’11,6% del mese precedente al 10,1% del mese precedente mese gennaio.

A Milano il Ftse Mib sale dello 0,6% a 26.703,87.

Tra i prezzi minori, il cap medio è salito dell’1,7% a 43.976,14, il piccolo indice ha chiuso in rialzo dello 0,4% a 29.693,21, e la crescita dell’Italia è stata l’unica in rosso, con un -0,2% a 9.497,14.

In Europa, l’indice FTSE 100 di Londra ha perso lo 0,1%, così come l’indice CAC 40 di Parigi, mentre l’indice DAX 40 di Francoforte è salito dello 0,4%.

Nella lista blu, il settore bancario è stato l’attore principale mentre i mercati si preparano per un possibile aumento del tasso di interesse di 50 punti base da parte della Banca centrale europea previsto per giovedì.

BPER Banca guadagna il 3,3% a EUR2.60. È interessante notare che Barclays ha aumentato il prezzo indicativo a 2,60 euro da 1,70 euro.

Grossi acquisti anche su Unipol, che sale del 2,4% in recupero dopo tre sedute di ribasso.

Intesa Sanpaolo ha chiuso in rialzo dell’1,8%, dopo il via libera del giorno precedente del 2,8%.

READ  Questi quattro (!) Rooftop apriranno ad Amsterdam nei prossimi mesi

UniCredit, invece, sale dell’1,1% a 18,08 euro. La banca ha annunciato ieri che i profitti per tutto il 2022 esclusa la Russia sono stati pari a 5,4 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 3,3 miliardi di euro dell’anno precedente, “il miglior risultato in oltre un decennio”, ha affermato il CEO Andrea Ursel.

Debole Recordati, che chiude in ribasso del 2,5% a 39,11 euro.

In mezzo alla testa, grossi acquisti su OVS, che sono saliti del 13%. Marshall Weiss ha rivisto la sua posizione corta dallo 0,52% allo 0,49%.

Le azioni Saras sono aumentate del 4,0% a 1,65 euro, toccando oggi il massimo delle 52 settimane di 1,67 euro.

Il titolo Credito Emiliano sale del 2,2 per cento a 7,99 euro. Come indicato questa settimana dall’analisi di Evaluation.it di Claudio Guerrini sul titolo Credem, “rappresenta un rischio maggiore rispetto al mercato, con un beta superiore a 1, data la sua presenza nel settore finanziario e la sua esposizione all’andamento del mercato”.

doValue sale dell’1,2% dopo aver annunciato mercoledì di aver sostituito i titoli di primo livello realizzati dalla società veicolo Fino 1 Securitisation Srl. Ciò è stato reso possibile “grazie all’ottima performance di recupero dei crediti sottostanti la cartolarizzazione ottenuta attraverso la Securitization Fino 1, con garanzia GACS fornita dal Ministero dell’Economia e delle Finanze”, ha precisato la società.

Monte dei Paschi è salito dello 0,5% a 2,46 euro per azione prima che i risultati vengano annunciati la prossima settimana.

Il titolo Cembre è sceso dell’1,7%, nella sua terza sessione ribassista.

Sul versante small cap, trimestri elevati per Trevi Finanziaria, che guadagna il 4,9% nel fatturato superiore alla media. Il titolo ha scambiato oltre 6,3 milioni di unità, rispetto a un volume medio di scambi di 1,3 milioni negli ultimi tre mesi.

Seri Industrial ha chiuso in rialzo dello 0,8%, dopo che martedì era stato annunciato che il consiglio di amministrazione aveva approvato la sottoscrizione da parte della società di nuovi contratti di locazione con la parte correlata Pmimmobiliare da parte delle controllate FIB e Seri Plast e con Azienda Agricola Quercete.

READ  Consigli per guardare il weekend: il parassita, gli affari di famiglia e quelli che uccidono

Al contrario, I Grandi Viaggi è salito del 7,1% nella sua terza sessione al rialzo per conquistare il primo posto della lista. Il titolo ha registrato un elevato volume di scambi con oltre 138.000 unità scambiate, contro una media trimestrale di poco inferiore alle 29.000 unità.

Tra le valute negative Compagnia Immobiliare Azionaria perde l’1,2 per cento con un prezzo di chiusura di 0,0648 euro.

Tra le piccole e medie imprese, i prezzi dell’energia sono saliti di oltre il 23%, dopo aver perso il 2,5% nella seduta precedente. Anche il volume delle azioni è stato elevato, con 103.000 unità scambiate, rispetto alla media trimestrale di 17.800 unità.

La convergenza sale del 9,9 per cento a 2,44 euro. La società ha riferito martedì di aver chiuso il 2022 con ricavi per 28,2 milioni di euro, in aumento del 53% rispetto ai 18,4 milioni di euro dell’anno precedente.

ReeVo – in aumento del 4,1 per cento – ha annunciato mercoledì di aver firmato un contratto quadro con il raggruppamento temporaneo di aziende a cui partecipa con IBM Italia, attraverso la rete di aziende ITALIT, per fornire servizi applicativi cloud, servizi on-demand e PMO per dipartimenti del governo centrale.

Tra le compagnie aeree, molte delle quali sono in lista, Fenix ​​Entertainment è stata in rosso al 7,2 per cento e ha chiuso con un punteggio negativo per la terza sessione consecutiva. Nell’ultimo mese ha perso oltre il 28%. Negativa anche la performance degli ultimi sei mesi, in calo del 45%. L’anno scorso Fenix ​​​​ha perso il 72%.

Il valore digitale è aumentato dello 0,1% dopo aver riferito martedì di aver chiuso il 2022 con ricavi per 706,9 milioni di euro, in aumento del 18% o 109,4 milioni di euro su base annua. La cifra è stata dell’1,4% superiore al consenso del mercato di 697,2 milioni di euro, ha affermato la società, e “sottolinea la forte attenzione del Paese agli investimenti nella digitalizzazione e nell’efficienza della sua infrastruttura ICT”.

READ  Questa è l'amica di Laetitia Gerard di "Wie is de mol?"

A New York – dove i mercati azionari girano a pieno regime – il Dow Jones è sceso dello 0,8%, il Nasdaq dello 0,2% e l’S&P 500 dello 0,4%.

Tra le valute, l’euro veniva scambiato a $ 1,0918 contro $ 1,0861 alla chiusura di martedì. Nel frattempo, la sterlina vale $ 1,2302, in rialzo rispetto a $ 1,2318 di martedì sera.

Nelle materie prime, il greggio Brent è a 85,07 dollari al barile, rispetto agli 85,31 dollari al barile di martedì sera. Nel frattempo, l’oro viene scambiato a $ 1.924,75 l’oncia da $ 1.904,40 l’oncia durante la sessione precedente.

Il calendario macroeconomico di giovedì mostra la bilancia commerciale tedesca e il conto corrente alle 08:00 CET, mentre la decisione della Banca d’Inghilterra sui tassi di interesse chiave è prevista per le 13:00 CET. Alle 14:15 CET, la Banca centrale europea annuncerà la sua decisione sui tassi di interesse in una conferenza stampa mezz’ora dopo.

Alle 16:00 CET esce dagli Stati Uniti il ​​rapporto sui beni durevoli, mentre alle 17:30 CET sono in programma le aste dei Treasury a 4 e 8 settimane.

Tra le società, sono attesi i risultati di CNH Industrial, Ferrari e Risanamento.

A cura di Maurizio Carta, inviato di Alliance News

Commenti e domande a [email protected]

Copyright 2023 Alliance News IS Italian Service Ltd. Tutti i diritti riservati. Tutti i diritti riservati.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24