I Neanderthal hanno sorprendentemente collaborato alla ricerca di un enorme elefante

AP

NOVITÀ

Un nuovo studio mostra che i Neanderthal avevano un talento per la cooperazione maggiore di quanto gli scienziati pensassero in precedenza. Circa 125.000 anni fa, hanno già cacciato in un corso organizzato sugli elefanti della foresta, i più grandi animali terrestri degli ultimi tre milioni di anni.

Dopo aver studiato una grande quantità di resti di ossa di elefanti della foresta, i ricercatori hanno concluso che i Neanderthal cacciavano in massa per uccidere gli elefanti delle foreste adulti. Poi lavoravano insieme anche per essiccare enormi quantità di carne dell’animale ucciso in modo che potesse essere conservata per un periodo di tempo più lungo. Non solo i primi umani erano attivi in ​​gruppi più numerosi di quanto si pensasse, ma rimasero anche in un posto più a lungo di quanto si pensasse. Perché uccidere, tagliare ed essiccare le migliaia di chilogrammi di carne prodotti da un tale elefante deve aver richiesto molto tempo. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science Advances.

Pubblicazione

È il passo successivo nella “liberazione” dei Neanderthal, che erano, a nostro avviso, un uomo primitivo e stupido una ventina di anni fa. Ora sappiamo che questo primo uomo dominava il fuoco, Fare pitture rupestriseppellire i morti e trasferirci il DNA.

Lutz Kindler, Monrebus

Una ricercatrice con la ricostruzione di un elefante della giungla

Il nuovo studio, a cui ha contribuito anche l’archeologo olandese Will Robrocks, aggiunge nuovi elementi a questo quadro moderno. I ricercatori hanno esaminato 3.122 resti di elefanti della foresta trovati in Germania, che vanno da scheletri quasi completi a resti ossei sconnessi. Era già noto da ricerche precedenti che queste ossa provenissero principalmente da maschi adulti. I ricercatori ne hanno concluso che i Neanderthal non aspettavano la morte di enormi elefanti della foresta, ma piuttosto cacciavano gli animali in gruppo.

READ  colonna | No, non devi impegnarti a leggere

Quasi tutti gli scheletri degli elefanti erano ricoperti da segni di incisioni di strumenti di pietra. “Queste tracce indicano che avevano accesso a cadaveri molto freschi, che hanno rimosso completamente”, dice Robrocks. Difficilmente gli animali possono morire per cause naturali: “In tal caso ti aspetteresti molto dagli animali, giovani e vecchi, perché hanno maggiori possibilità di morire”.

13 tonnellate pesanti

I ricercatori hanno concluso che ci deve essere stato un problema. Ma quando dai la caccia a un elefante della giungla, non lo fai e basta. Robrocks: “Un maschio adulto può pesare circa 13 tonnellate. Sono circa dieci autovetture in un mucchio.”

Quindi perché non catturare una femmina che pesa a malapena la metà? “Era molto più difficile catturarli, perché vivevano in gruppi con altre femmine e proteggevano anche vigorosamente i loro piccoli. I maschi adulti spesso vivevano in parziale isolamento”. Naturalmente, anche la doppia quantità di carne non poteva essere starnutita.

Pertanto, cacciare un animale così gigante richiedeva molta collaborazione. E questo è stato solo il primo passo. “Si stima che un gruppo di 25 persone potrebbe facilmente elaborare una quantità così massiccia di carne e grasso in meno di una settimana”, afferma Robrocks.

Anche il grasso era comune

I puntini di sospensione mostrano che il grasso animale era molto comune. La carne degli animali selvatici è molto magra, a differenza della carne più grassa che mangiamo oggi. “Gli elefanti della foresta avevano molto grasso sulla parte inferiore delle gambe, che fungeva da ammortizzatore. In realtà tutte le ossa dei piedi hanno segni di ferite”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24