Nawaz Sharif probabilmente tornerà ad essere il primo ministro del Pakistan, nonostante la vittoria dell'opposizione

Nawaz Sharif durante il suo discorso oggi a Lahore

Noos Notizie

  • Aleta Andre

    Corrispondente dell'Asia meridionale

  • Aleta Andre

    Corrispondente dell'Asia meridionale

Nawaz Sharif ha annunciato la sua vittoria alle elezioni pakistane. Il che è notevole, perché finora i candidati indipendenti hanno ottenuto complessivamente più seggi del suo partito, il PML-N. La maggior parte dei candidati indipendenti ha il sostegno del partito Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI), guidato dall’ex primo ministro Imran Khan detenuto.

Il loro successo nell'ottenere così tanti seggi è stata una grande sorpresa, perché Sharif ha il sostegno dell'esercito pakistano, che tradizionalmente ha una grande influenza sul governo del paese. Le autorità hanno reso le cose molto difficili al PTI nel periodo precedente alle elezioni. Sebbene i risultati abbiano richiesto molto tempo, una cosa è diventata subito chiara: l'influenza dei militari alle urne è stata molto inferiore al previsto.

Prima delle elezioni, Sharif è stato assolto da tutti i casi di corruzione, mentre Khan è stato condannato a decenni di carcere in diversi casi in una settimana. È diventato impossibile per il PTI di Khan partecipare alle elezioni come partito e la campagna elettorale è diventata più difficile per i candidati indipendenti.

“Chi vincerà è già stato deciso”, ha detto domenica alle urne l’elettore Kurshid Fatima. “Fanno capire chi sostengono e chi no, ed è per questo che la gente lo sa così bene. Il risultato è certo.” Fatima ha detto che ha votato comunque, per senso del dovere.

Violenza su tutti i confini

Sharif è visto come un buon diplomatico che può migliorare le relazioni con i vicini del Pakistan. Il Pakistan confina con India, Afghanistan, Cina e Iran e deve far fronte alla violenza armata in tutte le aree di confine. I recenti attacchi missilistici tra Iran e Pakistan mostrano quanto velocemente le tensioni possano aumentare. I militari tengono d’occhio la politica estera e quindi hanno interesse a sapere chi è a capo del governo.

READ  La Procura del Suriname respinge l'istanza dell'avvocato di Bouterse

Ma molti sostenitori di Khan hanno deciso di votare per protestare contro questa interferenza e repressione del partito di Khan, che negli ultimi anni è stato fortemente critico nei confronti dell'esercito. E con lo stesso successo che sembra adesso.

“La percezione generale è che il processo democratico non sia giusto”, ha affermato Ahmed Bilal Mahboub, fondatore del centro di ricerca indipendente Bildat. “Ma è un'esagerazione.” Secondo Mahboob la manipolazione da parte dei militari è normale, ma avviene soprattutto prima delle elezioni, rendendo il terreno di gioco quanto più disomogeneo possibile. “Il giorno delle elezioni in sé è solitamente abbastanza giusto, a prescindere dagli incidenti. Diciamo sempre ai giovani: se si vota in gran numero, diventa più difficile manipolare i risultati”.

Grande sorpresa

Sebbene non siano ancora stati pubblicati dati sul tasso di affluenza alle urne, sembra che sia proprio così. Il fatto che giovedì sera diversi candidati di Khan si siano presentati, contrariamente alle aspettative, è stata una grande sorpresa. Sharif è stato costretto a tenere in tasca per qualche tempo il discorso della vittoria. È emersa una gara serrata che è rimasta tesa.

Il PTI sostiene che i risultati sono stati truccati e che i candidati indipendenti hanno effettivamente vinto molti seggi. I sostenitori del PTI hanno protestato contro questo nella provincia settentrionale di Khyber Pakhtunkhwa. Almeno tre sostenitori del PTI sono stati uccisi venerdì negli scontri tra manifestanti e polizia. L'Unione europea ha invitato il Pakistan a indagare sulle accuse di frode e sabotaggio.

Seggi per le donne e le minoranze

Nonostante queste accuse, i candidati di Khan sono riusciti a ottenere più seggi di Sharif. Tuttavia, Sharif ha rivendicato la vittoria sulla base del fatto che il suo partito era il partito più numeroso. Il partito dice di aspettarsi più seggi: al momento del suo intervento non erano ancora stati conteggiati 45 seggi. Ai partiti verranno inoltre assegnati altri 70 seggi riservati alle donne e alle minoranze. Essendo il partito più grande, il PML-N può contare sulla maggior parte di questi seggi, mentre i candidati indipendenti non possono rivendicarne alcuno.

READ  Anche la città più calda d'America non sopporta più il caldo

Non ci sarà la maggioranza nei seggi, quindi Sharif dovrà cercare partner di coalizione. Ha invitato tutte le parti a lavorare insieme. La PML-N aveva precedentemente formato una coalizione con il Partito popolare pakistano guidato da Bilawal Bhutto, figlio dell’ex primo ministro Benazir Bhutto, assassinato nel 2007.

La PML-N afferma inoltre di essere in contatto con diversi candidati indipendenti. Possono unirsi a un gruppo fino a tre giorni dopo il ritorno dei risultati. Almeno ci si aspetta che alcuni lo facciano, il che sarà deludente per i sostenitori di Khan. Ma ora festeggiano una vittoria morale: anche se Sharif è probabile che diventi primo ministro, l’esercito non ha ancora raggiunto i suoi obiettivi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24